Ricerca nel sito: Parola Esatta
Marzo 2003 / Consumatori
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Etichette alimentari

DENOMINAZIONE DI VENDITA. Il nome del prodotto, non può essere sostituito da un marchio di fabbrica o da un nome di fantasia. Inoltre l'etichetta deve contenere una descrizione dettagliata dello stato del prodotto. Nel caffè, per esempio, un'indicazione specifica è: in grani, macinato o liofilizzato, decaffeinato.

INGREDIENTI. Gli ingredienti di un prodotto alimentare sono tutte le sostanze, additivi compresi, presenti nel prodotto finito. Ogni componente deve essere chiamato con il suo nome specifico. Nell'elenco degli ingredienti l'ordine decrescente è relativo al peso: il primo componente è quello presente in maggiore percentuale e via via si scende fino ad arrivare agli additivi, utilizzati in piccole dosi. Solo in un caso non vale l'obbligo d'indicare gli ingredienti in ordine decrescente di peso: quando si tratta di miscele: come le macedonie in barattolo, le giardiniere o i minestroni surgelati, la cui indicazione è “proporzione variabile”.

Quando nell'etichetta è posto in rilievo un elemento caratterizzante (per esempio “tortellini al prosciutto”) la legge impone che ne venga dichiarata la quantità utilizzata in percentuale.

CONTENUTO DEL PRODOTTO. La dicitura “contenuto del prodotto” è in realtà sempre più raramente riportata in etichetta, perché il contenuto di un prodotto preconfezionato non può mai essere esatto. E' obbligatorio anche per i piccoli commercianti, dal 1° marzo 2002, indicare sempre il peso al chilo o al litro per il prodotto in vendita. Quando poi l'alimento è caratterizzato dalla presenza di un “liquido di governo”, come l'acqua di cottura dei fagioli in scatola, deve essere sempre riportato il peso sgocciolato.

PRODUTTORE. Il produttore ha la responsabilità dell'alimento che ha confezionato: deve essere quindi sempre riconoscibile. In etichetta deve esserci il nome o la ragione sociale o il marchio depositato, la sede del fabbricante, del confezionatore o dell'importatore, oltre la sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento. 

DATA DI SCADENZA. Le indicazioni della data di scadenza sulla durata di un alimento sono diverse a seconda che si tratti di prodotti deperibili, cioè freschi, o a lunga conservazione. Nel caso dei prodotti freschi (latte, formaggi freschi, yogurt e altri) la data di scadenza è preceduta dall'indicazione “da consumarsi entro…”. La data di scadenza in questo caso è un termine tassativo perché la legge vieta la vendita di prodotti deperibili dal giorno successivo alla scadenza.

Nel caso di prodotti conservabili per mesi o anni (scatolame, barattoli, prodotti essiccati) la data è preceduta dalla dicitura “da consumarsi preferibilmente entro…”. La legge non specifica nulla sulla possibilità di vendere questi prodotti una volta scaduti.

La data di scadenza non c'è nei prodotti freschi come gli ortofrutticoli, purché non abbiano subìto trattamenti, nei prodotti di panetteria e di pasticceria (che per la loro natura vengono consumati entro le ventiquattro ore), nel vino, aceto, sale da cucina, zucchero, caramelle, gomme da masticare, gelati monodose.

CONSERVAZIONE. Nei casi in cui una corretta conservazione è un mezzo per mantenere le caratteristiche nutritive del prodotto, bisogna riportare le indicazioni in etichetta.

MODALITÀ D'USO. Anche in questo caso, le indicazioni sono obbligatorie solo per quei prodotti che richiedono degli accorgimenti specifici per un uso corretto.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Politici allo Specchio:
Roberto Giannotti

<



Guerra e Pace  
  La cricca Bush-Cheney
<
  Il difficile equilibrio tra guerra e pace
<
  Il diritto e la forza
<
  Un laboratorio della memoria
<
  La Shoah degli altri
<
  Hanno detto
<
  Palindromo. 1441
<
  A javem bsogn sol dla pèc
<



TuttoPesaro  
  Candelara: il cimitero sulla collina
<
  Un condominio troppo riscaldato
<
  Aspes: ricicla e vinci
<
  Grazie per la targa
<
  No agli anonimi
<



TuttoFano  
  Ecco "Marina Group".
<
  Cani e palloni contro il passeggio
<



Opinioni e Commenti  
  8 Marzo: la festa deve continuare
<
  Una lettera non appassirà
<
  Quando chiudono i piccoli ospedali
<
  Si alla tecnologia nella giusta dose
<
  Una legge per i disabili
<
  Disoccupati, finalmente in soffitta il libretto di lavoro
<



Salute  
  Come migliorare il seno
<
  La riabilitazione ortopedica in acqua
<
  Assistenza domiciliare per anziani soli
<



Società  
  La provincia di Pesaro nel Novecento
<



TuttoSport  
  U.S. Olimpia: l'altra faccia del basket pesarese
<
  Fanesi in Florida con la “batlarda”
<
  19ª Pesaro-Rovigno 29 aprile – 5 maggio
<



Consumatori  
  La pigrizia e la paura
<
  Il fico d'India e la diuresi
<
  Il Caso: Scherzi da svizzera
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Etichette alimentari
<



Lettere e Arti  
  I muri di luce
di Oscar Piattella

<
  'Esempi di bello scrivere': un viaggio insieme a Dante
<
  Tutti gli sport dei Piceni
<
  Il prete di Soria
<
  La Madonna delle Grazie patrona di Pesaro
<
  Cronache dal passato: L'albero della libertà
<
  Il ciliegio di Bruno Alessandrini
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa