Ricerca nel sito: Parola Esatta
Settembre 2009 - Tutto Pesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Juri Fazi: Judo e gelati


Alzi la mano il pesarese che non ha mai assaggiato il gelato di Juri! Mi rivolgo a tre ragazzini in attesa di essere serviti: “Sapete che Juri è stato un campione di judo?”. No, non lo sanno. Anzi, pensano che stia scherzando, mi guardano con aria interrogativa, poi seguitano a chiacchierare di ragazze, motorini e pinolata.
Eccolo Juri Fazi: stretta di mano avvolgente ed energica, figura imponente. Il mio pensiero va ai suoi avversari e alle loro sensazioni quando se lo trovavano di fronte: sono ben lieto di non essere stato uno di loro. Pesarese, oggi quarantottenne, Juri è stato un judoka di grande livello: dopo gli inizi nella nostra città, ha gareggiato per il Gruppo sportivo delle Fiamme Gialle e per il Geesink Team di Modena, ottenendo complessivamente 14 titoli italiani, una medaglia d’oro ed una di bronzo ai Giochi del Mediterraneo, due terzi posti agli Europei Juniores e – dulcis in fundo – due partecipazioni alle Olimpiadi. “Cominciai a otto anni nella palestra del Judo Club di Pesaro, sotto l’egida di Ezechiele Romagnoli, che per me fu un maestro straordinario. Nonostante egli abbia, ormai, più di ottant’anni, è ancora in piena attività. Un po’ di tempo fa sono andato a trovarlo e ha preteso di mostrarmi la sua tecnica migliore. Io ho sorriso ma lui mi ha afferrato e sollevato, poi mi ha fatto letteralmente volare. Ho ancora la pelle d’oca per l’emozione!”.

L’apice della tua carriera è costituito dalla partecipazione alle due Olimpiadi…
“A Los Angeles, nell’84, avevo solo 23 anni ed ero ancora inesperto a livello internazionale; però mi sentivo forte e nutrivo molta fiducia nelle mie possibilità. In uno dei primi incontri sconfissi un atleta austriaco molto accreditato; a quel punto tutti quanti, allenatori, compagni e giornalisti, cambiarono atteggiamento e mi dissero che potevo puntare molto in alto. Forse in quel frangente non seppi mantenere la necessaria lucidità e fui sconfitto da un avversario alla mia portata: arrivai quinto, certo un bel risultato, ma quanto rammarico per la medaglia sfumata. Quattro anni più tardi, a Seul, fui penalizzato da un infortunio e nelle ultime settimane, prima della competizione, non potei allenarmi; ciononostante mi difesi con onore, fui sconfitto dal judoka brasiliano che divenne campione olimpico e chiusi la manifestazione al settimo posto. Al di là degli aspetti agonistici, conservo ancora intatte le sensazioni vissute all’interno del villaggio olimpico. Ricordo, ad esempio, che il ristorante italiano era meta degli atleti di tutte le nazionalità: pasta, parmigiano e prosciutto erano il nostro carburante. Altroché barrette e integratori!”

Nel tuo palmares figurano ben quattordici titoli nazionali. Sembrerebbe che tu in Italia non avessi rivali…
“In effetti, nella mia categoria, non v’era avversario che potesse impensierirmi e spesso ho affrontato i campionati italiani senza alcun allenamento. Una volta, addirittura, ci andai da semplice spettatore: ricordo che feci una robusta colazione in pasticceria, da Serafino, poi insieme a mio figlio, mi diressi in macchina verso Rovigo, che ospitava la manifestazione. Allenatori e compagni di squadra mi accolsero con entusiasmo e fecero di tutto per convincermi a gareggiare: ci riuscirono e… fu un trionfo!”

Perché consiglieresti il judo ad un bambino?
“Perché favorisce la completa padronanza del corpo, facendocene conoscere le infinite possibilità. In sostanza il judo può aiutare ad affrontare meglio qualsiasi altro sport.” Juri Fazi alternava l’attività agonistica, con allenamenti e gare in giro per il mondo, a quella didattica, nelle sue due palestre di Pesaro: dove cercava di trasmettere la passione per il judo a centinaia di ragazzi. A metà degli anni ‘90 una svolta: durante un viaggio in Tunisia, Juri conobbe alcuni maestri del gelato, uno di loro lo seguì in Italia, insegnandogli tutti i segreti di questa piccola arte. “Qualsiasi cosa io faccia, mi piace farla bene”: così poco dopo fu inaugurato Il gelato di Juri in Viale Marsala.
Ma questa è un’altra storia. E’ una storia che tutti, a Pesaro, conosciamo. Con questo breve ritratto, invece, abbiamo voluto raccontare soltanto il lato sportivo di Juri Fazi, quello ignoto a tanti nostri concittadini. Fra questi, i tre ragazzini di cui sopra: che, incuriositi, hanno ascoltato la nostra chiacchierata, mangiando il loro gelato e lasciando da parte, per dieci minuti, ragazze, motorini e pinolata.

Lamberto Bettini
(Foto di Marco Sénsoli)


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  Fiorenzo Giammattei: Il piacere della gola
<



Frammenti d'Estate  
  La Petite Messe
<
  I ragazzi "e-e"
<
  La pantera in bicicletta
<
  Festa della Trebbiatura
<
  Concerti al tramonto
<



Tutto Pesaro  
  No alle ronde!
<
  Juri Fazi: Judo e gelati
<



Tutto Fano  
  Tutti i corsi di Fano Ateneo
<
  Festival Internazionale del Brodetto
<
  La Fano dei Cesari
<
  Miss Fano 2009
<



Opinioni e Commenti  
  I profumi perduti del Mercato delle erbe
<
  La brigata del brodetto
<
  Gli animali come terapia
<
  Progetto donna sicura
<
  Julia Butterfly Hill a Pesaro
<
  Le truffe agli anziani
<
  Confartigianato: nasce il contratto di rete
<



Storia  
  I 'marines' italiani a Tripoli
<
  Pasqualon e la Grande Guerra
<



Tutto Sport  
  Le regine del beach volley
<
  Scavolini-Spar:
Il triangolo americano

<



Mostre  
  Gli acquerelli di Franco Fiorucci
<
  Paolo Icaro: 'Biografia ideale'
<
  La natura di Virginio Ridolfi
<
  Roberto Recanatesi: Sogno di Pesaro
<
  Leonardo Nobili: Percorsi del silenzio
<
  Roberto Lugli: Giocando seriamente
<



Lettere e Arti  
  Il 62° Festival dei GAD
<
  Corsi all’Actors Studio di Pesaro
<
  Visti da vicino: La moglie giapponese di Balthus
<
  Hugo Aisemberg saluta Pesaro
<
  Quello che ama gli uccelli
<
  Un concorso letterario: L’Istria e la sua storia
<
  Le parole narrate
<
  Questioni di lingua: Gli sms del Medioevo
<
  Poesie
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa