Ricerca nel sito: Parola Esatta
Ottobre 2008 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Il bucato alla Fonte di Maiano


Fin da quando si era ragazzi, il lavatoio di S. Veneranda-Ponte Valle è stato una meta per i nostri giochi; e in età adulta è diventato luogo di incontro e di aggregazione. Va detto che durante la nostra adolescenza erano pochissimi gli intrattenimenti di cui si poteva godere; quando ci si incontrava in questo luogo carico di storia, si ascoltavano i più svariati aneddoti sui personaggi del luogo.
Il vecchio Nazareno Gramolini”, racconta Giuseppe Valeri (detto Camilòn), “padre di Ugo, il fabbro di S. Veneranda e, tra gli anni ‘40-‘50 era alle dipendenze del Comune di Pesaro come cantoniere, ma era anche uno degli addetti (volontari) alla pulizia del lavatoio e, quando questi interventi necessitavano, chiamava in aiuto Terenzio Santini di Ponte Valle, meglio conosciuto come Gennarén”. Come mi conferma Savino Vannucci, “Era noto soprattutto per avere una peculiarità tutta sua: anche quando si faceva la barba, riteneva indispensabile conservare il cappello sulla testa”.
In quei tempi di vita non facile, tra Ponte Valle, S. Veneranda e la Celletta quasi in ogni famiglia si potevano contare delle donne che usavano il lavatoio per risciacquare i panni del bucato fatto in casa il giorno prima. La sera dopo cena, testimonia Antonino Costanzi (detto Tony), gli uomini di famiglia intervenivano per la pulizia del lavatoio: si scaricavano le due vasche togliendo il grosso tappo facendo confluire tutta l'acqua da cambiare in un condotto collegato al torrente Genica. Fatta questa operazione, si ripulivano i due fondali delle vasche da tutti i residui dei panni sciacquati durante il giorno, dopodiché il tappo veniva richiuso e tutta la fresca e zampillante acqua della sorgente di Fonte Maiano tornava a riempire le due peschiere.
A S. Veneranda la stessa sorgente, fino agli anni ‘50, riforniva le due fontanelle in ghisa che erano poste in via del Rio di fianco alla seicentesca chiesetta davanti casa del meccanico delle biciclette Giuseppe Magi, che era da tutti conosciuto come Pepèn d'Barloz. Il Comune poi, viste le esigenze della cittadinanza, ha provveduto ad alimentare la frazione di S. Veneranda con una rete idrica cittadina. “Ricordo che dopo aver lavato i panni tutto il giorno usando la cenere come allora era consuetudine per rendere morbido e profumato il bucato”, mi racconta Eloisa Ferri prima lavandaia, e poi nostra amatissima bidella alle elementari di S. Veneranda “una notte verso l'una, mentre mio padre Giuseppe Ferri (detto Pepòn), tirava la carretta carica di panni ed io l'aiutavo spingendola, ad un certo punto mi sono sentita male e, verso la “costa d'Serafini”, che allora era molto più ripida di adesso, a qualche centinaio di metri dal lavatoio mi sono sentita mancare, tanto era grande lo sforzo per quel duro lavoro. Mio padre allora mi lasciò a riposare sul ciglio della strada, riprese la carretta e, con uno sforzo sovrumano continuò il cammino verso il lavatoio: era importante riuscire ad assicurarsi un posto per risciacquare i panni”.
I mesi più critici”, racconta mia madre Claudia Marzi in De Angelis, all'epoca anche lei lavandaia, “erano quelli invernali, l'acqua gelata del lavatoio tagliava le mani e risciacquare il bucato diventava una vera tortura, tanto che le mani si riempivano di crepe, provocando un dolore immenso; ma purtroppo non c'era alternativa: il lavoro che si poteva svolgere era solo questo”.

A Ponte Valle, c'era il vecchio Luigi Morelli (alias Marcaciòt) che con sua moglie Marietta (la Ploca), gestivano il negozio di Alimentari & Generi Diversi, e ai volontari della pulizia del lavatoio vendeva citrato rigorosamente incartato nella carta paglia. Anche a S. Veneranda nell'Alimentari di Ciro Giovanetti, (detto el Peccle), si poteva acquistare questo prodotto granuloso ed effervescente; la sera, ci si incamminava verso il lavatoio per bere la fresca acqua di Fonte Maiano che mescolata al citrato acquistava vere proprietà dissetanti, tra l'altro riconosciuta a detta degli abitanti del luogo come curativa per i reni e, tra una bevuta e l'altra, si cantava:
Amor dammi quel fazzolettino…
Amor dammi quel fazzolettino
Che vado alla fonte lo vado a lavar…

Oscar Nicolini di S. Veneranda (soprannominato il Moro), racconta che la discesa di Fonte Maiano, sebbene avesse il manto stradale ricoperto di ghiaia stabilizzata, era molto indicata per andarci con il Biroccino costruito con le ruote della Birela (mezzo agricolo leggero più piccolo del Biroccio) e, spesso con grande agonismo, si gareggiava con altri amici.

Renato Crescentini contadino (detto Fattori), mi racconta che negli anni ‘60 andava a rifornirsi di acqua al nostro lavatoio.
Erano tempi molto difficili per la scarsità di acqua e, per questo tipo di trasporto dei liquidi, l'unico mezzo che si poteva usare era il Biroccio a cassone. Ogni santo giorno, per fare approvvigionamento, si doveva compiere almeno un viaggio fino a Fonte Maiano. Una volta arrivato, per farli dissetare legavo i miei buoi agli anelli in ferro del piccolo abbeveratoio posto di fianco al lavatoio, dopodiché iniziavo il rituale rifornimento dell'acqua degli dei del Monte della Salute”.

Giuliano De Angelis


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Editoriale  
  Coloriamo le vostre idee
<



Speciale  
  L'ape regina
<



TuttoPesaro  
  La cremazione del caro estinto
<
  Il bucato alla Fonte di Maiano
<
  Cinema italiano anni '90
<
  Gènte
<



TuttoFano  
  Parco: ma la strada no
<
  Il David restaurato
<



Opinioni e Commenti  
  Alberto Giuliani: fotoreporter d'assalto
<
  La guerra alle 'lucciole'
<
  Birindelli: è morto un eroe
<
  Cementificare anche il paesaggio?
<
  Serrungarina: Un monumento ricorda il generale Serafini
<
  Il colloquio di assunzione
<
  Eluana, giudici e vip
<
  I giovani vecchi
<
  I cinque assi
<
  Confartigianato e Vuelle: insieme per vincere
<
  Week-end nel Montefeltro
<



Salute  
  La dieta per le allodole
<
  Il Caffè Sollievo contro l'Alzheimer
<
  Giornata dell'Afasia
<
  Contropelo- I dentisti della pubblicità
<
  Hanno detto
<



TuttoSport  
  La scherma a Pesaro negli anni ‘50
<
  Scavolini-Spar: Una maionese al… Curry
<
  Volley rosa: Una Scavolini brasiliana
<
  I velisti della Lega
<



Lettere e Arti  
  La cultura delle 'Veline'
<
  Questioni di lingua: Né passato, né futuro
<
  Festival Nazionale d'Arte Drammatica
<
  'Lectura Dantis'
<
  Visti da vicino: Giorgio La Malfa
<
  Pietro Mascagni a Fano
<
  Il “tenore di grazia” Umberto Macnez
<
  Nel segno di Demitri
<
  La Purificazione
<
  Sante Arduini: Cielo è Terra
<
  La Pala di Bellini parte per Roma
<
  Corpo Ineffabile
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa