Ricerca nel sito: Parola Esatta
Marzo 2009 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Morire per vivere

Una mattina, passando in bicicletta davanti ad una edicola lessi nel tabellone di un giornale: “si uccide e filma la sua morte”. La stessa cosa mi capitò di leggere, dopo diverso tempo, su un analogo cartello: “muore filmando la sua fine”. Che cosa avrà spinto queste persone a filmare la loro morte? Se non appari non esisti, se non appari non sei nessuno. Nulla è successo se il fatto non è riportato sulle pagine dei giornali o in TV. Molte persone si credono trascurate, non notate, non considerate, abbandonate e non amate, per cui, secondo la mentalità di oggi, pensano di non vivere perché non appaiono; ma che, morendo e filmando la loro fine, potranno finalmente suscitare interesse negli altri e soprattutto nei mass media.

***

Se vediamo un uomo sulla spalletta di un ponte che si vuole buttare giù, che facciamo? E' evidente che quell'uomo vuole porre fine alla sua esistenza, è evidente che egli ritiene la sua sofferenza intollerabile. E allora? Prendiamo atto della sua volontà e della sua sofferenza ed accorriamo per distoglierlo dal suo proposito per aiutarlo a vivere? Oppure gli diamo una amorevole spinta? E quando la volontà di morire non è espressa, pur di porre fine alle sofferenze, lo prendiamo, lo solleviamo e lo buttiamo giù dalla spalletta?
Anche chi è contrario per principio alla pena di morte, per certi crimini efferati o commessi in danno di vittime innocenti come i bambini, pensa che in questi casi “ci vorrebbe la pena di morte”. La contrarietà alla pena di morte, per principio, deriva non solo dalla concezione cristiana della vita e dell'uomo, ma anche dalla serie di atti preliminari messi in atto dallo Stato per giungere alla “soluzione finale del problema”: l'orribile messa in scena dell'apparato garantista predisposto in tutti i particolari, a freddo, per eseguire la sentenza con l'intervento di giudici, procuratori, carcerieri, boia. Molto più accettabile psicologicamente la reazione a caldo di un poliziotto o di una vittima che si difende uccidendo il delinquente applicando così una immediata “incivile” condanna a morte del criminale. Giudizi di primo, di secondo e di terzo grado, domanda di grazia: il tempo che passa, il condannato che aspetta e che diventa diverso da quello che era al momento del delitto. Questo procedimento è orribile perché è civile, garantista e magari buonista perché si cerca di eliminare la vita di un uomo nella maniera che si pensa (si pensa: nessuno è tornato indietro a raccontarcelo) sia meno dolorosa possibile.
Analogo procedimento “civile” si è voluto instaurare per decidere ed applicare la pena di morte alla povera Eluana. Sentenza di primo grado, di secondo grado, Cassazione, cliniche, protocolli per delegare allo Stato la decisione di dare la morte ad una persona, solo presuntivamente consenziente: è la stessa cosa che ammettere e riconoscere la pena di morte con i suoi orrendi riti e procedimenti. Ma i soliti manifestanti non innalzano i cartelli con su scritto “no alla pena di morte”, ma cartelli con su scritto “morte a Eluana”.

Paolo Emilio Comandini


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Dove si trova
<
  Come si collabora
<



Elezioni  
  Pubblicità elettorale
<



Primo Piano  
  Istituzioni allo Specchio: il carcere di Villa Fastiggi
<



Speciale  
  La stampa pesarese negli anni Cinquanta e Sessanta
<
  Il cavallo imbizzarrito e la palla al cesto
<
  La 'Belle Epoque' degli anni Cinquanta
<
  I cento anni del Corriere Adriatico
<
  Il ratto di Paolo Albini
<
  Addio vecchio Kursaal
<
  Él gala dla stampa pesares
<



Storia  
  Pillole di storia, Joe Petrosino: un eroe italo-americano
<
  La DC: un potere discreto?
<
  Niente di nuovo sotto il sole: La crisi del ‘29
<



TuttoPesaro  
  Un'agile guida di Pesaro
<
  L'angolo di Nic
<
  Pianoforti morti
<
  Una navetta da Baia Flaminia
<
  Firenzola
<



TuttoFano  
  Le mascherine anti-smog
<
  Il parco urbano
<
  Cinquantadue storie fanesi
<
  Il futurismo a Fano
<



Opinioni e Commenti  
  Beppino Englaro: un eroe involontario
<
  Non ti curar di lor…
<
  Morire per vivere
<
  Grande Fratello batte Eluana: 2-1
<
  Confartiganato: (Per)Corsi gastronomici
<



Società  
  Il mal di testa nasce dall'anima
<
  Voci su Internet: Un test culturale
<
  Hanno detto
<
  Sicurezza sul lavoro: Legge 626
<



Salute  
  Infarto al cuore: sintomi di allarme
<
  Croce Rossa: Corso per infermiere volontarie
<
  Psicofarmaci… che pazzia!
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: serve una squadra tosta per guadagnare i play-off
<
  Volley rosa: di Coppa in Coppa
<
  Football americano: I Ranocchi Angels
<
  I ragazzi del judo
<
  Soluzioni del quiz
<



Lettere e Arti  
  L'acribìa di Antonio Brancati
<
  Visti da vicino: Giorgio Caproni
<
  Questioni di lingua: Chi rompe e chi irrompe
<
  Lo Spazio Leda e l'arte contemporanea
<
  Tornano a splendere le “Madonne” di Montesecco
<
  Parco archeologico di Monte Copiolo
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa