Ricerca nel sito: Parola Esatta
Settembre 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La Divina Commedia tradotta in dialetto pesarese
n. 13, Settembre 1998

Traduzione di Gilberto Lisotti

Inferno, Canto XXVI

"Ulisse"

Alora el corne grand de cla fiamela
l'ha incominced a mov-se sborboland,
strisciand de luc cla nott senza una stela.
E acsé, smenad-se fort e sbasufiand
com la lengua tla bocca d'un serpent,
l'ha dat fora la voc, dicend-me: - Quand,
dop guesi un ann e mezz d'imbestiament,
a m'só arsentid un òm, e da chel gir
del golf d'Gaeta a jò fatt vela al vent,
nè i suris del mi fiol, nè 'l gran pensir
par chel vech de mi pedre e nè 'l magon
par cla mi pora moj, tutta sospir,
jà pudud vincia, tel drizzè 'l timon,
contra la mi gran voja d'veda el mond
e cnoscia el bell e 'l brutt d'ogni nazion.
Acsé a jò pres el largh, sfidand le ond
s'na barca sola e sa 'na ciurma pcéna
ch'la m'è steda d'parola fina in fond.
Ogni costa a jò vist, ogni maréna
dla Sardegna, dla Spagna, del Maroch
e d'ogni scòj che'l spunta a tramontèna.
Già vechi e strachi a j'ermi, e già un po' gnoch
i mi compagn e me, quand 'na maténa
a sém ariv dó l'epra le su bocch
el grand Atlantich. Da de qua, a mancéna,
l'ultim port africhèn già a poppa l'era;
a dritta, ech l'ultim mont, tl'aria turchéna.
- O fradèj mia, - a jò ditt - che par cent mijèra
d'pericol, a sì vnud fina maché;
dal mument che, purtrop, sopra sta tera
poca vita c'è armasta da campè,
an ve neghè cla gran sodisfazion
d'gì a scuprì, d'là del mèr, che genta c'è.
Parchè campè da besti, quand s'nasc òm?
Parchè fè i sorc tel scur d'una cantèna
quand s'pò 'cenda tla vita un qualch lampion? -
I mi cumpagn, sentid sta ramanzéna,
i m'ha braced insiem sa un urle sol
e ormèi nisciun j'avrìa pudud arténa.
E vireda la poppa contra el sol,
a c'sém mess a vughè, giù a schiantaschéna,
e come matt a j'avém pres el vol.
Tenend la rotta sempre più a mancéna,
a poch a poch, tla nott, ech atre stèll;
ech le nostre a gì giù, tla gran maréna.
Già par cinq volt la luna bianca in ciél
e par cinq volt el su facion tutt nér
el s'era fatt, da chel gran giorne bel;
quand ech, da prora, scura in mezz al mèr
par la distanza, una montagna; alta
più d'ogni mont mèi vist da un marinèr.
I nostre còr, da la gran gioia, i salta.
Mo prest l'è un piant: dal mont, 'na gran sciunèra
la se succhia la barca e la j'arbalta.
Tre volt i la j'argira, in tla fumèra.
A la quarta, la poppa la va in su,
la prora in giù; finchè, chiudendse a bèra,
el mèr, sopra de nò, en s'è moss più.

Lo maggior corno della fiamma antica
Cominciò a crollarsi mormorando,
Pur come quella cui vento affatica.
Indi la cima qua e là menando,
Come fosse la lingua che parlasse,
Gittò voce di fuori, e disse: Quando
Mi dipartì da Circe, che sottrasse
Me più d'un anno là presso a Gaeta,
Prima che sì Enea la nominasse;
Né dolcezza di figlio, né la pieta
Del vecchio padre, né il debito amore
Lo qual dovea Penelope far lieta,Vincer potero dentro a me l'ardore
Ch'i'ebbi a divenir del mondo esperto,
E degli vizii umani e del valore:
Ma misi me per l'alto mare aperto
Sol con un legno e con quella compagna
Picciola, dalla qual non fui deserto.
L'un lito e l'altro vidi insin la Spagna,
Fin nel Marocco, e l'isola de'Sardi,
E l'altre che quel mar intorno bagna.
Io e i compagni eravam vecchi e tardi,
Quando venimmo a quella foce stretta,
Ov' Ercole segnò li suoi riguardi,
Acciocché l'uom più oltre non si metta:
Dalla man destra mi lasciai Sibilia,
Dall'altra già m'avea lasciata Setta.
O frati, dissi, che per cento milia
Perigli siete giunti all'occidente,
A questa tanto picciola vigilia
De' vostri sensi, ch'è del rimanente,
Non vogliate negar l'esperienza,
Diretro al sol, del mondo senza gente.
Considerate la vostra semenza:
Fatti non foste a viver come bruti,
Ma per seguir virtude e conoscenza.
Li miei compagni fec'io sì acuti,
Con questa orazion picciola, al cammino,
Che appena poscia gli avrei ritenuti.
E, volta nostra poppa nel mattino,
De' remi facemmo ale al folle volo,
Sempre acquistando del lato mancino.
Tutte le stelle già dell'altro polo
Vedea la notte, e il nostro tanto basso,
Che non surgeva fuor del marin suolo.
Cinque volte racceso, e tante casso
Lo lume era di sotto dalla luna,
Poi ch'entrati eravam nell'alto passo,
Quand n'apparve una montagna bruna
Per la distanza, e parvemi alta tanto,
Quanto veduta non n'avea alcuna.
Noi ci allegrammo, e tosto tornò in pianto;
Chè dalla nuova terra un turbo nacque,
E percosse del legno il primo canto.
Tre volte il fe' girar con tutte l'acque,
Alla quarta levar la poppa in suso,
E la prora ire in giù, com'altrui piacque,
Infin che il mar fu sopra noi richiuso.



 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Ebrei a Gabicce Mare
(1943-1944)

<



TuttoPesaro  
  Il varo della 'Valle Aurora',
ultima nata del Cantiere di Pesaro

<
  Passeggiando al porto
<
  Al via il 51° Festival dei GAD
<
  Il sorriso di Marta
<
  Un americano a Pesaro
<
  Il gruppo dell'Agorà
<



TuttoFano  
  Mostra antologica di Federico Seneca
<
  'I Mesi' di Fabio Tombari: Settembre
<
  Fano tra poesia e storia: Chiacchiere all'aperto
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<



Opinioni e Commenti  
  La polemica: Ancora dal carcere di Fossombrone
<



Salute  
  Yoga e altre meditazioni
<
  Il Reiki: la terapia delle carezze e dell'amore
<
  Ho partorito in casa
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Giorgio Spinaci

<
  I profumi di vittoria dell'Alma Juventus di Fano
<
  La scherma a Pesaro
<



Lettere e Arti  
  La Divina Commedia tradotta in dialetto pesarese
<
  Carlo Marochetti, scultore italiano ed europeo
<
  Mostra: Segno e disegno
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  La notte
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa