Ricerca nel sito: Parola Esatta
Maggio 2007 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Il mio amico schizofrenico

Mi chiamo Luisa Majone e ho 52 anni. Nel 2002, attraversando un momento personale difficile, mi iscrissi alla facoltà di grafologia a Urbino, per un anno frequentai tutte le lezioni, e dopo non proseguii perché tanta voglia di studiare con ce l'avevo. Ma, durante quell'anno, ebbi la fortuna di conoscere Ambra, una giovane studentessa anche lei iscritta come me al primo anno di grafologia. Andavamo insieme in macchina a Urbino. Durante i nostri viaggi chiacchieravamo intensamente, come lo possono fare una giovane studentessa con tanti progetti per il futuro e una signora depressa sull'orlo della menopausa. Non ci crederete ma ci divertivamo un sacco, io le raccontavo il mio passato al Dams di Bologna, e lei mi stava ad ascoltare come fossi un mito vivente: davanti a lei, in carne ed ossa, c'era proprio una ex-ragazza alternativa degli anni '70, una di quelle che usava le mitiche borse di cuoio e il loden, trasgressiva e sgallettata forse né più né meno di sua madre, ma con le mamme è più difficile parlare di certi argomenti.
Insomma  ad Ambra avevo raccontato anche come ad un certo punto della mia vita, già sposata e con due figlie, sentii il bisogno di recarmi  a trovare regolarmente all'Ospedale psichiatrico di Muraglia,  un ricoverato schizofrenico, amico di famiglia, riuscendo ad instaurare con lui una relazione affettiva profonda, al punto che Stefano, come si chiamava, mi telefonava a casa per salutarmi, e mi abbracciava quando andavo a trovarlo supplicandomi di portarlo via da lì. Riguardo a questa richiesta, mi sentivo allora molto impotente, poiché oltre alle mie visite e alle mie parole di sostegno non potevo certo fare di più. Poi quando rimasi incinta per la terza volta, lui cominciò a chiudersi sempre di più, o forse la malattia si faceva più grave; sta di fatto che aumentando il pancione, diradai le mie visite, e poi, una volta nato il mio terzo figlio, non andai più a trovarlo, fino a che seppi che Stefano era morto a quarant'anni. Pur affetto dalla malattia mentale, per il periodo che lo frequentai, questo “disabile psichico” aveva saputo ricevere l'amicizia che gli donavo e aveva saputo comunicarmi la sua riconoscenza.
Forse presa da un desiderio di rivisitazione del mio passato, e trovando nella giovane Ambra un'ascoltatrice attenta e sensibile, le raccontai di questa mia esperienza. Ma in fin dei conti non sono così sicura di avergliela raccontata. E' che solo così mi spiego come mai, a distanza di anni, Ambra, attraverso la mail, mi abbia informato del problema relativo alla palazzina fantasma dell'Asur, di cui “Lo Specchio della città” si è fatto portavoce, mi abbia inviato gli articoli pubblicati recentemente dal giornale, e mi abbia infine esortato a scrivere due righe a favore di questa causa relativa agli ormai inaccettabili  ritardi nella  costruzione di una nuova palazzina destinata ad ospitare disabili psichici. Un poco riluttante, mi sono trovata a dover espletare un compito a cui mi sento inadeguata. Ma non voglio deludere Ambra: soprattutto non voglio deludere una giovane sensibile e tutti i giovani come lei, che forse in noi adulti cercano delle palazzine di sostegno, e trovano che invece partiamo e poi ci fermiamo, magari ripiegati su noi stessi a rivangare il passato. Ma a un certo punto, vanga che ti rivanga, bisogna pur ricominciare a costruire: specialmente per le persone che ne hanno più bisogno e che in certe palazzine hanno il loro punto di riferimento.
Quindi, mi sento di ammirare ed appoggiare quei giovani sensibili alle problematiche  dei diversi, dei più deboli, dei cosiddetti “non abili” ma forse rispetto a noi più abili a comunicare ciò che noi "sani" a volte non abbiamo il coraggio di dire:  perché abbiamo perso l'immediatezza della comunicazione, la spontaneità del sentire, e ci difendiamo con la maschera della nostra presunta sanità, nascondendo quella che i nostri pregiudizi ci fanno vedere come malasanità. I disabili meritano rispetto e sostegno, perché esprimono l'altra faccia di tutti noi, perchè la portano allo scoperto, là dove noi la difendiamo così tanto da non farne venire fuori neanche quel piccolo pezzettino che ci renderebbe tanto più belli, luminosi  e liberi. Quindi ringrazio Ambra che mi ha dato modo di esprimere fra le tante anche la mia voce.

Luisa Majone

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Francesco Grianti e Rita Cutolo: La scienza e la fede
<



TuttoPesaro  
  Gianfranco Chiti: il granatiere di Dio
<
  Il marinaio Vincenzo Rossi
<
  Colpo di scena a Muraglia: Via D. Garone o Dino Garrone?
<
  I magnifici quattro del Circolo della Stampa
<
  Il mio amico schizofrenico
<
  Il platano di Santa Maria delle Fabbrecce: un testimone della storia
<
  Una lapide per Fra' Arduino Priori
<
  Ricordo di Leonardo Leonardi
<
  La piscina del Parco della Pace
<
  La fragranza del forno a legna
<



TuttoFano  
  Collemar-athon a quota mille
<
  Un'iniziativa per le scuole. Risparmio energetico e riciclaggio
<



Speciale Mare  
  “Scimitar”: benvenuti a bordo
<
  Pesci fuor d'acqua
<
  La cultura adriatica “Onda su Onda”
<
  Capitani coraggiosi
<



Ambiente  
  San Bartolo in festa
25-26-27 Maggio 2007

<
  Rondini, balestrucci e rondoni
<



Opinioni e Commenti  
  La Caserma “Paolini” e il 94° Reggimento Fanteria
<
  La Sindone e la resurrezione
<
  Frasi memorabili
<
  Hanno detto
<
  Dal 14 al 20 maggio: Urbania ospita la Festa di San Giuseppe Artigiano
<



Società  
  L'altra faccia della Terra: Chagmapampa
<
  Ho bocciato un handicappato
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: Play-off all'adrenalina
<
  Volley: Le Colibrì tornano a volare
<
  Gli Old conquistano Avignone
<



Lettere e Arti  
  Visti da vicino: Dario Fo
<
  I vent'anni di Novitango
<
  Villa Molaroni ancora più bella
<
  San Paolo, una città di contrasti
<
  Banda Grossi (storie di briganti nella pittura naïve)
<
  La festa del 1° maggio a fine Ottocento
<
  Tra il tramonto e l'alba
<
  La Pesaro di Giancarlo Scorza
<
  Letture infernali per gli studenti del Mamiani
<
  Questioni di lingua: L'assessore imbufalito
<
  Tra un anno al caffè della Plaka
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa