Ricerca nel sito: Parola Esatta
Maggio 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Il marketing delle pompe (funebri)

"Buongiorno Signor Raccioppa, posso rubarle un paio di minuti?".

Intento alla potatura dei suoi gerani che cominciavano a fiorire rigogliosi nel sole primaverile il Signor Raccioppa avrebbe volentieri sbattuto la cornetta sul naso di quel seccatore, tuttavia la sua innata gentilezza e mitezza d'animo lo spinsero ad essere accomodante.

"La prego, mi dica, con chi ho il piacere di conversare?".

"Sono il dottor Cupido Mefisto, marketing manager della Goodbye American Funeral Services & Cemetery Facilities!".

Raccioppa ci mise un po' a comprendere, poi, sfiorandosi lievemente i propri gioielli, si ripromise di tagliare corto senza tuttavia diventare scortese.

"Credo di avere intuito che lei lavori per una ditta di pompe funebri, non è vero? In questo caso le dico che...".

"Pompe funebri? Che maniera rozza e brutale di descrivere la mia professione, noi siamo dei veri professionisti dell'interramento, allocazione in loculo e installazione in complesso familiare. I nostri clienti finali ci scelgono sulla base della nostra politica rivolta alla chiarezza e alla durevolezza nel tempo dei nostri prodotti!".

Raccioppa si sentì in colpa per aver ferito la sensibilità del suo interlocutore, così, a titolo di autopunizione, decise di concedergli qualche minuto del suo tempo, senza tuttavia prestare troppa attenzione alle sue bizzarre farneticazioni. Fu un errore fatale.

"Mi perdoni, non intendevo sminuire la sua occupazione".

"Non se ne dia troppo turbamento e permetta che le enunci il motivo della mia telefonata: il suo nominativo, assieme a molti altri per la verità, è scaturito dalla nostra banca-dati quale potenziale cliente interessato ai nostri servizi. Da una recentissima indagine di mercato, infatti, i sessantenni come lei, da poco pensionati, paiono essere i primi a dipartirsi: sa, ci si ferma all'improvviso dopo una vita di lavoro, ci si rilassa, si eccede col cibo, col bicchierino di vino in più, la vita sedentaria e... zac! L'infartino è dietro l'angolo!"

Ora la misura era colma.

"Mi perdoni ma io mi tocco! Mi sembra proprio che lei abbia il cervello bacato sa?".

"Non si preoccupi, raramente ci sbagliamo, le nostre indagini di mercato sono accuratissime e noi d'altronde siamo persuasi del fatto che prevenire il cliente sia meglio che aspettarlo. Lei permette che le presenti alcuni interessantissimi pacchetti-offerta che ci pregiamo poter offrire alla clientela?".

Senza attendere neppure la risposta il dottor Cupido Mefisto iniziò il suo personalissimo show.

"Incomincerei con la proposta '47 MORTO CHE PARLA'. Si tratta a tutti gli effetti di una originalissima maniera di dare l'addio al mondo. Con soli 25 milioni, e dico 25 milioni, io le offro: cassa da morto in ben cinque tipi di legno diversi a seconda del colorito della salma, si va dal ciliegio, al faggio, all'acero al noce per finire col castagno..."

"Mi perdoni ma è una cosa estremamente lugubre!".

"Lei ha perfettamente ragione, ecco perché, con una semplice maggiorazione di prezzo pari al 25% la nostra ditta si vanta di poterle mettere a disposizione un bellissimo frassino laccato nei colori più in del momento. Eh, Raccioppa, si vede proprio che lei è un intenditore, uno che domina le mode e sta sempre al passo coi tempi!".

"Beh modestamente".

"Assieme alla cassa le offriamo un impareggiabile servizio di accompagnamento denominato here we go to the cemetery: incluso nel pacchetto troverà un sad driver su cadillac nera americana..."

"Che poi sarebbe l'autista triste del carro funebre".

"Noi amiamo chiamarlo sad driver. Giunti alla meta troverete pronto un funeral attendant con tanto di pala in pugno".

"Il becchino!".

"Noi amiamo chiamarlo funeral attendant. Ma il bello viene ora. Sa perché l'abbiamo chiamato "47 morto che parla"? Perché quando tutti meno se lo aspettano verrà trasmessa in filodiffusione una cassetta con la sua voce e le parole del suo commiato dal mondo. Non lo trova fantastico? Naturalmente la nostra sala di incisione è sin d'ora pronta ad accoglierla per incidere il messaggio preregistrato. Le assicuro che l'effetto coreografico ed emozionale sarà fortissimo e già in precendenti occasioni abbiamo fatto la felicità di famiglie intere. Oddio, una volta ci è scappato pure l'infartuato tra il pubblico, ma poco male: con un comodo switch e l'aggiunta di soli 5 milioni abbiamo fatto il funerale ad entrambi nello stesso giorno. Incidenti che possono capitare ed ai quali la nostra ditta dimostra di essere sempre preparata".

"Lei è il più bieco mercante di cadaveri che abbia mai conosciuto!".

"Via ora non mi lusinghi, le ho già detto che, senza falsa modestia, noi siamo il "numero uno" sulla piazza. A proposito le posso già fissare l'appuntamento per la registrazione del messaggio?"

"No guardi non mi interessa proprio. La trovo una cosa disgustosa e di pessimo gusto!".

"Buongustaio! Non credevo di avere a che fare con un professionista del commiato. Lei dice così perché ha già sentito parlare del nostro pacchetto 'DIE NOW PAY LATER!'.

"Ma io veramente!".

"Lasci che glielo illustri nel dettaglio. Lei mi muore avendo però già avuto cura di mettere una firma sul mio contrattino: un foglietto di poche righe nel quale lei accetta di saldare tutte le spese relative al commiato a 90 giorni a decorrere dalla data ufficiale del decesso (farà fede la scritta sulla lapide), con comode ratealizzazioni interamente a carico degli eredi. Solo a titolo cautelativo fisserò gli interessi di mora al 150% (si tratta di una banale clausola che siamo sempre costretti ad introdurre per legge, capisce no?). All'atto della funzione religiosa, quando meno se lo aspettano, zac esco fuori io con il contrattino in mano: sentirà poi quante lodi le canteranno in cielo! Ma tanto che gliene importa, lei sarà già partito! Una trovata geniale non crede?".

"Lei è una persona disgustosa ed io non ho la minima intenzione di lasciarmi intrappolare nelle sue becere speculazioni!".

"Ben detto! Ora comprendo tutto, come ho fatto a non capirlo prima!".

"Finalmente ha compreso con chi ha a che fare!".

"Ma certo, lei è uno di quelli che non bada a spese, che non si cura di fronzoli e quisquilie quali il denaro e il capitale. Lei è uno che vuole fare le cose in grande stile, un funerale da fare invidia ai capi di stato. Anche in questo caso ho quello che fa per lei: è il pacchetto denominato 'WHAT A FUNERAL!'. In questo caso si fanno le cose in grande senza badare a spese. Con la miseria di 45 milioni, e dico solo 45, senta che po'po' di spettacolo le metto in piedi: sad driver e funeral attendant in livrea, limousine, corteo funebre scortato in Rolls Royce fino a dentro il cimitero, ampia selezione di materiale promopubblicitario gratuito, dalle corone alle ghirlande, tutte rigorosamente personalizzate e firmate. Collezione Fendi di veli neri per le donne e bottoni Valentino scuri agli occhielli delle giacche degli uomini. Opportunità impareggiabile di noleggiare prefiche siciliane autentiche. Le delineo due scenari: a) le facciamo arrivare in pullmann direttamente da Palermo; oppure b) le ospitiamo su un volo charter esclusivo: in questo caso però il preventivo mi schizza a sessanta milioni, lei comprenderà".

"E beh certo che ci sono delle spese..."

"Vedo che mi sta seguendo e che comprende. Ma non è tutto, ascolti ancora che razza di opzioni integrate posso metterle a disposizione con un semplice aumento di 5 milioni sul preventivo.

1. Cartellonistica mortuaria in zona strategica e ad alta visibilità.

2. Mailing mirato alle principali testate per dare all'evento il degno risalto nella pagina dei necrologi.

3. Indagine sui vicini di loculo onde evitarle contiguità imbarazzanti.

4. Pacchetto offerta per epigrafe in lapide (d'autore/leggera/casual).

5. Trattamento dei dati in base alla 675/96, legge sulla privacy.

Vale a dire che, una volta morto, ma soprattutto una volta saldata la fattura, noi non ricorderemo neppure il suo nome. Non lo trova sublime?".

"Lei è proprio una persona disgustosa, giocare così con la sensibilità della gente! Totale assenza di rispetto nei confronti della morte degli altri! Riducete tutto ad una vile questione di danaro. Sono schifato!".

Raccioppa fa per appendere quando il dottor Mefisto...

"Lei ha dei figli Signor Raccioppa?".

"Sì ne ho due!".

"Vanno in discoteca?".

"Beh sì, ci vanno spesso insieme agli amici perché?".

"Ha mai pensato a cosa potrebbe accadere se un sabato sera, schiacciando un po' troppo l'acceleratore dopo un alcolico di troppo ..."

"Oh mio Dio... non ci voglio neppure pensare".

"E invece deve, guardi che sono spese grosse quelle a cui andrebbe incontro!".

"Non ci voglio neppure pensare".

"Invece torno ad insistere che deve, non ci si può trovare impreparati di fronte a questi eventi...".

"Beh però ha ragione, sarebbero proprio un sacco di soldi! Lei ha qualche pacchetto da offrirmi?".

"Ma certo, si tratta dei cosiddetti 'pacchetti prevenzione', uno può usarli come non usarli, comunque sono sempre lì pronti alla bisogna. Permetta che le illustri l'offerta "CRASH - MUOION TRE PAGHI DUE", associata alla funzione funeraria "ALL TOGETHER APPASSIONATAMENTE", vedrà che se mi da ascolto...".

Michele Serafini


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



TuttoPesaro  
  Boa Fox:
Opinioni a confronto

<
  Voci e volti della Bosnia
<



TuttoFano  
  'I Mesi' di Fabio Tombari: Maggio
<
  Una politica per i giovani?
<
  Una scuola molto speciale
<
  Fano tra poesia e storia:
Il Giardino Leopardi

<
  Fano e il Teatro
<



Nostalgia  
  Pesaro, ricordo di un amore
<
  Ritratto di un urbinate
<
  El mol de Momo e quel de Mez
<



Opinioni e Commenti  
  Cara Provincia
<
  La sofferenza dei malati di mente
<
  Auser: Progetto 'Invecchiare bene Europa'
<
  AIMA: Associazione Italiana Malattia di Alzheimer
<
  Ospedale San Salvatore: La scelta dei primari
<
  Difesa dei consumatori
<
  Tassa di bonifica? No grazie
<
  Enel: la bolletta in ‘braille'
<
  Usque tandem...
<
  TuttaFrusaglia
<



Salute  
  Dormire allunga la vita
<
  Il Cocktail anticancro del prof. Di Bella
<



TuttoSport  
  Ayrton Senna:
ricordo di un mito

<
  Basket: due storie parallele
<
  I Master della Pesaro Nuoto: Sulla cresta dell'onda
<



Lettere e Arti  
  La Divina Commedia in dialetto pesarese: Pier Delle Vigne
<
  Le Favole di Fedro in dialetto pesarese
<
  Il marketing delle pompe (funebri)
<
  Eleonora L., ovvero, miss gambissime
<
  Recensioni
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa