Ricerca nel sito: Parola Esatta
Settembre-Ottobre 1997 / TuttoFano
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

'Il Porto della Fortuna':
un romanzo di Alfredo Chiąppori

Umori e personaggi di Fano

Alfredo Chiąppori č di Lecco, la cittą su quel ramo del lago di Como di manzoniana memoria. Ed č in questi natali che si deve rintracciare l'amore del celebre disegnatore ed umorista per l'acqua e per il mare. Tra tanti approdi che poteva trovare, ha scelto Fano, il porto della dea Fortuna: e tale č anche il titolo del suo romanzo (Il Porto della Fortuna, Rizzoli 1997, L.28.000).

Il pił autorevole critico fanese, Valerio Volpini, con il suo solito acume colloca il testo di Chiąppori nel filone della letteratura marinaresca di Fano, partendo dalla "Maria risorta" (1908) di Giulio Grimaldi, per passare alle pagine di "Tutta Frusaglia" (1929) di Fabio Tombari, e arrivare infine al "Gramignano" (1967) di Luciano Anselmi. Tutto vero; ma Chiąppori, il primo non fanese a scrivere del mare di Fano, riesce a dare un'impronta personale, una lettura amorevole e acuta del porto e dei personaggi che vi gravitano intorno, con il disincanto di chi viene da fuori e la capacitą di rendere quel genius loci forse sfuggito per molte ragioni agli autori precedentemente citati.

Il racconto, anche se una nota dell'autore si premura di smentirlo, si sviluppa intorno ad un fatto realmente accaduto: il rinvenimento in mare nel 1964 di una preziosa statua greca, attribuita con fondamento ad uno dei pił grandi scultori dell'antichitą, Lisippo, ed oggi esposta nel Paul Getty Museum di Malibu in California. Gli ignari marinai fanesi la rivendettero subito per pochi soldi a un rigattiere umbro e in seguito, con un'impressionante scalata di valutazioni miliardarie nel mercato internazionale dell'antiquariato, approdņ sulle sponde dell'Oceano Pacifico.

Intorno al fatto di cronaca, come in un contrattempo musicale, Chiąppori trova ispirazione per tratteggiare in punta di penna una serie di ritratti di marinai/pescatori fanesi, con una sottile vena ironica. Il Conte, al secolo Valentino Fanelli, l'interlocutore preferito dello scrittore, ma anche il Sepia, Pronoster, Ciuflin, Ruscin e altri sono personaggi certo minori, ma colti nelle loro espressioni pił genuine sia nei gesti che nella parlata. E con loro altri personaggi, il ristoratore Otello, l'ormeggiatore Titi, la bella barista Tosca, l'armatore bibliofilo, alcuni frati cappuccini, il comandante dell'Ufficio marittimo con il soprannome di Buddo e altri ancora, tutti co-protagonisti della vicenda narrata a mezzo tra la realtą quotidiana e la metafora letteraria.

Accanto agli uomini, l'ambiente e le cose: il mare Adriatico calmo e burrascoso, il porto della Fortuna, lo storico portus Burghesius, le barche e in particolare la Dea Fortuna e il Monte Giove, le ville e le campagne dei dintorni. E poi ancora la confraternita del Fico, il caffč della Moretta con i suoi segreti alchemici, la preziosa ricetta del Brodetto con eventuali varianti, la cucina del pesce azzurro, la molteplice varietą degli attrezzi e degli strumenti marinari. Forse č la prima volta che si leggono pagine cosģ vivaci e partecipi sulla fervida vita del porto di Fano e dei suoi protagonisti.

Il romanzo "Il Porto della Fortuna", come oggi č invalso nella consuetudine letteraria, č anche un'autobiografia. L'autore vi travasa tutto il suo amore per la marineria fino al punto di arricchire il testo con un glossario di oltre trecento termini marinareschi. La sua barca Sarocchia, il suo bisogno di avventure sul mare alla maniera di Conrad (citato con Goethe e Tombari in epigrafe) e di Melville; e infine la scelta di Fano come approdo fortunato, dove ancora sopravvivono valori forti, come i principi di una sana convivenza, la solidarietą, l'amicizia, la capacitą del lavoro, che aiutano a vivere un po' meglio e sperare in un domani migliore.

Nando Cecini


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Editoriale:
Giornali e Piramidi

<
  Lo Spazzino e le Piramidi
<
  Vedere la cittą con occhi diversi
<
  Dialogo o monologo?
<
  J'ignorant dla ‘Cultura'
<
  Mo che Piramidi... d'Egitt
<
  Le scultur gił pel Cors
<



TuttoPesaro  
  Ricordo di una strada:
Viale Zara

<
  L'angolo della piazza
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  'Il Porto della Fortuna':
un romanzo di Alfredo Chiąppori

<
  Fano tra poesia e storia:
Vita di marinai

<
  Cronache di un ciclista:
Il leone osservatore

<



Opinioni e Commenti  
  Spettacolo:
č ora di cambiare

<
  Le zingare esaltano la cultura di un popolo
<
  Lettera a un bambino mai nato
<
  Santa Maria delle Fabbrecce:
il giro maledetto

<
  Come cambia l'esame di maturitą
<
  Fidanzate, mogli e amanti
<
  Anoressia
<
  Contro la libertą di parcheggio
<
  Missi la pacificatrice
<
  Una corretta alimentazione
per prevenire le malattie

<



TuttoSport  
  La nuova Scavolini
e la torre di Babele

<
  E adesso il 'play'
<



Consumatori  
  I consigli dell'ACU
<
  Federconsumatori: Cerchi lavoro? Allora paga
<
  Gli animali pił uguali degli altri
<



Lettere e Arti  
  Danger Sayst
<
  Io, John e la puttana di John
<
  Aforismi
<
  Variazioni su un tema
di Karl Kraus

<
  Ballata per un'amica
<
  Un ragazzo di paese
(2a parte)

<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa