Ricerca nel sito: Parola Esatta
Luglio-Agosto 2006 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Questioni di lingua: Fare shopping in tempo reale

Gentile prof. Prologo,
seguo regolarmente la sua interessante rubrica sullo Specchio e mi piacerebbe, fare un paio di quesiti.
Il primo (scontato) è chiederle come andremo a finire con l'uso, che a me pare tanto provinciale, di sostituire sempre più termini italiani con inglesi (tendenza con trend, collaborazione con partnership, acquisti con shopping, ecc.).
Il secondo è sapere se sono corrette espressioni entrate nell'uso corrente della pubblicità e dei giornali quali:
“tempo reale”  per dire “tempestivamente” (esiste un tempo irreale?).
“attore” e “scenario” al posto di soggetto e situazione (l'attore finge, il soggetto è reale…).
“salvo approvazione della banca”, quando viene fatta un'offerta di contratto da parte di un ente che potrebbe recedere. In questo caso non sarebbe corretto dire “salvo NON approvazione della banca”.
“entro e non oltre…”, per la data di scadenza di una domanda o di un pagamento (non basta dire semplicemente “entro”?)
“è severamente vietato” (se non c'è il “severamente”, vuol dire che si tollera l'eventuale infrazione?)
“chiudere sempre il cancello” (altrimenti si può lasciare aperto qualche volta?)

Cordiali saluti.

Claudio Mari

Gli anglismi, impostisi come una sorta di codice strumentale nei linguaggi specialistici e settoriali per la forza dell'egemonia culturale e del sistema economico-finanziario del mondo anglosassone, tendono sempre più ad estendersi al lessico quotidiano. Hanno un loro fascino, è innegabile: fanno chic, incutono un certo rispetto, sono indizio di modernità ed efficienza… E poi, danno a chi li usa l'emozione di appartenere a una società, a un mercato di dimensione planetaria. Fino a quando continuerà a prevalere questo orizzonte culturale collettivo, sarà bene rassegnarsi all'attuale situazione linguistica.
Eppure, nonostante tutto, è parere diffuso degli studiosi che l'italiano rimanga pur sempre “una grande lingua vitale, una grande lingua di cultura in movimento” (Beccaria): in definitiva, fa notare G. Berruto, gli anglismi entrati nell'italiano dal ‘64 in poi ammontano al 10% del nostro patrimonio lessicale e molti di questi sono già bene integrati. Danno cioè meno fastidio.
Veniamo ora agli altri quesiti.
“Tempo reale” è quello effettivo, senza ritardi o interruzioni, quale quello di una trasmissione televisiva in diretta, di una scena filmata secondo l'effettiva durata dell'azione o quello tipico di un'operazione informatica che consente di elaborare i dati man mano che si presentano (nel momento stesso del loro inserimento) e di interagire con un utente o un servizio, ottenendone subito la risposta.
“Attore” (dal latino actorem, da agere = fare) è chi prende parte attiva allo svolgimento di qualche cosa; nel processo civile chi promuove l'azione legale. In campo teatrale e cinematografico l'attore finge, simula, perché questo è il suo mestiere, il suo modo di “operare”.
“Scenario” per “situazione” è un uso figurato (contesto, quadro di riferimento, prospettiva di sviluppi, di evoluzione), del senso fondamentale “ambiente, scena, scenografia”. L'origine della parola è dal greco skené = tenda, fondale del palcoscenico.
“Salvo approvazione della banca” è formula cautelativa, clausola di riserva per operazioni di accredito. La preposizione “salvo” introduce un complemento di esclusione e vale “con riserva di…” (quindi “a condizione che…, in subordine a…”). Il senso negativo è implicito nel termine stesso.
“Entro e non oltre”, “è severamente vietato”, “chiudere sempre il cancello” appartengono a quella nomenclatura enfatica che finisce con l'essere poco logica. E' il formulario del “burocratese”: l'attitudine alla precauzione, la cura (perfino maniacale) di essere chiari, precisi, di evitare ogni possibile ambiguità, l'inclinazione alla frase fatta, alla pigrizia del ricorrere alla locuzione rituale. Non poniamoci troppe domande: l'italiano contiene incoerenze a non finire.

Alfredo Prologo

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Rossini e la Colbran: eutanasia di un amore
<



Immagini  
  Eva Garden: non è un trucco
<
  Gelateria del Porto: 30 gusti… scegli il tuo
<
  Boutique Blanche
<
  Nozze
<
  Immagini
<



TuttoPesaro  
  Via Milite ignoto c'è
<
  La Piazzetta Esedra Ciacchi e Marco Livio Druso
<
  Il mio commiato dal Comune di Pesaro
<
  Candelara in festa
<
  La scuola primaria di Cattabrighe
<
  “La scuola in gioco”
<



TuttoFano  
  Il restauro di San Francesco
<
  Il cimitero delle idee
<
  A Franca
<



Opinioni e Commenti  
  Marcinelle: l'inferno dei “macaronì”
<
  Le cento candeline dello “Specchio”
<
  Le quote rosa e le quote azzurre
<
  Visti da vicino - don Guido Berardi
<
  Il vangelo di Giuda e… dintorni
<
  Predicare bene e razzolare male (2)
<
  I do sulded
<
  A Fausto, 33 anni dopo
<



Salute e Società  
  La prevenzione dei tumori della pelle
<
  Una proposta per l'assistenza agli anziani
<
  Un figlio, una madre
<
  Le punture dei pappataci
<



TuttoSport  
  Calcio: I nuovi biancoRossi
<
  Scavolini-Spar: pronti per la scalata
<
  Scuola di Pesca e Scuola di Vela: iscrizioni
<



Lettere e Arti  
  Pergola: una mostra
di Archimede Santi

<
  Le donne di Pascoli
<
  La “Piccola Bottega dei Capolavori” di Claudio Sora
<
  L'Actors Studio di Pesaro
<
  La 3^ edizione di PesaroHorrorFest
<
  Le donne di Pesaro
<
  L'arte è donna
Un itinerario internazionale

<
  L'elogio del parroco (ignaro)
<
  Questioni di lingua: Fare shopping in tempo reale
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa