Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 2007 - Speciale
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Il vangelo in dialetto fanese

Mons. Giovanni Tonucci, fanese e nuovo Arcivescovo di Loreto, insieme a Papa Benedetto XVI.

Mons. Giovanni Tonucci, nato a Fano il 4 dicembre 1941 e diplomatico della Santa Sede come Nunzio apostolico nei Paesi scandinavi, stato nominato Delegato pontificio e Arcivescovo della Prelatura di Loreto. Fra le sue numerose pubblicazioni, anche la traduzione in dialetto fanese del Vangelo di San Marco, in collaborazione con Massimo Ciavaglia: stampato quest'anno dalla Societ Tipografica di Fano per la Confraternita Santa Maria del Suffragio. A chi si meraviglier per questa trasposizione, ricordiamo che la lingua di Ges era l'aramaico e che la sua parola ci pervenuta attraverso la traduzione in greco, seguita da quelle in latino e successivamente in tutte le lingue moderne. Nulla vieta, quindi, che il Vangelo possa essere raccontato anche in altri idiomi popolari come quelli dei dialetti. Pubblichiamo di seguito alcuni brani dell'opera.

I primi discepoli. Dp che G. van stt mis in galera, Ges git tla Galila, a predic l Vangl del Signr e diceva: l temp fnit e l regn del Signurn vcin: gambit vita e credt in tl Vangl. Mentra che giva per marina in tl mr de Galila, ha vist ma Simn e ma Andrea, l fratl de Simn, che calven la rt in tl'aqua; facven i pescatr. Ges j ha dit: Nit sa me, e ve fag dvent pescatr de min. E qui mal, sbit, lascit le rt, j'n giti dietra. Un po' pi in l, ha vist in tuna brca anca ma Giacumn, fil de Zebedeo, e l fratl, G.van, ch'armachiven. J ha chiamti. E lra, lascit mal pdre Zebedeo t'la brca sai marinr, n giti sa lu. E vinen a Cafarnao, e, propi de sbet, buct drenta tla sinagoga, s' mis a insegn. E tuti armanven de qul ch'diceva, perch j'insegnva cum un che c.'ha l'autorit, e n cum i prufesr.

Guarigione di un paralitico. Qualc giorne dp, entrt n'antra volta a Cafarnao. Han saput ch'ra dentra csa e un sac de gnt s' ardunata, tant ch'n c'ra pi pst manca davanti a la porta, e lu i discuriva. Vinen da lu sa un paraltic cargt da quatre persn. Tra gi ch'n pudeven purtile davanti, per tuta la gnt che c'ra, han scuperchit l tt in tl punt du stva lu e, fat un bug, han calt gi la barla in du stava a gigia l paraltic. Quant ha vist la fed che c.'avven, Ges dic. mal paraltic: Fil mia, i pct che hi fat n perdunti.
A seda mal c'rne di mestre dla lg., che dentra de lra pensven: Mo perch stu parla acs? Bastimia! Chi pl perdun i pct, a l'infra del Pdretrne? Mo Ges, che sal cr ha capt sbit che qui pensaven a cla maniera, i dic.: Perch penst acs tl cr vostre? Cu pi facil, de di mal paraltic: te perdn i pct o de dij: tirte su, prend la barla e camina? Ads, per fv cap che l Fil dl'min bn de perdun i pct mach in tl mond, ji tl cmand - dic. mal paraltic - tirte su, prend la barla e va a csa tua. Cul s' alst, ha pres la barla e git via davanti a tuti, e tuti n armasti e bnediven mal Signurn e dicven: En s' mi vista na roba acs!

Moltiplicazione dei pani. Quant sbarct, ha vist na muchia de gnt e s' cums per lra, perch rne cum le pcur sensa un pastr, e s' mis a insegnj un bel po' de rb. Tra gi che ra trdi, j n giti d'acst i discepul e j han dit: Tun ste pst n c' nisciun e urmi tardi. Dij de g via, in mod che plen g per la campagna e i paesn intorne e plen cumpr calc per magn. Mo lu j ha fat: Datij vuialter calc da magn. I dicen: Avn da gi n a cumpr docnt scud de pan e dj da magn? Mo lu j ardic.: Quant pan c.'avt? Git a veda. Han vist e i dicen: Cinq pan e do psc.. Alora j ha cmandt de fi meta tuti a seda, un po' maqu, un po' mal, su l'erba verd. S'n misi a seda tuti a grup de cnt e de cinquanta. Ha prs i cinq pan e i d psc., ha alst i ochi al ciel, ha dit la bendisin, ha rt l pan e l'ha dat mai discepul per spartij ma tuti; e ha spartt i psc. tra tuti. Tuti han magnt a stuf, e han purtt via dodic. gf pn de ps de pan e anca de psc. Qui che aveven magnt l pan rne cinqmila min.

Ges cammina sulle acque. Dp ha cmandt mai discepul de munt su la brca e de gi avanti tu cl'altra riva, vers Betsaida, mentra che lu mandva via ma la gnt. Apena j ha mandti via, git sul mont a di le urasin. Quant ra sera, la brca ra in tl mz del mr e lu sl a tra. I ved che se stven a sdren sai rem, perch c.'avven el vnt contra, e gi vers l'ultima prt dla nt j git incontra caminand sul mr, e vleva gi tra. Lra, a vedle camin sul mr, han penst: un spirit, e han cmincit a stril, perch l'avven vist tuti e avven avut paura. Mo lu sbit j ha parlt e j ha dit: Curag., s ji, n avt paura. Pu muntt tla brca sa lra e l vnt fnit. E lra ren armasti chis quant, perch n avven capt l fat di pan, perch c.'avven el cr indurt. Fnita la traversta, han prs tra a Genesaret. Apena smuntti da la brca, la gnt l'ha arcnuscit e, ardunandse da tuta cla regin, han cmincit a purti su le barl qui che stven ml, in du che sentiven che stva. E du arivava, in ti paesn o tle cit o in campagna, meteven i malt tle pias e i dmandven de pudi tuc almen l'orle del mantl; e qui che l tucven, se guariven.
 
Lo scandalo e i bambini. Chi d scandul ma un de sti picui che creden, sara mj per lu chei metser na mola de muln tl cl e che l butser tl mr. Si laman te fa f i pct, taila: mj per t de buc drenta tla vita mnc, che sa le d man gi in tla Geenna, tl fc ch'n se smorcia mi. Si l pied te fa f i pct, taile: mj per t de buc drenta tla vita sp, che d'sa butt sa i d pied tla Geenna. Si l'ochi che te fa f i pct, cvel fra: mj per t de buc drenta tla vita guerc. Che d'sa butt tla Geenna sa tuti d i ochi, ind che l vermin n mr e l fc n se smorcia. Perch tuti sarn salti sal fc. l sl bn; mo si l sl dventa scip, sa cu j ardi l sapr? Ft in md d'avec. l sl dentra de v e stt in pc. l'un sa c'laltre.
 
Il giovane ricco. Mentre giva fra per viagi, un cul i cur incontra, i se buta in g.nchi davanti e i dmanda: Mestre bn, cu ho da fa per guadagn la vita eterna? Ges i ha fat: Perch me chiami bn? Nisciun bn, mo sl l Signr. T cnosci mai cumandamnt: n mas, n f le purcar, n freg, n arcunt le ppul, n imbrui, unora mal pdre e mala mdre. Qul alora j ha dit: Mstre, tut ste rb l'ho fat da quant ra un giuvnetn. Alora Ges j ha guardt fit, j ha vlut bn e j ha dit: Te manca na rba sla: va', vnd tut quel che c.'hai e dal mai purt, e c.'avri un tesor in tl cl; e dp vienme dietra. Mo ma qul mal ste parol i rincrescven, e git via tut mosc., perch c.'avva un bel po' de quadrn. Ges, guardand intorne, dic. mai discepul: Quant fatiga per chi ric buc drenta tl regn del Signr! I discepul c'n armasti a ste parl; mo Ges insist: Fii mia, quant' fatiga a entr in tl regn de Dio! pi facil che un gameli pasa tla cruna de un ag, che un ric entra in tl regn de Dio. E qui, ancora pi surpresi, diven tra d'lra: Mo acs chi che se pl salv?. Mo Ges i guarda e i fa: Per i min impusibil, mo n per Dio. Perch tut pusibil mal Signr. Alora Pietre i dic.: Va, nuiatre avn lascit tutanic per ni sa t. Ges alora j ha rispost: Vl dig sul seri: n c' nisciun che ha lascit csa o frati o surl o mdre o pdre o fii o camp per colpa mia e per colpa del vangl che, fin da ads, n c.'avr cnt volt de pi de cs e frati e surl e mdre e fii e camp, insim sa le persecusin, e dman la vita etrna. E un bel po' de qui che rne i prim sarn i ultim e i ultim i prim.

Purificazione del tempio. Ariven intant a Gerusalm. Entrt in tl tempi, s' mis a caci fra ma quei che vendven e cumprven; ha arbaltt i tavln de chi gambiva i quadrn e le sgiul di venditr de palmb, e n i faceva purt le mercans a travers del tempi. E j insegnva e i diceva: In tla Bibia n c' scrit: Csa mia sar chiamta csa de urasin per tuti quanti? Vuialter l'avet gambita in tun tuguri de ladrn. L'han sentt i gran prt e i prufesr e cercven l mod de masl. C.'avven paura de lu, perch, e tuta la gnt giva mata per qul che insegnava. Quant nuta la sera, n giti fra dla cit.

Il tributo a Cesare. Pr i manden ma qualcun di farisi e de qui del partt de Rd per cerc d'imbruil in tl discura. Qui ariven e i fan: Mstre, sapn che dici la verit e che n tieni cont de nisciun; n guardi in tl mus ma la gnt, mo insegni per davr la strda del Signr. Avrismi da pag le tas ma Cesar o n? L'avn da pag o n? Mo lu, che aveva capt la birbaria d'lra, i dic.: Perch cerct d'imbruim? Purtt mach un sld e ftmle veda. E qui i l'han purtt. Alora lu i dic.: De chi la testa e di chi l nom? J han fat: De Cesar. Ges j ha dit: Ardt ma Cesar quel che de Cesar e ma Dio quel che de Dio. E c'n armasti.

La Pasqua. l prim giorne del pan sensa lievit, quant masven ma l'agnl de Pasqua, i discepul i dicen: Du vrisi che gin a prepar per pud magn la Pasqua? Alora manda ma d di discepul e i fa: Git in cit e ve nir incontra un min sa un orc. d'aqua; git'i dietra e mal du bca dit mal padrn de csa: l Mstre dic.: du la camera per pudc. magn la Pasqua sai discepul?' Lu ve far veda na camera granda, al pian de sopra, sai tapt e tuta pronta; mal preparart per n. I discepul n giti e, entrti in cit, han truvt cum j avva dit, e han prepart per la Pasqua. Nuta la sera, ariva sai dodic.. Ads, mentre ren a tavln e magnven, Ges ha dit: Vl dig sul seri, un de vuialter, cul che magna sa me, me tradir. Han cmincit a armana bruti e a dij, un dop de claltre: Sar che s ji? E lu i fa: Un di dodic., cul che mla l pan sa me in tl piat. l Fil dl'min va via, cum c' scrit de lu, mo gui ma cl'min che l tradsc.. Mi per lu che n fusa mi nt, cl'min. Mentre magnven ha prs l pan e, dita la bendisin, l'ha rt, i l'ha dt e ha dit: Prendt, qust l corp mia. Pu ha prs l bichir e, ringrasit mal Signr, i l'ha dt e tuti lra l'han but. E j ha fat: Qust l sang mia, l sang dla cunciliasin, butt fra per tuti. Vl dig sul seri che n vi beva pi l frut dla vit fin al giorne che l bevr nv in tl regn del Pdretrne.

La morte sulla croce. Arivt msgiorne, s' fat scur su tuta la tra fin a le tr del doppranz. A le tr, Ges ha strilt sa tuta la voc.: Eloi, Eloi, lama sabactani!, che vl di: Signr mia, Signr mia, perch m'hai abandunt?. Qualcun de qui che stven mal, quant ha sentt acs, dicen: c, chima ma Elia. Un cors a imbumb na sponga tl'act, e l'ha infilsta in cima a na cana e i dva da beva, e diva: Asptt, stn a veda si vin Elia a tirl gi. Mo Ges, tirt l vers, mort. l tl del tempi s' stracit in d part, da cima a fond. Alora l centurin che i stava davanti, al vedle a mur in chl mod, ha dit: propi vera: st'min ra l fil de Dio.

La risurrezione. Past l sbet, Maria Madalena, Maria de Giacumn e Salome han cumprt i prufum per gi a vogna ma Ges. La matina prst, l prim giorne dp del sbet, vinne a la tomba che s'alsva l sl. Diven tra de lra: Chi c.'arbaltar la pietra da l'entrta dla tomba? Mo guarden e veden che la pietra ra stta gi rutulta via, anca si ra granda un bel po'. n entrt tla tomba e han vist ma un givin, a seda a destra, vestt sa na vst bianca, e han avut paura. Mo qul i fa: n avt paura! Vuialter cerct ma Ges l Nazarn, l cruc.fs. risuscitt, n mach. ca l pst du l'avven mis. Ads git a di mai discepul e ma Pietre che lu gir prima de vuialter tla Galila. Mal l vedrt, cum v'ha dit. E, usct fra, n fugt via da la tomba perch ren pn de paura e de spavnt. E n han dit gnnt ma nisciun, perch c.'avven fifa.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Il vangelo in dialetto fanese
<



Primo Piano  
  La carica dei bamboccioni
<



TuttoPesaro  
  Stalin e Lenin in visita a Pesaro
<
  L'invasione dei graffiti
<
  I parenti pesaresi di Vincenzo Rossi
<
  Il porcheggio del S. Decenzio
<
  Il festival dei Gad
e gli spettatori pigri

<



TuttoFano  
  Aeroporto e ICI
<
  Il campanile del Vanvitelli
<
  Proposte urbanistiche per il centro storico
<
  L'arte al femminile
<



Opinioni e Commenti  
  Storie da un manicomio
<
  A.I.D.O.: La donazione degli organi
<
  Banca dell'Adriatico: il nuovo marchio
<
  Confartigianato: nasce S.I.D.,
la scuola per imprenditori.

<
  Balla col bus
<
  Un s a piedi nudi alle Mauritius
<
  Hanno detto
<



Storia  
  Taranto 1940: una notte che potevamo pagare cara
<
  L'Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar stellare
contro le grandi

<
  Come eravamo Pallacanestro a Pesaro negli anni 50
<
  Volley: grande partenza
per le colibr

<
  Il Pirata sul Carpegna
<
  Forza Milan !!!
<



Lettere e Arti  
  Arte da toccare
<
  I novant'anni di Carlo Ceci
<
  Visti da vicino: Vittoria Markova
<
  Teatro Rossini: gli spettacoli
della nuova stagione di prosa

<
  Ciao Tuli, dolce poetessa greca
<
  A Veris
<
  Pesaro: Via Gagarin
<
  Questioni di lingua: studiare il dialetto a scuola?
<
  L'Universit? A sinistra...
<
  Una piuma pi leggera
<
  Il mandorlo
<
  Pensieri di un maratoneta
<
  Segnalazioni Editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa