Ricerca nel sito: Parola Esatta
Maggio 2007 - Speciale Mare
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

“Scimitar”: benvenuti a bordo

Marco Pezzolesi, amministratore unico della “Scimitar srl”, il giorno dell’apertura. La barca di mogano è stata in parte dipinta di bianco e bordeaux.

Sabato 28 aprile, giorno di Santa Valeria, sulla banchina 13 della Darsena centrale proprio accanto al porto turistico, comincia la festa: ma è una festa signorilmente discreta, senza fanfare. Dopo anni di trepida attesa, lo Scimitar si pavoneggia nel sole primaverile che illumina i suoi nobili legni di mogano, in parte dipinti di bianco e bordeaux. Un fascio di orchidee e rose bianche, omaggio benaugurante degli azionisti, troneggia sulla tolda e accoglie i primi ospiti che hanno prenotato da tempo il pranzo inaugurale. Ai piedi della passerella di velluto rosso è affisso un menù ricco di promesse marinare: antipasti misti (guarniti con una pasta di olive nere che sembra caviale), grigliata del pescatore, fritto misto, pesce al forno, branzino in crosta di patate, mazzancolle e altre prelibatezze dell'Adriatico. “Partiti!”, direbbe un famoso telecronista.
Marco Pezzolesi, direttore della “Coomarpesca” e amministratore unico della “Scimitar srl”, si aggira un po' ansioso alla ricerca degli ultimi dettagli da sistemare; dal profondo dell'ex vano motore – che ora ospita la cucina – il giovanissimo chef  Filippo distilla i suoi aromi, aiutato da un equipaggio di tutti giovani. A loro sono affidate le eleganti sale interne su tre piani (la Sala Imperiale, la Sala del Pescatore e la Sala dei Pirati) e i due ponti scoperti, per un totale di 150 posti. Però, attenzione, qui non si fuma neppure all'aperto: non per colpa del ministro Sirchia, ma perché su tutte le imbarcazioni di legno è vietato l'uso di fiamme libere, compresi i cerini e le sigarette. La stessa cucina ha soltanto fornelli elettrici. Sui tavoli niente candele romantiche, ma solo fiori a centro tavola.

La Marina di Sua Maestà

La storia comincia nel 1969 quando la Royal Navy vara a Portsmouth, sulla costa meridionale inglese, il primo di tre vascelli militari destinati all'addestramento veloce: l'HMS (His Majesty Ship) Scimitar, 30,8 metri di lunghezza per 8,5 metri di larghezza, che poi partecipa persino alla sfilata della Flotta per il Giubileo d'Argento della regina Elisabetta. Nel 1982, dopo lo smantellamento, la nave viene venduta ai privati e passa per diverse mani e diversi utilizzi: compreso – pare – un impiego poco onorevole per il contrabbando nel Mar Jonio. Come è, come non è, si ritrova a Fano per molti anni: coinvolta in una complicata vicenda di aste giudiziarie (le avevano anche cambiato il nome in “Aquilon”), con l'aggiunta di un incendio probabilmente doloso che aveva quasi distrutto la parte emergente. Finché nel 2002 non le mette gli occhi addosso Marco Pezzolesi che ha l'idea di farla comprare per 80 mila euro dalla “Scimitar srl”, una Società costituita per l'occasione, e di trasformarla in un ristorante galleggiante. Dopo una lunga serie di vicissitudini per ottenere tutti le concessioni edilizie e demaniali, si procede alla realizzazione del progetto (già presentato in anteprima nel 2003 al Salone nautico di Genova): nel febbraio 2006 il guscio parte al traino verso un cantiere di San Benedetto per i lavori di restauro e di trasformazione. Torna definitivamente a Fano un anno dopo per il maquillage finale degli interni, affidato a ditte di arredamento della provincia. Costo totale dell'operazione: un milione e mezzo di euro.
La Società proprietaria ha come azionista principale la “Coomarpesca”, antica Società di mutuo soccorso per marinai e pescatori costituita già al tempo dell'Unità d'Italia; affiancata con quote minori da Banca Suasa, Coopfond e Lega Pesca e da singoli privati che hanno sottoscritto il 27% del capitale.

Il pesce azzurro

Anche se l'Adriatico è uno dei mari più pescosi del Mediterraneo per i favorevoli apporti nutritivi degli affluenti, il prelievo è stato talmente intensivo che oggi il pescato non è più sufficiente a soddisfare la domanda nazionale. A questo si aggiunge la notevole riduzione delle flotte pescherecce, sia a causa degli incentivi europei per la demolizione, sia per lo scarso appeal che questo lavoro esercita nelle giovani generazioni. Oggi, con un consumo medio annuale di 23 chili per abitante, l'Italia è costretta a comprare il pesce dall'estero (persino dalla Svizzera!). 
Dalle nostre parti si moltiplicano le iniziative per la valorizzazione dei prodotti ittici locali: primo fra tutti il “pesce azzurro”. Una delle attività di maggior successo in questo campo è costituita dall'omonimo ristorante aperto a Fano dalla “Coomarpesca” nel 1979, che oggi fa registrare 160 mila presenze nei 7 mesi di apertura: quasi 1.000 pasti al giorno a un costo accessibile a tutti.
Lo Scimitar si pone nel solco di questa tradizione di eccellenza del prodotto adriatico, anche se punta a un pubblico più elevato. Il prezzo del menù completo, dagli antipasti al dessert, si aggira sui 35 euro; ma scegliendo alla carta (e facendo attenzione ai vini) si può spendere anche molto meno. Inoltre l'originalità e la raffinatezza dell'ambiente si presta ad accogliere eventi particolari, come i matrimoni e i ricevimenti di rappresentanza. Non a caso una coppia inglese si è già prenotata per convolare a nozze il mese prossimo proprio sulla sua tolda. Chissà che la barca, per quell'occasione, non issi a poppa anche l'Union Jack come bandiera di cortesia.

L'isola che non c'è

Nella dolcezza del meriggio la barca dondola con un impercettibile rollio, circondata in ogni lato dall'azzurro pastello del mare e del cielo. In sottofondo scorre una colonna musicale di canzoni classiche del mare. Se chiudete gli occhi (magari dopo lo spumante e la moretta finale) vi sembrerà che abbia sciolto silenziosamente gli ormeggi, sentirete il ronzio di un motore invisibile e partirete per una crociera senza fine verso l'Isola che non c'è.

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Francesco Grianti e Rita Cutolo: La scienza e la fede
<



TuttoPesaro  
  Gianfranco Chiti: il granatiere di Dio
<
  Il marinaio Vincenzo Rossi
<
  Colpo di scena a Muraglia: Via D. Garone o Dino Garrone?
<
  I magnifici quattro del Circolo della Stampa
<
  Il mio amico schizofrenico
<
  Il platano di Santa Maria delle Fabbrecce: un testimone della storia
<
  Una lapide per Fra' Arduino Priori
<
  Ricordo di Leonardo Leonardi
<
  La piscina del Parco della Pace
<
  La fragranza del forno a legna
<



TuttoFano  
  Collemar-athon a quota mille
<
  Un'iniziativa per le scuole. Risparmio energetico e riciclaggio
<



Speciale Mare  
  “Scimitar”: benvenuti a bordo
<
  Pesci fuor d'acqua
<
  La cultura adriatica “Onda su Onda”
<
  Capitani coraggiosi
<



Ambiente  
  San Bartolo in festa
25-26-27 Maggio 2007

<
  Rondini, balestrucci e rondoni
<



Opinioni e Commenti  
  La Caserma “Paolini” e il 94° Reggimento Fanteria
<
  La Sindone e la resurrezione
<
  Frasi memorabili
<
  Hanno detto
<
  Dal 14 al 20 maggio: Urbania ospita la Festa di San Giuseppe Artigiano
<



Società  
  L'altra faccia della Terra: Chagmapampa
<
  Ho bocciato un handicappato
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: Play-off all'adrenalina
<
  Volley: Le Colibrì tornano a volare
<
  Gli Old conquistano Avignone
<



Lettere e Arti  
  Visti da vicino: Dario Fo
<
  I vent'anni di Novitango
<
  Villa Molaroni ancora più bella
<
  San Paolo, una città di contrasti
<
  Banda Grossi (storie di briganti nella pittura naïve)
<
  La festa del 1° maggio a fine Ottocento
<
  Tra il tramonto e l'alba
<
  La Pesaro di Giancarlo Scorza
<
  Letture infernali per gli studenti del Mamiani
<
  Questioni di lingua: L'assessore imbufalito
<
  Tra un anno al caffè della Plaka
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa