Ricerca nel sito: Parola Esatta
Ottobre 2008 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La dieta per le allodole


Se dimagrire fosse tanto facile e ci fossero “pillole” miracolose per perdere peso senza fatica, l'obesità non sarebbe, com'è in tutto il mondo moderno, una vera e propria epidemia medica, causa di malattie, di invalidità e di alti costi sociali. Di fronte a due terzi dell'umanità ancora alle prese con la quotidiana ricerca del cibo sta un'umanità ricca che tutti i giorni è impegnata a non ingrassare, a non eccedere con gli alimenti infarciti di colesterolo e trigliceridi, a frequentare palestre e beauty-farm. Se una parte della pubblicità invita ad abbuffarsi di merendine, di hamburger e di patatine fritte, un'altra parte propone i cibi light, i dolcificanti, i pasti ipocalorici, le diete vegetariane o macrobiotiche. Se poi non riesci a metterti a dieta potrai espiare nei “centri di dimagrimento rapido”. Persino grandi gruppi multinazionali, come Weight-watchers (“le sentinelle del peso”) si sono mobilitati ben di là dei confini degli USA dove sono nati, per riportare tutti al “peso forma”. Per i “drogati del cibo” sono nate persino associazioni di auto-aiuto, a connotazione moralistico religiosa. E soprattutto ormai tutti hanno un loro “metodo per dimagrire”. Giornali salutisti, ballerine, attrici, allenatori, santoni, presentatori, psicoterapeuti, medici e pseudo medici, ciarlatani vari, tutti dicono la loro sull'odiato grasso e propongono diete rapide, diete del panino, della banana, dell'astronauta, di cinque giorni, di un week-end, con pillole e senza pillole, con integratori, erbe, cerotto dimagrante, esercizi fisici, meditazione trascendentale, yoga, massaggi, scosse elettriche, saune, infrarossi e chi più ne ha più ne metta. Sui guai, reali o presunti, delle persone in sovrappeso si è scatenata una vera e propria “industria della dieta” e del fitness con un giro d'affari miliardario.
Si sente “puzza di imbroglio” tutte le volte che viene propagandato un dimagrimento facile, senza fatica, senza privilegiare l'attività fisica, con l'uso di prodotti dietetici o cibi speciali (costosi) da acquistare nel “centro”, nella farmacia “consigliata” o dallo stesso medico “ciarlatano”; o quando si propongono test e analisi (costosi) da fare solo in certi laboratori oppure si impongono cicli di terapie con macchinari “prodigiosi”: infrarossi, ultrasuoni, correnti, saune, ginnastica passiva, ecc.).
Purtroppo neanche i medici si tengono lontani dagli inganni delle “diete chimera” o si sottraggono al mito del guadagno facile con la proposta di dimagrimenti rapidi mediante “pillole” più o meno misteriose o metodi di medicina “alternativa”. “Pillole magiche” che contengono mix di farmaci inappropriati, a volte non autorizzati in Italia, altre volte pericolosi, di certo prescritti indiscriminatamente a tutti, spesso senza neanche una visita preliminare: anfetamine, ormoni tiroidei, metformina, bupropione, ecc. magari contrabbandati per erbette innocue. Con il risultato di pressione alta, disturbi della tiroide, tossicità per il cuore e per il fegato, dipendenza psichica. In Italia, al momento attuale, le uniche specialità autorizzate per dimagrire sono la sibutramina, il rimonabant, l'orlistat. L'anfetamina fendimetrazina è consentita come galenico (da preparare da parte del farmacista) solo in casi particolari.

I consigli sbagliati
Seguendo una qualsiasi dieta ipocalorica è facile perdere peso e il successo, nel breve termine, è frutto di quanto ipocalorica è la dieta imposta e non della sua correttezza per la salute. Eppure, perché un numero sempre maggiore di persone segue una dieta e ciononostante aumentano i casi di sovrappeso e obesità? La spiegazione sta proprio nel fatto che sono quasi tutte diete “sbagliate” perché:
- sono eccessivamente restrittive;
- non propongono un peso “ragionevole” ma un peso “ideale” difficilmente raggiungibile;
- si prefiggono di raggiungere l'obiettivo in tempo troppo breve;
- consigliano cibi sbagliati rispetto alla piramide alimentare della “dieta mediterranea”, considerata tra le migliori del mondo;
- non sottolineano l'importanza del mantenimento del peso “ragionevole” piuttosto che del suo rapido raggiungimento;
- non propongono un tipo di alimentazione che si possa seguire per tutta la vita;
- non prevedono un intervento sull'attività fisica;
- negano tutti i piaceri della tavola.
In sintesi, gli effetti di una dieta sbagliata possono essere così schematizzati:
- nel primo periodo si ha una perdita di peso proporzionale alla riduzione calorica, spesso eccessiva, con perdita più di acqua e muscoli che di grasso;
- in seguito all'apparente successo conseguito e alle restrizioni imposte, compare una fase di disinibizione che porta a mangiare più di prima e a recuperare il peso con gli interessi;
- mancando una seria educazione alimentare viene negata la possibilità di cambiare in meglio le abitudini alimentari;
- per ogni dieta sbagliata gli effetti negativi vengono sommati a quelli delle precedenti diete sbagliate con l'inevitabile sensazione di fallimento e di incapacità definitiva.
Ecco perché occorre una notevole preparazione degli esperti, che non saranno allora più i semplici “dimagrologi” di qualche anno fa, ma medici specialisti in scienza dell'alimentazione, con competenze di psicologia e capaci di lavorare con metodo pluridisciplinare, se necessario in squadra con psicologi, psichiatri, operatori del benessere, del fitness e dell'estetica, ricorrendo nei casi più resistenti al ricovero in reparti o case di cura specializzati o – nei casi decisamente gravi – alla chirurgia (bendaggio gastrico, by-pass intestinale).

Luciano Baffioni Venturi
Medico dietologo


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Editoriale  
  Coloriamo le vostre idee
<



Speciale  
  L'ape regina
<



TuttoPesaro  
  La cremazione del caro estinto
<
  Il bucato alla Fonte di Maiano
<
  Cinema italiano anni '90
<
  Gènte
<



TuttoFano  
  Parco: ma la strada no
<
  Il David restaurato
<



Opinioni e Commenti  
  Alberto Giuliani: fotoreporter d'assalto
<
  La guerra alle 'lucciole'
<
  Birindelli: è morto un eroe
<
  Cementificare anche il paesaggio?
<
  Serrungarina: Un monumento ricorda il generale Serafini
<
  Il colloquio di assunzione
<
  Eluana, giudici e vip
<
  I giovani vecchi
<
  I cinque assi
<
  Confartigianato e Vuelle: insieme per vincere
<
  Week-end nel Montefeltro
<



Salute  
  La dieta per le allodole
<
  Il Caffè Sollievo contro l'Alzheimer
<
  Giornata dell'Afasia
<
  Contropelo- I dentisti della pubblicità
<
  Hanno detto
<



TuttoSport  
  La scherma a Pesaro negli anni ‘50
<
  Scavolini-Spar: Una maionese al… Curry
<
  Volley rosa: Una Scavolini brasiliana
<
  I velisti della Lega
<



Lettere e Arti  
  La cultura delle 'Veline'
<
  Questioni di lingua: Né passato, né futuro
<
  Festival Nazionale d'Arte Drammatica
<
  'Lectura Dantis'
<
  Visti da vicino: Giorgio La Malfa
<
  Pietro Mascagni a Fano
<
  Il “tenore di grazia” Umberto Macnez
<
  Nel segno di Demitri
<
  La Purificazione
<
  Sante Arduini: Cielo è Terra
<
  La Pala di Bellini parte per Roma
<
  Corpo Ineffabile
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa