Ricerca nel sito: Parola Esatta
Ottobre 2001 / Speciale
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Non solo gli americani sono sotto le bombe
Opinioni allo Specchio: condanniamo il massacro in USA, ma…
Nel nome di Dio il Misericordioso, il Misericorde. Credo che nessun uomo possa essere rimasto indifferente davanti a ciò che le immagini ci hanno documentato e che abbiamo rivisto almeno qualche decina di volte. Come reazione iniziale c'è l'incredulità, lo sbigottimento, ci si chiede se è possibile, se quello che si è visto in televisione sia davvero la realtà. E quindi ci si interroga sul tipo di mente criminale che potrebbe aver fatto tutto ciò. Una volta realizzato che quello che si è visto è la tragica realtà, ed essersi domandati chi è questo qualcuno che l'ha fatto, la domanda d'obbligo diventa “a chi potrebbe giovare tutto ciò?”.
Da uomo religioso e da medico, non posso non esprimere a nome mio, della comunità islamica nelle Marche e in Italia il mio dolore alle vittime e alle famiglie delle vittime, di qualsiasi Paese esse siano. A tutt'oggi non conosciamo ancora il numero esatto delle vittime; ciò invece di cui siamo sicuri è che tra le vittime ci sono centinaia di musulmani e centinaia di arabi, per i quali nessuno ha fatto le condoglianze alla comunità islamica. Una domanda mi viene in mente: i terroristi che hanno compiuto questo gesto, avevano veramente previsto tutta questa disgrazia? E quale scopo avevano oltre al gesto in sé? Questo gesto quasi sicuramente non poteva essere fermato nel momento in cui è accaduto, tutto in pochi tragici attimi. Ma il massacro di Sabra e Shatila, nel quale sono morti centinaia di bambini e di donne per mano cristiana e sotto la protezione del criminale di guerra Sharon è durato due giorni, sotto gli occhi di tutto il mondo che stava fermo a guardare! Perché non è stato fermato? Perché non è stato definito attacco alla civiltà? Perché non è stato definito terrorismo cristiano e terrorismo ebraico? Sebrenica: ve ne ricordate? Ottomila morti scannati nel giro di una settimana. Perché non è stato fermato il massacro? La città si trovava sotto la protezione dell'ONU. I militari che difendevano la loro terra avevano consegnato le loro armi solamente perché in cambio gli era stata data la protezione, poiché se no avrebbero resistito ancora e si sarebbero potuti difendere, almeno in parte. Perché allora non si è parlato di terrorismo cristiano? Per i massacri in corso in Palestina sotto gli occhi di tutto il mondo, un anno di assedio, perché non viene fatto niente? Tutti coloro che non solo dichiarano che gli Stati Uniti hanno il diritto di difendersi, ma quasi chiedono che gli USA utilizzino le armi perché sono stati attaccati in casa, perché fanno dei distinguo per il popolo palestinese? Perché il popolo palestinese non ha il diritto di difendere le proprie case come si chiede invece al popolo americano?
Forse è il caso di fermarsi a fare una riflessione davanti a quest'orribile gesto che ha causato migliaia di morti e feriti innocenti, di chiedere agli USA di fare una riflessione, una riflessione sull'embargo e sulle sue tragiche conseguenze, l'embargo che hanno posto su Libia, Iraq, Iran, Sudan, dove è stata distrutta un'industria farmaceutica, facendo credere al mondo che fosse un'industria chimica. Inoltre i centri finanziari delle due torri, il crollo delle borse che durava oramai da qualche giorno, tutte le operazioni commerciali che venivano fatte nelle torri, non fanno venire il dubbio che almeno in parte si tratti anche di una questione economica? La guerra che si è scatenata contro l'Islam, contro i musulmani, addirittura tra musulmani da una parte ed il cosiddetto occidente dall'altra, faceva parte dei programmi dei mandanti dei terroristi? I terroristi sono stati già identificati e trovati? E i loro mandanti? La richiesta di prove è o meno una richiesta legittima? Una volta presi o ammazzati i terroristi o i presunti tali, si continuerà ad indagare sui mandanti o no?
Lascerò tanti dubbi aperti e tante risposte su cui rifletteremo io e i lettori. Però una certezza la voglio dire: l'allontanamento da Dio ci porterà alla guerra ed alla distruzione. Non è forse il caso, davanti a migliaia di morti e feriti e davanti a tanta sofferenza, di fare una preghiera in più e un invito all'odio in meno?

Mohamed Nour Dachan


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Luciano Pavarotti

<



TuttoPesaro  
  I cavalli di 'Bucon'
<
  Il volo dell'airone
<
  Un club per gli 'over 60'
<



TuttoFano  
  Nove giovani di Fano in missione a Rastatt
<
  La rivoluzionaria estate del Circolo Papini
<
  Abbattiamo le barriere!
<



Opinioni e Commenti  
  L'eredità di Guareschi
<
  I prigionieri dimenticati
<



Speciale  
  Sogno americano
<
  Questi assassini non conoscono l'America
<
  Non solo gli americani sono sotto le bombe
<
  Una bomba innescata da troppe ingiustizie
<
  No al terrorismo e alla violenza
<
  Torniamo al Vangelo per sconfiggere il male
<
  Poesia
<



Salute  
  Sclerosi multipla: 50 mila casi in Italia
<
  La sindrome di Messalina
<



Società  
  Voglio una seconda possibilità
<
  Gli alibi e le stragi del sabato
<



Consumatori  
  Il crollo delle illusioni globali
<
  Il Caso: Il cinturino in metallo
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Prima di firmare un contratto fuori dai locali commerciali
<
  Le risposte dell'ACU
<



Ambiente  
  Elettrosmog e dintorni
<



Lettere e Arti  
  54° Festival GAD: Nove Compagnie ai nastri di partenza
<
  Cinema d'autore a Fano dal 15 ottobre
<
  La mostra di Fernando Mariotti alla Quadreria Cesarini di Fossombrone
<
  House: una mostra sulla casa nell'arte contemporanea
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa