Ricerca nel sito: Parola Esatta
Marzo 2009 / Storia
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Niente di nuovo sotto il sole: La crisi del ‘29

Nel 1929, al culmine della grande crisi economica motivata dall'arresto della produzione, dal bassissimo livello dei profitti e di conseguenza da un forte tasso di disoccupazione in tutto il mondo, una trovata giornalistica (o un arguto suggerimento dei politici italiani del momento?) era quella di incolpare “i migliaia e migliaia di dissesti, che a loro volta trascinano nella rovina altre e poi altre migliaia di famiglie, perché il fallire è oggi un mezzo facile e poco pericoloso per arricchirsi a spese dei  galantuomini. Se si osservano le statistiche delle maggiori città d'Italia si notano cifre davvero sorprendenti di fallimenti per la qual cosa il gran pubblico ed i commercianti onesti invocano dal Governo provvedimenti energici contro i filibustieri del mondo commerciale e bancario”. Infatti, si diceva che anche qualche piccola banca si “scervellava” per trovare il modo di fallire “con tristi ripercussioni e quante lacrime dei clienti!”.
E continuando nell'assurdo, una proposta ritenuta seriamente risolutiva contro il dilagante numero dei dissesti finanziari era quella di aumentare i magistrati, “la cui deficienza numerica ha prodotto da anni rilasciatezza nella macchina giudiziaria e sfiducia del popolo nella più alta manifestazione del potere statale, nella giustizia. Per provvedere ai lamentati inconvenienti i rimedi non sono difficili ed il Governo con la sua consueta energia li applicherà”.
Orbene pochi giorni dopo la stampa divulgava a caratteri cubitali: “500 milioni di sgravi fiscali deliberati dal Consiglio dei Ministri”, provvedimento che se si mostrava di poca utilità con la riduzione alla metà della tassa sugli scambi (ormai quasi inesistenti in assoluto), non risolveva nulla per intero con la totale abolizione delle tasse di bollo sulle pagelle scolastiche, sui copialettera, sui biglietti d'entrata ai musei, sui piombi da applicare ai colli viaggianti e su tante altre buaggini del genere.
Per di più, da tempo si trascinavano le trattative sulla “questione romana”, il riconoscimento politico dello Stato della Città del Vaticano e l'assegnazione allo stesso di una sia pur piccola parte del territorio dello Stato Italiano. Ebbene proprio in quest'anno sventurato il capo del governo Benito Mussolini ed il cardinale Pietro Gasparri, l'11 febbraio, sottoscrivevano i Patti lateranensi che oltre a riportare la pace religiosa tra i credenti, prevedevano molteplici ingerenze della Chiesa cattolica nella politica italiana ed un consistente “indennizzo economico”.
Così, mentre del bilancio pubblico si affermava con enfasi che avesse un avanzo effettivo di un miliardo e 132 milioni, nel contempo lo si diceva ridotto a soli 382 milioni a causa dello sborso di 750 milioni versati alla Santa Sede: somma  accettata senza considerazione alcuna del difficile momento per l'economia italiana, del grande numero di suicidi che cagionava ma a cui nessuno faceva cenno (allora l'onore personale era cosa primaria) ed ancor di più delle tante migliaia di capifamiglia rimasti senza lavoro e quindi impossibilitati a far fronte agli stringenti bisogni per sostenere la vita.

Leon Lorenzo Loreti


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Dove si trova
<
  Come si collabora
<



Elezioni  
  Pubblicità elettorale
<



Primo Piano  
  Istituzioni allo Specchio: il carcere di Villa Fastiggi
<



Speciale  
  La stampa pesarese negli anni Cinquanta e Sessanta
<
  Il cavallo imbizzarrito e la palla al cesto
<
  La 'Belle Epoque' degli anni Cinquanta
<
  I cento anni del Corriere Adriatico
<
  Il ratto di Paolo Albini
<
  Addio vecchio Kursaal
<
  Él gala dla stampa pesares
<



Storia  
  Pillole di storia, Joe Petrosino: un eroe italo-americano
<
  La DC: un potere discreto?
<
  Niente di nuovo sotto il sole: La crisi del ‘29
<



TuttoPesaro  
  Un'agile guida di Pesaro
<
  L'angolo di Nic
<
  Pianoforti morti
<
  Una navetta da Baia Flaminia
<
  Firenzola
<



TuttoFano  
  Le mascherine anti-smog
<
  Il parco urbano
<
  Cinquantadue storie fanesi
<
  Il futurismo a Fano
<



Opinioni e Commenti  
  Beppino Englaro: un eroe involontario
<
  Non ti curar di lor…
<
  Morire per vivere
<
  Grande Fratello batte Eluana: 2-1
<
  Confartiganato: (Per)Corsi gastronomici
<



Società  
  Il mal di testa nasce dall'anima
<
  Voci su Internet: Un test culturale
<
  Hanno detto
<
  Sicurezza sul lavoro: Legge 626
<



Salute  
  Infarto al cuore: sintomi di allarme
<
  Croce Rossa: Corso per infermiere volontarie
<
  Psicofarmaci… che pazzia!
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: serve una squadra tosta per guadagnare i play-off
<
  Volley rosa: di Coppa in Coppa
<
  Football americano: I Ranocchi Angels
<
  I ragazzi del judo
<
  Soluzioni del quiz
<



Lettere e Arti  
  L'acribìa di Antonio Brancati
<
  Visti da vicino: Giorgio Caproni
<
  Questioni di lingua: Chi rompe e chi irrompe
<
  Lo Spazio Leda e l'arte contemporanea
<
  Tornano a splendere le “Madonne” di Montesecco
<
  Parco archeologico di Monte Copiolo
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa