Ricerca nel sito: Parola Esatta
Maggio 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La Divina Commedia in dialetto pesarese: Pier Delle Vigne
Maggio 1998

Traduzione di Gilberto Lisotti

Inferno - Canto XIII

"Pier delle Vigne"

Ed ech, tra chi spunzon, tutt un gran piant
senza un cristièn in gir: un urlament
che me s'è strett el cor al prém istant.
E Virgilio, pensand che in tla mi ment
me a credessa nascost ditra ogni spèn
un qualch danèd, com ditra un paravent,
- Se te t'arcòj - el m'dic - un d'chi ramtén
de un de st'j albre stort ch'i cresc maché,
t'vedrà da sol stle voc da dó le vèn -.
Me a jò slunghed 'na mèn senza guardè
e a jò 'rcolt una punta da un troncon.
Ed ech che cl'albre el m'fa: - Parchè? Parchè? -
Po', spudand sangue e sufiand tra i lagrimon,
l'ha cminced a rughè com in lament:
- Mo co' a t'ho fatt? An t'ha un po' cumpasion?
Om a sém sted, e a sém pezz d'legn al vent!
E cla tua mèn la c'taja pegg d'na speda,
gnanca ch'a fussmi ànim de serpent! -
Com da una part la soffia un po' bagnèda
'na rema verda, dentra tel camén,
mentre da cl'atra part la vèn brugeda;
acsé chel rèm armast in tle mi mèn
parol e sangue el spisciuleva fora
ch'a m'so sentid più pegg d'un asasén.
- Nisciun t'vo mèl! - i dic Virgilio alora.
- Mo chi 'n le ved, stle rob in le pò creda.
Me a l'ò già scritt (e le s'pò leggia ancora
le mi parol) el fatt de sta pianteda.
Mo a fèj capì ch'enn'è una mia invenzion,
m'è tuched a fèj fè sta birboneda.
Prò, se ti arcont de te e del tu padron,
ló el girà a'rdì ma'l mond quel ch'ti dic te,
acsè tutti i savrà le tu ragion -.
E cl'arbre sech: - Se te t'me dic acsé,
me a j'arcont tutt, parchè el bon nom s'la tera
l'è l'unich miél t'un ste desert maché.
Me a j'era l'òm che'l feva bianca o nera
la paléna tel cor dl'imperator.
E ai la moveva morbida e legera
che nisciun atre è armast tra me e chel cor.
L'era un lavor onest el mi servizi
che 'l me teneva svegh le or e or.
Mo prò, l'invidia, ch'la jè un gran brutt vizi
e in ti palazz la j'epra j'occh a mijera,
la m'ha bruged j'amich sa i su giudizi.
E i rufien del palazz, tutti quant j'era,
jà mess tant fogh tel cor dl'imperator,
che me, innocent, a so fnid giù in galera.
Malé, par fè un dispett ma ch'j impostor,
credend d'fè arnascia el vera in nom dla mort,
a tort a m'so punid, par fèm onor.
Par le lègrim che'l piagn ste legn tutt stort,
me a v'digh e v'giur che mèi an l'ho tradid
ma 'l mi padron, ch'l'è com el frèl del port.
E, se ma un d'vojatre è consentid,
l'ardigga fort tra i viv l'onestà mia,
che i colp dl'invidia ancora i m'dòl e i m'strid -.

Io sentia da ogni parte tragger guai,
E non vedea persona che il facesse:
Perch'io tutto smarrito m'arrestai.
Io credo ch'ei credette ch'io credesse
Che tante voci uscisser tra que'bronchi
Da gente che per noi si nascondesse.
Però, disse il Maestro, se tu tronchi
Qualche fraschetta d'una d'este piante,
Li pensier ch'hai si faran tutti monchi.
Allor porsi la mano un poco avante,
E colsi un ramuscel da un gran pruno:
E il tronco suo gridò: Perché mi schiante?
Da che fatto fu poi di sangue bruno.
Ricominciò a gridar: Perché mi scerpi?
Non hai tu spirto di pietate alcuno?
Uomini fummo, ed or sem fatti sterpi:
Ben dovrebb'esser la tua man più pia,
Se state fossim'anime di serpi.
Come d'un stizzo verde, che arso sia
Dall'un de capi, che dall'altro geme,
E cigola per vento che va via;
Così di quella scheggia usciva insieme
Parole e sangue: ond'io lasciai la cima
Cadere, e stetti come l'uom che teme.
S'egli avesse potuto creder prima,
Rispose il Savio mio, anima lesa,
Ciò ch'ha veduto pur con la mia rima,
Non avrebbe in te la man distesa;
Ma la cosa incredibile mi fece
Indurlo ad ovra, che a me stesso pesa.
Ma dilli chi tu fosti, sì che, in vece
D'alcuna ammenda, tua fama rinfreschi
Nel mondo su, dove tornar gli lece.
E il tronco: Sì col dolce dir m'adeschi,
C'hio non posso tacere; e voi non gravi
Perch'io un poco a ragionar m'inveschi.
Io son colui, che tenni ambo le chiavi
Del cor di Federigo, e che le volsi
Serrando e disserrando sì soavi,
Che dal segreto suo quasi ogni uom tolsi:
Fede portai al glorioso ufizio,
Tanto ch'io ne perdei le vene e i polsi
La meretrice, che mai dall'ospizio
Di Cesare non torse gli occhi putti,
Morte comune, e delle corti vizio,
Infiammò contra me gli animi tutti,
E gl'infiammati infiammar sì Augusto,
Che i lieti onor tornaro in tristi lutti.
L'animo mio per disdegnoso gusto,
Credendo col morir fuggir disdegno,
Ingiusto fece me contra me giusto.
Per le nuove radici d'esto legno
Vi giuro che giammai non ruppi fede
Al mio signor, che fu d'onor sì degno.
E se di voi alcun nel mondo riede,
Conforti la memoria mia, che giace
Ancor del colpo che invidia le diede.

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



TuttoPesaro  
  Boa Fox:
Opinioni a confronto

<
  Voci e volti della Bosnia
<



TuttoFano  
  'I Mesi' di Fabio Tombari: Maggio
<
  Una politica per i giovani?
<
  Una scuola molto speciale
<
  Fano tra poesia e storia:
Il Giardino Leopardi

<
  Fano e il Teatro
<



Nostalgia  
  Pesaro, ricordo di un amore
<
  Ritratto di un urbinate
<
  El mol de Momo e quel de Mez
<



Opinioni e Commenti  
  Cara Provincia
<
  La sofferenza dei malati di mente
<
  Auser: Progetto 'Invecchiare bene Europa'
<
  AIMA: Associazione Italiana Malattia di Alzheimer
<
  Ospedale San Salvatore: La scelta dei primari
<
  Difesa dei consumatori
<
  Tassa di bonifica? No grazie
<
  Enel: la bolletta in ‘braille'
<
  Usque tandem...
<
  TuttaFrusaglia
<



Salute  
  Dormire allunga la vita
<
  Il Cocktail anticancro del prof. Di Bella
<



TuttoSport  
  Ayrton Senna:
ricordo di un mito

<
  Basket: due storie parallele
<
  I Master della Pesaro Nuoto: Sulla cresta dell'onda
<



Lettere e Arti  
  La Divina Commedia in dialetto pesarese: Pier Delle Vigne
<
  Le Favole di Fedro in dialetto pesarese
<
  Il marketing delle pompe (funebri)
<
  Eleonora L., ovvero, miss gambissime
<
  Recensioni
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa