Ricerca nel sito: Parola Esatta
Luglio-Agosto 2008 / Speciale Porto
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La villa sul mare

Il Naumachos “Indian” in navigazione.
Paolo Pedrali, amministratore delegato del Cantiere Navale (a sinistra) e Pasquale Frascione, direttore generale.

Il Cantiere Navale di Pesaro cambia il tipo di produzione: lascia le grandi navi “gasiere” (che d'ora in avanti saranno costruite in Polonia, nel porto di Danzica) e si dedica alla costruzione di navi commerciali di stazza più limitata, come supply vessels e navi oceanografiche. L'interesse maggiore è però rivolto alla costruzione di imbarcazioni da diporto: in particolare allestisce piccoli yacht da sogno destinati a una clientela italiana ed europea (per ora). E' un mercato in espansione perché il modello base, il “Naumachos”, è lungo solo 24 metri (82 piedi): quindi è considerato un'imbarcazione da diporto – e non una nave – e si può portare con la semplice patente nautica, senza bisogno di un comandante abilitato e di un equipaggio professionale. Il prezzo di listino di 5 milioni di euro prevede un allestimento decisamente di lusso, ma vengono esaudite le richieste dell'armatore, anche le più sofisticate: ovviamente come “optional”. Ad esempio per l'“Indian”, l'ultima nata, sono state apportate modifiche per 400-500 mila euro, adeguando al gusto dell'armatore gli interni, con inserti in pelle e tappezzerie e tendaggi di gusto raffinatissimo; la modifica dell'impianto di alta fedeltà, con casse a scomparsa e un effetto surround creato da un ingegnere del suono; un televisore al plasma di 50 pollici che diventa uno specchio quando è spento; speciali frigoriferi a celle per proteggere meglio il pesce da mangiare crudo. Comunque, con i 5 milioni iniziali, l'armatore si era già comprato uno scafo di acciaio di 140 tonnellate, un motore di 600 cavalli, un serbatoio di gasolio di 33 mila litri, un serbatorio di acqua potabile di 4.000 litri, un impianto di desalinizzazione dell'acqua di mare (non si sa mai) e una marea di elettronica per tutte le funzioni di bordo e di ausilio alla navigazione. All'interno, un salone centrale e quattro cabine: una per l'armatore, una vip (per l'ospite di riguardo) e due cabine con due letti singoli. La dotazione per ogni cabina, è di tutto rispetto: bagno e doccia, televisore satellitare. Sono previste altre due cabine per l'equipaggio: in genere costituito solo da un comandante (che – come si è detto – può essere lo stesso proprietario), un marinaio di supporto e naturalmente un cuoco, perché non tutti a bordo mangiano solo panini col pesce crudo… Nel complesso costa sempre meno di una villa in Sardegna, considerando che per costruire uno di questi esemplari ci vuole un anno di lavoro.
Il “Naumachos” è stato progettato dall'ingegnere navale Sergio Cutolo e probabilmente il suo nome è ispirato dalle “naumachie” dell'antica Roma: finti combattimenti navali con le triremi dell'epoca a propulsione umana. E' disponibile anche in altre versioni più grandi, che entrano nella categoria delle navi vere e proprie: di 32 metri (105 piedi) e di 40 metri (135 piedi), naturalmente con proporzionale aumento dei prezzi. Visto il peso derivante dalla struttura in acciaio, ha una velocità di crociera relativamente bassa (10 nodi) che comunque permette di viaggiare in piena sicurezza su tutti i mari del mondo con un'autonomia di 6.000 miglia. Per darvi un'idea, può andare da Pesaro a Miami con un solo pieno di carburante, senza neanche un riposino alle Azzorre. E' invece probabile che si fermi un momento in Algeria per acquistare il gasolio a 0,30 euro al litro: perché il pieno in Italia costerebbe circa 50 mila euro.

Le ultime gasiere
Il Cantiere di Pesaro ha 52 anni di storia. Dal 2005 è stato rilevato dalla famiglia Careri, con un top-management costituito dal dr. Paolo Pedrali (amministratore delegato, milanese con precedenti esperienze nel settore finanziario), dall'ing. Pasquale Frascione, direttore generale, e da altri due dirigenti. Da allora ha costruito cinque “gasiere” gemelle per il trasporto di 4.000 metri cubi di gas liquefatto. La quinta – la “Synzube” – è stata varata il 6 giugno scorso; la sesta e ultima sarà consegnata a novembre 2009. Da quel momento le maestranze (50 dipendenti diretti e 350 lavoratori delle ditte appaltatrici) saranno impegnate solo nella costruzione di yacht e di supply vessels: navi commerciali di supporto alle piattaforme marine, nonché per eventuali “refitting” di yacht di gran valore storico.
Finora la versione base del “Naumachos” è stata venduta in cinque esemplari (a due italiani, due spagnoli e un russo), oltre al prototipo – il “Bodry” – acquistato da Stefano Carletti: uno scrittore e grande appassionato di mare e di esplorazione subacquea che ci ha già percorso 12 mila miglia, contribuendo a migliorarne il progetto con le sue osservazioni.

A.A.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale Porto  
  La festa della Marina
<
  Il sacrificio del “Nullo”
<
  La villa sul mare
<
  Finalmente un porto sicuro
<
  Giovani velisti agli Europei
<
  Il programma del Club Nautico
<



TuttoPesaro  
  Concerti al tramonto
<
  Candelara in festa
<
  Pesaro SU e GIU'
<
  L'afa e gli anziani
<
  Banca Popolare Valconca
<
  La Chiesa per i turisti
<
  Nasce "Opera Pesaro"
<
  Dolcini e la biblioteca S. Giovanni
<
  Gli scacchisti della "Mascarucci"
<
  Caccia al tesoro letteraria
<
  I miti indimenticabili
<



TuttoFano  
  Caserma Paolini. Che ne facciamo?
<
  Salviamo l'abside di San Mauro
<



Opinioni e Commenti  
  Rom, immigrati e insediamenti abusivi
<
  Contropelo: Lettera di un intercettato
<
  Visti da vicino: Stephen Pepper
<
  Pillole di storia: Il portasigarette di Longobardo
<
  14 luglio 1948: Attentato a Togliatti
<
  Confartigianato: basta con la vecchia politica
<



Società  
  Alcool sulle strade e affitti agli immigrati
<
  I Suv non sono cattivi
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: Una squadra di gladiatori
<
  Volley rosa: In attesa delle Olimpiadi
<
  Motociclismo: Giacomo Lucchetti alla ribalta in Europa
<
  The Fuxia Race
<
  Cose da terzo tempo
<



Lettere e Arti  
  Carlo Pagnini: Il cantore di Pasqualon
<
  Ecco il ROF 2008
<
  Il programma su ceramica
<
  Il 61° Festival dei Gad
<
  La provincia dei cento borghi
<
  Le ceramiche di Telesforo e Eliseo
<
  Le stroncature umoristiche di Bruno Barilli
<
  Melodie di eterna bellezza
<
  Mostra del libro e della stampa antichi
<
  Questioni di lingua: Un attimino lungo
<
  Le Metamorfosi di Anna Rosa Basile
<
  Mostra di Stefan Fabi
<
  Il Quintetto a Varsavia
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa