Ricerca nel sito: Parola Esatta
Novembre 2002 - Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Mario Del Monaco nelle cronache pesaresi


E' stato ricordato in ottobre il 20° anniversario della scomparsa del tenore Mario Del Monaco (Venezia, 16 ottobre 1982). Nella convinzione che, a celebrare la sua figura d'artista, basti solo pronunciarne il nome, mi limito a rievocare alcuni avvenimenti, legati agli anni da lui trascorsi a Pesaro, per farlo rivivere nel ricordo dei suoi concittadini: ma solo di quelli, poco attenti alle vicende teatro lirico, che sanno appena che nella nostra città c'è una via intitolata al suo nome e, nel cimitero centrale, il suo monumento funebre, opera di Giò Pomodoro.

Ciò premesso, incomincio a scorrere le cronache giornalistiche per leggere, sul Corriere Adriatico del 12 agosto 1930, che domenica 15, in uno spettacolo organizzato dall'ONB al Teatro "Gigli" di Mondolfo, il quindicenne Mario Del Monaco (era nato a Firenze il 27 luglio 1915) avrebbe cantato l'idillio Narciso di Massenet. Ma, allora, il futuro tenore era dedito alle arti figurative - si diplomava, infatti, alla locale Scuola d'Arte - e solo nel 1934, preso dalla passione del canto, s'iscriveva al Liceo Rossini dove era affidato alle cure dell'indimenticabile Arturo Melocchi. Nel 1936, vincitore di un concorso, Del Monaco si trasferiva a Roma, per studiare con un maestro della capitale, con il risultato di mettere a repentaglio quella che è stata senza dubbio una delle doti principali della sua vocalità: la forza e l'irruenza del canto. Ciononostante, la sera del 19 dicembre 1936 al "Pedrotti" egli prendeva parte, insieme al soprano Fedora Solveni, al pianista Alessandro Peroni e all'orchestra del Liceo diretta da Zanella, alla commemorazione del compositore pesarese Arnaldo Carloni (1880- 1935).

Qualche anno dopo, Del Monaco si esibiva al Nuovo Fiore in un concerto - dove, fra l'altro, cantava, ricevendo un'accoglienza burrascosa, l'Improvviso da l'Andrea Chénier - mentre l'inizio ufficiale della sua carriera avveniva nell'estate del 1939 all'Arena al Lido con Cavalleria rusticana (Turiddu): e anche qui, come ricordano i vecchi pesaresi, l'esito non fu eccezionale. Nemo propheta…

Arriviamo così al 10 luglio 1943, per leggere su "L'Ora", organo del PNF pesarese, una recensione sulle rappresentazioni di Madama Butterfly allestite dall'impresa Mabe all'Arena al Lido: "Se a questa breve stagione lirica nei due teatri non avesse partecipato il giovane concittadino Mario Del Monaco – scriveva Parvus (alias Marcello Cocco) – credo non varrebbe la pena parlarne, tanto ci è sembrato "arrangiato" e miserello lo spettacolo che a causa della pioggia per tre sere è stato portato al magnifico Teatro Rossini. Ma poiché nei riguardi del simpatico tenore si è fatto un gran parlare, si è detto troppo bene e troppo male, si sono stampati giudizi piú o meno "azzeccati", desideriamo occuparcene con un poco di "serenità" e con la speranza di trovare il giusto tono". Dopo una tiratina d'orecchi all'impresa, unica responsabile del mediocre allestimento, Parvus cosí proseguiva: "Del Monaco meritava di cantare a Pesaro in una edizione migliore; meritava perché ha belle qualità, perché giovanissimo, perché pesarese o quasi. La sua voce è gradevolissima, sempre tonda, sempre limpida, quindi piace; il suo temperamento artistico, non ancora del tutto delineato, ha già segni notevoli di maturità, quindi interessa. E, per finire, canta con intelligenza, e in arte, vivaddio, è quel che conta di piú".

Lo stesso giorno in cui i pesaresi leggevano queste righe, gli alleati sbarcavano in Sicilia e, da allora, c'era altro di cui preoccuparsi. Solo nel primo dopoguerra si sarebbe tornato a parlare di opere al Teatro Rossini, ma Del Monaco era ormai approdato alle ribalte dei grandi teatri del mondo (risale al 1946, il suo debutto al Covent Garden di Londra) e a Pesaro si fermava solo di passaggio, per salutare gli amici del tempo in cui, ragazzino, correva dietro a un pallone in Piazzale Carducci, e cantare per loro alcune romanze, accompagnato dal maestro Melocchi.

Bisogna arrivare all'estate 1955 per apprendere che egli avrebbe cantato a Pesaro, in Piazza del Popolo, nell'opera a cui è maggiormente legata la sua fama: Otello di Verdi. Si può facilmente immaginare la febbrile attesa dei melomani di Pesaro e province limitrofe, com'è altrettanto facile condividere la loro cocente delusione quando appresero, solo due ore prima dell'inizio dello spettacolo previsto per sabato 30 luglio, che Del Monaco era sì venuto a Pesaro, ma unicamente per fare esaminare le sue preziosissime corde vocali dal dott. Pagnini, l'otorinolaringoiatria dell'Ospedale San Salvatore. Al termine della visita, si aveva, purtroppo, la conferma che Del Monaco, a causa di una infiammazione procuratagli da un malaugurato effetto fumogeno voluto dal regista dell'Arena di Verona dove, qualche tempo prima, aveva interpretato l'Otello, quella sera non poteva cantare. La responsabilità della spiacevole vicenda ricadeva principalmente sugli organizzatori, i quali, nonostante Del Monaco li avesse tempestivamente informati di non essere in grado di cantare la sera del 30 luglio, l'avevano indotto a venire a Pesaro, con la promessa di un rinvio al 2 agosto, per metterlo poi di fronte alla sgradevole sorpresa di dover andare in scena alla data prefissata.

Sta di fatto che, lo stesso fatale 30 luglio, dopo la visita del dott. Pagnini, Mario Del Monaco lasciava Pesaro a bordo di una grossa auto americana. Assisteva alla partenza, in mezzo alla folla dei curiosi, il cronista del Resto del Carlino del 14 agosto, che, a commento di tutta la vicenda, annotava: "Una donnina tutte rughe e con gli occhi acquosi brillanti ci guardò in viso sorridendo: - A vleva sentì una canteda. - E se ne andò."

Gilberto Calcagnini


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<
  10 cent per l'ANT
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Arnaldo Forlani

<



Speciale  
  Ospedale San Salvatore: due diversi punti di vista
<



TuttoPesaro  
  Il 'Martirio di San Bartolomeo'
restituito alla città

<
  Il cavallo nero di Baia Flaminia
<
  Una turista molto speciale
<
  La passeggiata del Sindaco
<
  Via Giansanti
<



TuttoFano  
  Un monumento alla vita
<
  Frusaglia per Maria
<
  La Bottega di Mastro Archilei
<



Scienza  
  L'origine dell'Universo: dibattito
<



Storia  
  Dopo El Alamein
<
  I carabinieri a cavallo
<



Opinioni e Commenti  
  Il dialogo nella coppia
<
  Quasi 12 mila immigrati nella provincia di Pesaro
<
  Hanno detto
<
  Omosessuali
e cavoli a merenda

<
  Una lettera a Bush
<
  Desirée come Maria Goretti
<
  Aspes: E adesso l'elettricità
<
  Elettrosmog: decreto "sblocca antenne"
<
  Provincia: una convenzione con Italia Lavoro
<
  A Cartoceto la Settimana dell'Olio
<
  Francesca Massent Miss Pareo
<



Società  
  Vivere bene ogni minuto
<
  Il 'giallo su Internet'
<
  La bottiglia di vino
<
  Vespe e zanzare
<
  Treno del sud
<
  Il mese dei morti
<



Amore  
  Caro amore, ti scrivo...
<
  La bacchetta magica
<
  Un sogno
<
  Una lettera non spedita
<
  Una storia fatta di niente
<
  Poesie
<



Società e Sport  
  Sentite in Tribunale
<
  A sorpresa due barche pesaresi alla Barcolana
<
  Mo l'à vént o i l'à fatt véncia?
<



Consumatori  
  La vita a doppio senso
<
  Un'arancia al giorno toglie il medico di torno
<
  Il Caso: Il computer col prestito
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  La Natura luminosa
di Franco Fiorucci

<
  Mario Del Monaco nelle cronache pesaresi
<
  Saletta di Via Rossini: le mostre
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Un eccelso contralto rossiniano: Marietta Alboni
<
  La nuova stagione teatrale della 'Piccola Ribalta'
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa