Ricerca nel sito: Parola Esatta
Ottobre 2008 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Questioni di lingua: Né passato, né futuro

Poveri noi, non abbiamo futuro (né semplice né, tantomeno, anteriore). Chi dice più: “Fra pochi mesi andremo in montagna?”. E' tanto più semplice e sbrigativo dire “andiamo”. Basta un termine che già contenga l'idea di futuro, un avverbio, un'espressione temporale (“domani”, “quest'inverno”), e il gioco è fatto: è come se a quella parola seguisse uno stop mentale e il discorso subisse una sterzata che lo indirizzi al presente. Tanto, l'idea di futuro è stata già espressa!
Il presente-pro futuro non è una novità in assoluto: è attestato nell'italiano antico ed è presente nei dialetti moderni, quelli meridionali in particolare; ma è altrettanto vero che in nessun'altra epoca si è diffuso come nel nostro tempo per la crescente espansione del parlato e per la sua tendenza alla semplificazione, ormai inarrestabile. Intanto la nostra lingua perde qualcosa.
Ma, ahinoi, rischiamo di perdere anche il passato (remoto), che va scomparendo a vantaggio del passato prossimo, fra gli otto tempi verbali uno di quelli attualmente più usati, insieme al presente e all'imperfetto. Il passato prossimo, tipico dell'Italia settentrionale e di parte delle regioni centrali, indica un passato vicino (essenzialmente nei risvolti psicologici), le cui conseguenze perdurano nell'attualità. “Ho letto molti libri” significa “Ho maturato una buona istruzione”. Il passato remoto segna uno stacco netto nei confronti del presente: “Leopardi nacque nel 1798”. Oggi però non si presta più attenzione alla distanza temporale rispetto al momento in cui si parla o si scrive; sì che il passato prossimo è in espansione, almeno nel parlato, anche nelle regioni meridionali ove pure il passato remoto ha resistito tenacemente per lungo tempo. Ai nostri giorni è poco più che uno sconosciuto, mentre il passato prossimo lo sentiamo più nostro: addomestica in qualche modo la memoria. Si direbbe che l'oggi prenda le distanze da ciò che viene avvertito come irreparabilmente lontano. Del resto, un fatto di cui non si parla più da tre giorni è come se non fosse mai avvenuto, riassorbito nel flusso della quotidianità e dai ritmi della nostra esistenza frenetica.
Intanto rimaniamo schiacciati sul presente, privati dell'immaginazione che ci proietta in avanti e del gusto della memoria, di ciò che ci sta alle spalle e che spiega il nostro oggi. La coniugazione del verbo si restringe e il presente (non solo quello grammaticale) sembra voler sostituire tutto. Prosit.

Alfredo Prologo


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Editoriale  
  Coloriamo le vostre idee
<



Speciale  
  L'ape regina
<



TuttoPesaro  
  La cremazione del caro estinto
<
  Il bucato alla Fonte di Maiano
<
  Cinema italiano anni '90
<
  Gènte
<



TuttoFano  
  Parco: ma la strada no
<
  Il David restaurato
<



Opinioni e Commenti  
  Alberto Giuliani: fotoreporter d'assalto
<
  La guerra alle 'lucciole'
<
  Birindelli: è morto un eroe
<
  Cementificare anche il paesaggio?
<
  Serrungarina: Un monumento ricorda il generale Serafini
<
  Il colloquio di assunzione
<
  Eluana, giudici e vip
<
  I giovani vecchi
<
  I cinque assi
<
  Confartigianato e Vuelle: insieme per vincere
<
  Week-end nel Montefeltro
<



Salute  
  La dieta per le allodole
<
  Il Caffè Sollievo contro l'Alzheimer
<
  Giornata dell'Afasia
<
  Contropelo- I dentisti della pubblicità
<
  Hanno detto
<



TuttoSport  
  La scherma a Pesaro negli anni ‘50
<
  Scavolini-Spar: Una maionese al… Curry
<
  Volley rosa: Una Scavolini brasiliana
<
  I velisti della Lega
<



Lettere e Arti  
  La cultura delle 'Veline'
<
  Questioni di lingua: Né passato, né futuro
<
  Festival Nazionale d'Arte Drammatica
<
  'Lectura Dantis'
<
  Visti da vicino: Giorgio La Malfa
<
  Pietro Mascagni a Fano
<
  Il “tenore di grazia” Umberto Macnez
<
  Nel segno di Demitri
<
  La Purificazione
<
  Sante Arduini: Cielo è Terra
<
  La Pala di Bellini parte per Roma
<
  Corpo Ineffabile
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa