Ricerca nel sito: Parola Esatta
Settembre 2009 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Segnalazioni editoriali

Antonio Brancati ha presentato in luglio il secondo tomo del volume “Pesaro dalla devoluzione all’illuminismo”, proseguimento della collana “Historica Pisaurensia” voluta, ormai tanti anni fa, dal compianto Scevola Mariotti. Sono studiati aspetti di versante culturale e artistico nel periodo fra la devoluzione dello Stato di Urbino e la fine dell’ancien régime: i saggi ripercorrono cioè i centosettant’anni che vanno dal 1631 al 1797. Il tomo contiene saggi di Guido Arbizzoni (L’attività letteraria tra Barocco e Illuminismo), Francesco V. Lombardi (Storiografia e patrie memorie), Antonio Brancati (La stampa a Pesaro tra devoluzione e fine dell’ancien régime e Scultura e decorazione plastica tra la metà del XVI e la fine del XVIII), Mario Luni (Scoperte archeologiche e collezionismo di antichità tra ‘600 e ‘800), Marco Salvarani (Musica e musicisti tra Sei e Settecento), Enrico Gamba (Le scienze fisico-matematiche nel ‘700 pesarese), Marco Rocchi (Giovan Battista Passeri geologo e naturalista), Riccardo Gresta (Il passaggio della maiolica pesarese dal ‘500 al ‘600), Grazia Biscontini Ugolini e Paolo Piovaticci (L’Arte ceramica del Settecento a Pesaro), Anna Maria Ambrosini (Per Simone Cantarini a trecentocinquant’anni dalla morte), Anna Cerboni Bajardi (La pittura colta di Giannandrea Lazzarini), Maria Rosaria Valazzi (Note sulla bottega lazzariniana: il pittore e i suoi “scolari”), Grazia Calegari (Pitture di Carlo Paolucci allievo del Lazzarini) e Cecilia Prete (Collezioni d’arte nella città di Pesaro tra ‘600 e ‘700).

Girata la boa degli ottant’anni (più uno), Carlo Pagnini, celeberrimo attore dialettale e poeta pesarese, ha deciso di dare alle stampe anche un libro di racconti: “L’om e la cerqua”, dedicato “Ma tutt quei ch’i apreza el dialet” (edito da Fondazione Cassa di Risparmio e Banca Marche). Si tratta di una selezione operata tra una sterminata mole di materiale, in gran parte di tipo autobiografico, che comprende memorie di famiglia, storie del quartiere di Pantano, testi teatrali, poesie, documenti fotografici, manifesti. Tutte cose che sono state raccolte nel corso di decenni, solo con l’intento di lasciare una testimonianza nel suo cerchio familiare: ma che invece assumono un respiro e una valenza molto più ampia, diventando un’opera corale, un affresco di vita del Novecento. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i racconti sono di agevole lettura anche per chi ha grande dimestichezza con il vernacolo; forse più facili da leggere rispetto alla poesia dialettale che spesso richiede l’uso di immagini più sofisticate.

A cura di Gabriele Polverari e Gianni Volpe, è stato pubblicato il volume “Piagge”, la prima monografia dedicata a questo antico Comune della valle del Metauro: l’antica Plagearum, declivio tra collina e pianura, che secondo la tradizione sarebbe stata fondata dai profughi della città romana di Lubacaria, distrutta dai Goti di Alarico. L’opera è il frutto di un accurato lavoro di ricerca storica e iconografica ed è arricchita da due saggi: uno di Michele Minardi, che tratta dell’ipogeo rinvenuto nel centro del paese; l’altro di Valentina Radi, con una ricerca sugli edifici religiosi. L’indagine non si è limitata comunque solo al paese, ma ha toccato anche i paesaggi agricoli e i declivi che portano al fiume: dove persiste un antico e minuscolo nucleo abitato cresciuto intorno a un guado e a un mulino: La Cerbara, luogo storico della bassa valle del Metauro, al confine tra i Comuni di Fano e San Costanzo. E’ stata infine eseguita un’ampia ricognizione del patrimonio architettonico extra-urbano, con la schedatura di numerose dimore rurali legate ai tempi della mezzadria.

E’ in uscito in libreria “Sole francese”, la terza opera pubblicata di Maria Luigia D’Elia, poetessa pesarese. Questo nuovo libro è composto da sette canti scelti tra quelli scritti dal gennaio all’agosto 2008. Maria Luigia D’Elia in questa silloge tradotta in inglese per una migliore circolazione internazionale, propone un testo sempre più originale, sia come stile che come lessico, frutto di una ricerca pluringuistica. Nei suoi versi si legge forte l’orgoglio di essere donna e la rabbia di vedere sminuita l’essenza femminile dalla società, dalla moda, dalla globalizzazione.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Fiorenzo Giammattei: Il piacere della gola
<



Frammenti d'Estate  
  La Petite Messe
<
  I ragazzi "e-e"
<
  La pantera in bicicletta
<
  Festa della Trebbiatura
<
  Concerti al tramonto
<



Tutto Pesaro  
  No alle ronde!
<
  Juri Fazi: Judo e gelati
<



Tutto Fano  
  Tutti i corsi di Fano Ateneo
<
  Festival Internazionale del Brodetto
<
  La Fano dei Cesari
<
  Miss Fano 2009
<



Opinioni e Commenti  
  I profumi perduti del Mercato delle erbe
<
  La brigata del brodetto
<
  Gli animali come terapia
<
  Progetto donna sicura
<
  Julia Butterfly Hill a Pesaro
<
  Le truffe agli anziani
<
  Confartigianato: nasce il contratto di rete
<



Storia  
  I 'marines' italiani a Tripoli
<
  Pasqualon e la Grande Guerra
<



Tutto Sport  
  Le regine del beach volley
<
  Scavolini-Spar:
Il triangolo americano

<



Mostre  
  Gli acquerelli di Franco Fiorucci
<
  Paolo Icaro: 'Biografia ideale'
<
  La natura di Virginio Ridolfi
<
  Roberto Recanatesi: Sogno di Pesaro
<
  Leonardo Nobili: Percorsi del silenzio
<
  Roberto Lugli: Giocando seriamente
<



Lettere e Arti  
  Il 62° Festival dei GAD
<
  Corsi all’Actors Studio di Pesaro
<
  Visti da vicino: La moglie giapponese di Balthus
<
  Hugo Aisemberg saluta Pesaro
<
  Quello che ama gli uccelli
<
  Un concorso letterario: L’Istria e la sua storia
<
  Le parole narrate
<
  Questioni di lingua: Gli sms del Medioevo
<
  Poesie
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa