Ricerca nel sito: Parola Esatta
Gennaio 2003 / Società
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Identikit di sciatori

HOMO OPTIMUS

  • Prende il gancio dello ski-lift con una mano sola.

  • In seggiovia fuma annoiato, non prende il sole, tiene gli sci penzoloni, scende dal seggiolino all'ultimo momento.

  • Mangia un panino con lo speck, beve una Coca-Cola poi dice: "Vado perché è l'ora migliore e non c'è nessuno". E va a farsi una discesa.

  • Curva perfettamente da tutte e due le parti.

  • Se cade dà la colpa agli scarponi che non hanno retto la velocità.

  • Scarponi: li infila con facilità, li toglie con leggerezza.

  • Ha l'attrezzatura da un milione: maggior spesa gli occhiali.

  • Quando alla TV vede cadere Tomba dice che è perché è male allenato.

  • Se esce di pista è per farsi un canalone in neve fresca.

HOMO MEDIUS

  • Prende il gancio dello ski-lift con due mani, a volte si strangola.

  • In seggiovia non fuma ma prende il sole, che è sempre alle sue spalle, a rischio di violenti torcicollo. Tiene gli sci sull'appoggio e per scendere si prepara tre piloni prima.

  • Mangia zuppa di verdura, beve un quarto di vino e poi dice: "Vado perché è l'ora migliore non c'è nessuno". E va a dormire su una sdraio.

  • Curva peggio da una parte, quasi sempre la sinistra.

  • Se cade dà la colpa alle lamine, ma non sa cosa siano.

  • Scarponi: li infila con ferocia, li toglie con odio.

  • Ha l'attrezzatura da un milione: maggior spesa la giacca a vento.

  • Quando alla TV vede cadere Tomba dice che è perché ha sbagliato il peso sullo sci interno.

  • Se esce di pista è per farsi una pisciata.

HOMO CAPRINUS

  • Prende il gancio dello ski-lift nelle palle.

  • In seggiovia se fuma fa cadere un guanto, se prende il sole fa cadere gli occhiali. Per scendere dal seggiolino si prepara dieci secondi dopo la partenza; viene preso dal panico sei piloni prima dell'arrivo, momento in cui perde un bastoncino e con l'altro tenta di accecare l'inserviente.

  • Mangia polenta e salsiccia, beve quattro grappini e poi dice: "Vado perché è

  • l'ora migliore e non c'è nessuno". E va al cesso.

  • Curva peggio da una parte, quella dove ci sono gli ostacoli.

  • Se cade dà la colpa ad un lastrone di ghiaccio, anche con due metri di neve fresca.

  • Scarponi: glieli infilano gli amici, glieli tolgono gli infermieri.

  • Ha l'attrezzatura da un milione: maggior spesa gli sci da gara.

  • Quando alla TV vede cadere Tomba gode.

  • Se esce di pista è per schiantarsi contro un albero.

HOMO SNOWBOARDER

  • Ski-lift: che palle!

  • In seggiovia fa in modo di salire sempre da solo, si rolla una canna e si sdraia a prendere il sole fino al punto dove la seggiola passa sopra un panettone di neve fresca, dove si lancia nel vuoto ululando.

  • Non mangia e non beve perché non ha tempo per queste cazzate.

  • Non curva, carva!

  • Se cade è per far vedere all'amico principiante che tutto sommato fa parte del gioco.

  • Scarponi: li infila al mattino li toglie la sera.

  • Ha l'attrezzatura da un milione: maggior spesa la bandana.

  • Quando alla TV vede cadere Tomba dice che è perché usa l'attrezzo sbagliato: gli sci.

  • Se esce di pista è per andare al bar a farsi un bombardino.

HOMO MILANESIS

  • Si incazza se non c'è l'omino che gli passa il gancio dello ski-lift, visto che ha pagato anche per quello.

  • In seggiovia, rompe i coglioni lamentandosi che la neve non è come a St. Moritz, che gli impianti non sono come ad Avoriaz, che gli alberghi non sono come a Cortina.

  • Mangia polenta e capriolo, si incazza con la cameriera perché non gli fa la fattura scaricabile come spesa di rappresentanza, poi dice: "Vado perché è l'ora migliore e ci sono tutti" e si mette a fare a pallate di neve con gli amici in mezzo alle ragazze che prendono il sole.

  • Curva solo a due centimetri di distanza dagli altri sciatori, badando bene di sollevare quanta più neve possibile.

  • Se cade si incazza con qualcuno che, secondo lui, gli ha tagliato la strada.

  • Scarponi: non li toglie nemmeno in albergo (con quello che li ha pagati).

  • Ha l'attrezzatura da 5 milioni, maggior spesa il gel per le labbra.

  • Quando alla TV vede cadere Tomba dice che è perché è un coglione di Bologna.

  • Se esce di pista è per esibirsi in un salto acrobatico (nel campo scuola).

  • HOMO PUGLIESIS

  • Blocca tutta la coda della seggiovia perché deve aspettare gli amici che sono rimasti indietro.

  • Sullo ski-lift, chiama a gran voce l'amico che sta tre ganci più avanti per raccontargli la sua ultima cagata.

  • Fa spostare dodici persone per organizzare la tavolata comune (tre famiglie con bambini), estrae pane-formaggio-cioccolata in quantità industriali, fa casino, mena i bambini che fanno casino, poi dice: "Andiamo perché è l'ora migliore e non c'è nessuno" e organizza una partita a calcetto sulla neve.

  • Curva solo se la moglie lo sta riprendendo con la telecamera.

  • Se cade cerca di coinvolgere quante più persone possibili e fa chiamare l'elicottero del soccorso.

  • La cerimonia di chiusura degli scarponi coinvolge tutta la famiglia e ha un costo (in tempo e bestemmie) paragonabile allo scavo di una trincea in Cecenia. Ha l'attrezzatura da un milione: maggior spesa il cellulare.

  • Quando alla TV vede cadere Tomba, bestemmia ad alta voce.

  • Se esce di pista è per far pisciare il bambino.

(segnalato da Simone Moretti)

 

 

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Premio di fedeltà allo Specchio
<
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<
  10 cent per l'ANT
<



PrimoPiano  
  Lucia Penazzi: aiutatemi a rivedere mio figlio!
<



Speciale  
  Il libro dei 'Personaggi allo Specchio'
<



TuttoPesaro  
  Sanità: no ai tagli
<
  Folle di bufali a Novilara
<
  Una bacheca per i cittadini
<
  Venditori di fiori
<
  Personaggi della vecchia Pesaro: "Ciclon"
<
  'Rumors' in scena al Teatro Accademia
<
  Provincia: Sala del mosaico e della comunicazione
<
  Vela: Ilva Glass, campione d'inverno
<
  Un fiore per la vita
<
  Piazza Del Monte, atto III: A jardagh!
<
  L'edicola dla Via dl'Onbra
<



TuttoFano  
  I carri del Carnevale
<
  Associazione 'La tua Fano': le nostre proposte per la città
<
  E' nato '15 e 30' quindicinale on-line
<
  76 mila visite mensili sul sito della Fondazione Carifano
<



Opinioni e Commenti  
  Avanti Savoia!
<
  La Natura scatenata
<
  Hanno detto
<
  Le popolazioni della provincia di Pesaro-Urbino: 1861-2001
<
  Pensieri in libertà
<
  Nostalgia di Brisa
<
  Il debutto di Mario Del Monaco
<



Salute  
  Come smacchiare la pelle
<



Società  
  Vivi la vita
<
  La vita e la birra
<
  L'amico
<
  I morti viventi
<
  Identikit di sciatori
<



Consumatori  
  Il pianto del coccodrillo
<
  Il vero aceto balsamico
<
  Il Caso: La cravatta slacciata
<
  La legge sulla pubblicità ingannevole
<
  Banche e Assicurazioni
<



Lettere e Arti  
  Mario Melani: una vita per il canto
<
  Giò Pomodoro, scultore delle piazze
<
  Fano: le dimore del solfeggio
<
  Dopo il concerto
<
  Il diario segreto di Anna Maria Rinaldini
<
  Luca Sguanci: mostra a Fermignano
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa