Ricerca nel sito: Parola Esatta
Settembre-Ottobre 1997 / Speciale
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Editoriale:
Giornali e Piramidi

Sapete quanti siete, cari collaboratori dello Specchio? Dopo solo tre numeri siete già 94: giornalisti, scrittori, poeti e pittori con un'età variabile dai diciassette ai settantotto anni. Sono numeri paragonabili a quelli della redazione di un grande giornale. Secondo un calcolo statistico, basato sulla diffusione delle copie in tutta la provincia di Pesaro, vi leggono ormai alcune migliaia di persone. Alcuni di voi ci hanno scritto una sola volta, per intervenire su un fatto specifico; altri cominciano a diventare "firme" ricorrenti, sia per la parte letteraria, sia per le rubriche fisse della parte generale; qualcuno è ancora in lista di attesa perché le nostre sedici pagine non riescono a contenere tutto il materiale pervenuto.

Dopo la tradizionale pausa agostana, faremo il punto su questa stimolante esperienza (forse unica in Italia) anche per considerare la possibilità di uscire con cadenza quindicinale. Per fare questo, però, ci vogliono molti soldi, perché le sole vendite in edicola non bastano a coprire le spese di nessun giornale. Aspettiamo quindi l'intervento di altri inserzionisti pubblicitari, che possono ormai contare su un consistente pubblico di lettori ai quali far pervenire i loro messaggi. Tutti gli amici dello Specchio possono aiutarci in questa impresa, segnalando il giornale ai responsabili delle aziende o degli enti pubblici per le loro prossime pianificazioni autunnali; e anche promuovendo la sottoscrizione di abbonamenti presso i privati o le varie associazioni del territorio.

E passiamo all'arte. Senza dubbio i due avvenimenti più importanti dell'estate pesarese sono la mostra di Simone Cantarini e la mostra di Mauro Staccioli. La prima ha aperto i battenti al Palazzo Ducale il 12 luglio, richiamando una folla di personalità e di signore adoranti attorno a Vittorio Sgarbi, apparso come la Madonna dopo la conferenza stampa giustamente affidata ad Andrea Emiliani. I quadri e i disegni di Simone Cantarini (morto nel 1648 a 36 anni, forse avvelenato da un concorrente, o un critico, dell'epoca) sono affiancati a quelli dei suoi maestri, come Federico Barocci, Claudio Ridolfi e Guido Reni. Fra le opere esposte, che provengono da vari musei italiani e stranieri, chissà quanti pesaresi ammireranno per la prima volta anche i tre quadri che sono collocati da sempre presso il Museo civico e la chiesa di Sant'Agostino.

La seconda mostra non ha aperto battenti perché si svolge en plein air, fra la Pescheria, il Corso e la Piazza del Popolo. Le opere di Staccioli possono piacere o non piacere, perché niente è più opinabile dell'arte. Nelle varie Biennali, c'è stato anche chi ha esposto una scatoletta contenente "Merda d'artista" (Manzoni) o chi ha addirittura esibito un ragazzo mongoloide in carne e ossa (De Dominici). Ci è sembrata tuttavia francamente eccessiva, in questo caso, la levata di scudi di gran parte della cittadinanza: addirittura con una raccolta di seimila firme di protesta che forse avrebbero meritato una miglior causa, fra le tante disponibili. Visto comunque l'interesse suscitato, dedichiamo due pagine del giornale a questo argomento, trattato da diverse angolazioni.

L'ultima chicca di questa polemica estiva è scaturita dall'iniziativa di Alessandro Marcucci Pinoli che ha riunito (letteralmente) attorno a un tavolo dell'Hotel Vittoria i principali protagonisti della querelle per una riconciliazione generale. Un'iniziativa opportuna, con una nota stonata. Qualche commensale ha infatti dichiarato, al dessert, che la vicenda "ha registrato reazioni decisamente esagerate, forse superficiali, certamente distorte dai mezzi di informazione". Notate la successione dei tre avverbi: l'unica "certezza" è quella che riguarda la stampa. Senza quei cattivoni dei giornalisti, si sarebbe trattato solo di una pacata discussione fra gentiluomini.

Qui di diritto o di distorto (a seconda dei gusti) ci sono solo le seimila firme raccolte dai commercianti del Corso e le violente prese di posizione pubbliche e private. La stampa si è solo limitata a registrare questi fatti, magari enfatizzando un po' i titoli come avviene quando si fa un giornale e non la "Gazzetta Ufficiale". Ma non ha né creato, né distorto alcunché. Quando finirà questo vittimismo bécero (tipico soprattutto dei politici) che porta sempre a lanciare il sasso e a nascondere la mano dietro la foglia di fico dei giornali cattivi?

Alberto Angelucci


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Editoriale:
Giornali e Piramidi

<
  Lo Spazzino e le Piramidi
<
  Vedere la città con occhi diversi
<
  Dialogo o monologo?
<
  J'ignorant dla ‘Cultura'
<
  Mo che Piramidi... d'Egitt
<
  Le scultur giù pel Cors
<



TuttoPesaro  
  Ricordo di una strada:
Viale Zara

<
  L'angolo della piazza
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  'Il Porto della Fortuna':
un romanzo di Alfredo Chiàppori

<
  Fano tra poesia e storia:
Vita di marinai

<
  Cronache di un ciclista:
Il leone osservatore

<



Opinioni e Commenti  
  Spettacolo:
è ora di cambiare

<
  Le zingare esaltano la cultura di un popolo
<
  Lettera a un bambino mai nato
<
  Santa Maria delle Fabbrecce:
il giro maledetto

<
  Come cambia l'esame di maturità
<
  Fidanzate, mogli e amanti
<
  Anoressia
<
  Contro la libertà di parcheggio
<
  Missi la pacificatrice
<
  Una corretta alimentazione
per prevenire le malattie

<



TuttoSport  
  La nuova Scavolini
e la torre di Babele

<
  E adesso il 'play'
<



Consumatori  
  I consigli dell'ACU
<
  Federconsumatori: Cerchi lavoro? Allora paga
<
  Gli animali più uguali degli altri
<



Lettere e Arti  
  Danger Sayst
<
  Io, John e la puttana di John
<
  Aforismi
<
  Variazioni su un tema
di Karl Kraus

<
  Ballata per un'amica
<
  Un ragazzo di paese
(2a parte)

<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa