Ricerca nel sito: Parola Esatta
Settembre 2010 / Primo Piano
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Istituzioni allo Specchio: il Questore

- Lo stemma e il motto della Polizia di Stato: “Sub lege libertas”. Dalla sua fondazione, il Corpo ha avuto 2.483 caduti in servizio
- Il questore Italo D’Angelo: “Sicurezza non significa solo reati, ma anche qualità urbana: strade sicure, pulizia degli spazi pubblici, lotta al vandalismo e all’abusivismo. Significa anche infrastrutture, luoghi illuminati e difese passive della casa, come gli allarmi e i sistemi di video-sorveglianza”

Il tutore della legalità

Il 1982 verrà ricordato anche per una delle più brillanti operazioni della Polizia italiana negli anni di piombo: la liberazione, il 28 gennaio, del generale della Nato Dozier, sequestrato a Verona dalla colonna veneta delle Brigate Rosse il 17 dicembre 1981 e detenuto in un appartamento di Padova. Ricordo ancora nitidamente l’annuncio in diretta televisiva del presidente Reagan: “Good news already! This morning the Italian Police has rescued Brigade General James Lee Dozier” (era mattina in America, ma già sera in Italia). E’ stato per tutti un momento di grande sollievo, con un po’ di fierezza nazionale per l’efficienza dimostrata dai nostri servizi. Ma il presidente americano non poteva immaginare che dietro la fulminea azione dei Nocs (il nucleo speciale della Polizia, le cosiddette “teste di cuoio”) c’era anche l’attività di intelligence di un giovane funzionario della Digos di Venezia: Italo D’Angelo, un ex avvocato di Sant’Elpidio a Mare (Ascoli Piceno), appena assunto per concorso. Era stato mandato a Venezia nell’aprile 1981, come battesimo del fuoco, pochi mesi dopo la morte di Alfredo Albanese, commissario capo dell’antiterrorismo, assassinato a 33 anni il 12 maggio 1980 mentre indagava sull’omicidio di Sergio Gori e su un traffico internazionale di armi (seguirà poi, sempre ad opera della colonna veneta, il sequestro e l’omicidio di Giuseppe Taliercio). Anche a lui si deve quindi il lavoro investigativo che, seguendo la traccia delle confidenze di un “pentito”, ha portato all’individuazione del covo brigatista del sequestro Dozier e successivamente all’arresto di oltre cinquanta terroristi.
Cerco di immaginare questo giovane poliziotto, piccolo e robusto come il commissario Montalbano di Luca Zingaretti: che, con i muscoli guizzanti sotto il giubbotto antiproiettile e la pistola in mano, fa irruzione con i suoi uomini nella casa di un terrorista responsabile degli omicidi Gori e Albanese; o affronta i rapinatori dopo un colpo in banca (in questo caso ad Ancona); o assicura alla giustizia latitanti evasi, trafficanti di droga, mafiosi russi, sfruttatori di prostitute (risale a quegli anni la frequentazione con don Oreste Benzi). Ma oggi mi trovo di fronte a un tranquillo signore nei suoi giovanili sessant’anni, con baffi e pizzetto elegantemente brizzolati, che conserva ancora la leggera inflessione linguistica delle Marche meridionali. In effetti è un tipico prodotto culturale delle Marche: liceo a Fermo, laurea in Legge a Macerata, moglie (rigorosamente del territorio) conosciuta da ragazzo sull’autobus degli studenti pendolari e oggi medico odontoiatra ad Ancona; un figlio avviato verso la stessa carriera materna, un altro ancora al liceo.

Dalla Digos alla Stradale. La figura del questore (dal latino querere: cercare, investigare, inquisire) è già presente nell’antica Roma con funzioni di polizia criminale e di amministrazione non troppo diverse dalle attuali. Nel nostro ordinamento il questore è il responsabile dell’ordine pubblico nella provincia e a lui fanno capo tutti i corpi della Polizia di Stato, che comprende anche polizia postale, polizia stradale, polizia ferroviaria, polizia di frontiera, oltre ai servizi centrali: Digos, polizia amministrativa e sociale, anticrimine, “squadra mobile”.
Italo D’Angelo, in carica dal 1° maggio dell’anno scorso (succedendo a Benedetto Pansini che ha deciso di rimanere a Pesaro come Difensore civico), ha percorso una lunga carriera nei ranghi del ministero dell’Interno: dirigente della sezione operazioni speciali della Digos di Venezia; capo della Squadra mobile, della Digos e poi dirigente della Criminalpol delle Marche ad Ancona; dirigente della Polizia stradale delle Marche (per sei anni) e successivamente del Piemonte e la Val d’Aosta. Conserva uno straordinario ricordo della sua attività nella polizia stradale e tiene a sottolineare l’abnegazione di questo Corpo e il suo altissimo tributo in termini di vite umane: quattro volte maggiore di quello degli altri reparti. Esprime inoltre un vivo apprezzamento per la professionalità delle donne nella polizia (ricorre quest’anno il 50° anniversario della loro ammissione nei ruoli), ricordando che ha sempre chiamato una donna a ricoprire l’incarico di suo vice. Ma in genere le sue segretarie sono poliziotte molto avvenenti, come sottolinea maliziosamente una pergamena in caratteri gotici che gli hanno regalato i suoi collaboratori quando ha lasciato la squadra mobile di Ancona (ricevendo anche il “Ciriachino d’oro” dal sindaco).
Medaglia d’oro per merito di servizio, 38 attestazioni di merito, commendatore della Repubblica. Un medagliere da coprire un’intera divisa se ne avesse ancora una: ma non è più prevista per questo ruolo, anche se la sua posizione di dirigente superiore equivale a quella di generale di brigata nelle Forze armate. L’unico neo nella sua lineare carriera di poliziotto è il servizio militare di leva svolto nell’Arma dei carabinieri: cioè con la “concorrenza”.
Tracciando il bilancio di poco più di un anno di attività a Pesaro, le sue impressioni sono molto positive. Di Pesaro apprezza la qualità della vita, il senso civico dei cittadini e il loro rapporto franco e diretto con le autorità. Nonostante i casi che allarmano l’opinione pubblica (soprattutto i furti e le rapine in casa), tutte le statistiche della criminalità mostrano indici in leggera diminuzione negli ultimi tre anni: rapine, furti, spaccio di stupefacenti. Non risultano infiltrazioni della criminalità mafiosa, non c’è prostituzione sulle strade. Insomma i reati sono sempre troppi, ma siamo messi meglio del resto delle Marche e sicuramente molto meglio della media nazionale.

Alcol, droga e biciclette. Non sono molti gli hobbies del suo (poco) tempo libero: un po’ di barca col motoscafo ormeggiato nel porticciolo di Numana, qualche visita al poligono della polizia per esercitarsi con le sue due pistole personali, e a quello di Osimo per il tiro al piattello col fucile.
Forse la sua lunga militanza nella polizia stradale ha ispirato alcune delle sue più recenti campagne di legalità, applicando con entusiasmo le direttive del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Alessio Giuffrida: “tolleranza zero” per chi non segue – è il caso di dire – la retta via. Ha attuato la prevenzione dei comportamenti antisociali e illegali col progetto “viaggiare in sicurezza”, che comprende anche il servizio di vigilanza degli agenti sugli autobus di linea, e ha dato un notevole impulso alla repressione della guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti: che ha ottenuto un generale consenso, nonostante le dure sanzioni, i ritiri della patente e addirittura la confisca delle auto nei casi più gravi. A questo proposito, consiglia vivamente di tenere in macchina il “precursore” (l’apparecchiatura per misurare il livello alcolico, che ormai può essere acquistato a costi contenuti) che è anche un modo per responsabilizzare i ragazzi al comportamento per una guida sicura.
Ha ottenuto invece un consenso assai minore il recente giro di vite sui ciclisti indisciplinati, con un insolito fioccare di multe della polizia municipale che ha sconvolto le abitudini di una città che viaggia da sempre su due ruote senza creare particolari problemi. A sua “discolpa”, il questore rivendica le sue benemerenze ciclistiche: il giro d’Italia del >2008, in cui ha percorso gli 8.500 chilometri da Palermo a Milano (come comandante della Stradale) e all’arrivo lo spagnolo Contador gli ha addirittura regalato la sua maglia rosa; e il sostegno alla settimana cicloturistica internazionale di Gabicce, con 600 cicloamatori che fanno sport, cultura e turismo, rispettando il codice della strada. Comunque taglia corto su queste polemiche estive, spiegando che tutto rientra nel concetto di sicurezza come bene comune “che non significa solo reati, ma anche qualità urbana: strade sicure, pulizia degli spazi pubblici, lotta al vandalismo e ai graffiti sui muri, lotta all’abusivismo commerciale. Sicurezza significa anche infrastrutture e luoghi illuminati e – perché no – telecamere collegate con le nostre sale operative. Significa assistenza alle fasce più deboli e accoglienza e integrazione degli stranieri, ma col rispetto delle nostre leggi”. Osserva infine che i cittadini possono collaborare efficacemente all’attività preventiva, come primi “sensori” del territorio: ad esempio segnalando i movimenti e i rumori sospetti, aumentando le difese passive della casa (come l’allarme o la videosorveglianza), non lasciando soli gli anziani. Un comportamento che riassume in uno slogan: “Aiutati che la Polizia ti aiuta”.

La cultura della legalità. Una bella iniziativa da lui promossa nel maggio scorso è stato il convegno “Lo sport palestra di vita: riflessioni su tifo e violenza” al Teatro Sperimentale di Pesaro, con le relazioni di personaggi “storici” dello sport, come Salvatore Bagni, Gianni Rivera, Arrigo Sacchi, Alberto Bucci, Italo Cucci, Marco Brunelli. Si sono ascoltati i loro richiami sul mito del successo facile, la degenerazione dei valori agonistici, la “stagione dell’odio” che stiamo vivendo negli ultimi anni. Ma mi ha particolarmente colpito la platea ammutolita, in cui erano presenti 300 ragazzi delle scuole superiori, mentre ascoltava la commovente testimonianza di Marisa Grasso, giovane vedova dell’ispettore di polizia Filippo Raciti, ucciso nei tumulti fuori dello stadio di Catania nel febbraio del 2007. Un terribile monito per tutti gli imbecilli (e qualche volta i criminali) che ammorbano il mondo dello sport.

Alberto Angelucci


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Istituzioni allo Specchio: il Questore
<



Specchio  
  Lo Specchio sia con voi
<
  Cosa starà leggendo?
<
  Copie omaggio
<



Speciale bici  
  E’ giusto multare i ciclisti nel paese dei campanelli?
<



Tutto Pesaro  
  Benelli: le moto in divisa
<
  Le piante e il parcheggio
<
  Ciclista-bambino a 43 chilometri all'ora
<



Tutto Fano  
  Prima riduciamo il traffico a motore
<
  Gli squali attempati della Nutata Longa
<
  Simona Zonghetti: Miss Fano 2010
<



Opinione e Commenti  
  Meno TV, più cultura e più sport attivo
<
  Il Paese dei privilegi
<
  Un ricordo di Paride Majone
<
  Vita da cani
<
  Settembre, andiamo: è tempo di... mirare
<
  Festival Internazionale del Brodetto
<
  Hanno detto
<
  Confartigianato. Aiutiamo gli imprenditori ad ottenere finanziamenti per la loro attività
<
  Pillole di storia. Il sommergibile Glauco
<
  8 settembre 1860. L’insurrezione di Pergola
<



Salute  
  Il pericolo del melanoma
<
  Il nuovo ospedale a Cotignola?
<



Tutto Sport  
  Scavolini-Siviglia. I nuovi protagonisti
<
  Volley rosa: La cavalcata delle giovani valchirie
<



Lettere e Arti  
  GAD: Parole e musica
<
  Edgardo Travaglini: un incisore vero
<
  La ceramica di Guerrino Tramonti
<
  A sipario abbassato
<
  Lo 'Stabat Mater' sul megaschermo
<
  8 – 11 settembre. Incontro Internazionale Polifonico
<
  Interludio a Rocca Costanza
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa