Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2008 / TuttoSport
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Sportivi all'occhiello: Enrico Paolini: passista eclettico

Enrico Paolini (in primo piano) in maglia rosa al Giro d’Italia, tra i compagni Passuello, Dancelli e Polidori.

Nato a Pesaro nel marzo del '45, Enrico Paolini cominciò a tirar calci come tanti suoi coetanei e, come loro, fece un massiccio uso di bicicletta per sentirsi cittadino da quella estrema periferia pesarese che era S. Maria delle Fabbrecce. Poiché il babbo lo portava spesso a vedere le gare ciclistiche locali, tali occasioni sortirono per lui l'effetto della benzina sul fuoco; così a 15 anni il babbo gli comprò una prima “Bianchi” da corsa con 45.000 lire. Il dado era tratto!
Sette anni con la società pesarese “Rinascita” di Gaetano Sanchini e con i consigli tecnici di Vasinto Ridolfi, utili per mettersi in evidenza nelle tre categorie con ben quattordici vittorie. Solo al secondo anno da dilettante riuscì ad accasarsi con la “Ghigi” di Pianello Vallesina. Fu subito… musica: 13 vittorie più il titolo regionale. Grazie alle limpide vittorie, nel ‘68 Paolini passò con l'“Orlandini” di Reggio Emilia con la cui maglia centrò solo due vittorie a causa della subordinazione al capitano Wainer Franzoni ed alla migliorata concorrenza; in quell'anno comunque si meritò la maglia azzurra per partecipare al Giro di Jugoslavia. Con l'amico Franzoni nel '69 passò professionista nella Scic di Parma di capitan Adorni, neo-campione del mondo. Quello con la squadra parmense si sarebbe poi rivelato un matrimonio fedele e duraturo: in undici anni bianco-neri con la Scic, Paolini maturò ben 38 vittorie e tre titoli italiani (nel '73, '74 e '77). All'esordio come professionista il pesarese vinse due corse e si guadagnò subito la maglia azzurra, risultando 8° all'arrivo del mondiale a Zolder (Belgio). Con la squadra azzurra Paolini partecipò a ben sei mondiali, date le sue caratteristiche di passista/scalatore adatto anche agli arrivi sprintati con gruppetti selezionati; grazie al suo spunto veloce batté spesso anche personaggi di rango quali: Sercu, De Vlaeminck, Basso, Merckx, Dancelli. Per fare un parallelo tecnico, potrebbe essere stato un odierno Bettini. Non disdegnò di ben figurare anche nelle corse a tappe. Pur sfortunato in due edizioni del Tour de France a causa di seri infortuni, ottenne ottimi piazzamenti di tappa nel '76. Undici le sue partecipazioni al Giro d'Italia tutte portate a termine con un bottino di 7 vittorie e tre giorni in maglia rosa. Eppoi i Giri di Svizzera: sette partecipazioni con 7 vittorie di tappa.
Le imprese ciclistiche di Enrico Paolini ebbero il merito di unire una provincia e di azzerare sciocchi campanilismi: da Fano all'entroterra si gioiva per i suoi successi ormai incastonati in tempi ciclistici moderni, con la TV a colori, con l'accalorato commento di Adriano De Zan, con componentistiche meccaniche d'avanguardia, con allenamenti scientifici. Era solo ieri, ma il vertiginoso succedersi degli eventi sportivi relega anche quelle imprese in un impietoso passato remoto. Paolini ebbe ottimi direttori sportivi (Eraldo Giganti e Carlo Chiappano), ma con la sua esperienza finì per essere lui lo stratega della squadra in corsa. Tra i tanti suoi compagni di squadra vanno menzionati Adorni, Chiappano, Dancelli, Bitossi, Baronchelli, Polidori, Saronni. Finì la carriera agonistica nel 1979 ed iniziò come direttore sportivo nei dilettanti con la “Rigetti”; dopo essere passato al timone di molte società professionistiche, nel 2007 è stato alla guida della “L.P.R.” dei vari Goutierrez, Nardello, Ferrara, Bozic. Quest'anno guiderà la nuova Katay con capitano Goutierrez.
C'è una spada che pende periodicamente su certi sport, in particolare sul ciclismo: quella delle accuse e degli accertamenti di sostanze e metodiche illecite. A suffragare tanti dubbi in merito sono i numerosi esempi di astri molto spesso nascenti e quasi subito cadenti. L'esempio di Paolini vorrebbe farci superare questa remora: infatti la sua stella ha brillato a lungo con vittorie diluite nel tempo. Sulla piaga doping Paolini la pensa in maniera drastica, soprattutto per le categorie giovanili, “perché il giovane additivato va, sì, forte, ma non durerà; le piante non vanno fatte crescere già… storte”. Con la sua enorme esperienza Enrico può dispensare osservazioni critiche e consigli utili a neòfiti ed adulti, ma la potenziale base di utenza è sempre più spesso sorda o distratta da altro; infatti il crudo impatto con la fatica dei pedali contrasta inevitabilmente con sempre più variegate opzioni di sport o di comodità di vita. Ciò nonostante “prova a fare ciclismo, assaggia l'esperienza! Troverai cento motivi poi per apprezzare la scelta”.
In conclusione, dopo una vita spesa in generosità e in sensibilità verso gli altri e alla fine di tanti bei ricordi e discorsi, tu, Enrico, rifaresti il corridore ciclista?
“Sicuramente sì, ma con molto meno altruismo!”.

Massimo Ceresani


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  I Carabinieri: la gazzella col computer
<



Speciale  
  Il 40° anniversario del “Sessantotto”
<



TuttoPesaro  
  Propongo un “Forum Pisauri”
<
  L'influenza e i pediatri
<
  Pesaro Su e Giù
<
  Il bagno di capodanno del prof. Spinaci
<
  Divagando in città: le maliarde alla messa
<
  Storie locali di 2000 anni fa
<
  Quel treno per Pesaro
<
  A proposito del porto
<



TuttoFano  
  Fano nella letteratura: “I coniugi Allori”
<
  Cianfrusaglia al Politeama
<



Opinioni e Commenti  
  Tre ragazze pesaresi in Medio-Oriente: giovani costruttori di pace
<
  La visita di Papa Benedetto XVI alla Sapienza
<
  Chiesa, Marx e Costituzione italiana
<
  L'opera sociale della Chiesa
<
  Meglio San Francesco
<
  Pillole di storia: Rommel e Messe in Tunisia
<
  A Serrungarina una scuola degli anni ‘30
<
  Occhiali usati: una luce nell'ombra
<
  Confartigianato:
i giovani imprenditori

<



TuttoSport  
  Gli arcieri di Pesaro
<
  L'enigma della Scavolini-Spar
<
  Volley: colibrì, avanti tutta!
<
  Sportivi all'occhiello: Enrico Paolini: passista eclettico
<
  Una pesarese nella nazionale di rugby
<
  Milan alla riscossa !!!
<



Lettere e Arti  
  L'amante di Carolina di Brunswick
<
  Visti da vicino: Giuliano Vangi
<
  Questioni di lingua: le poltrone d'orate
<
  Un convegno a Pesaro: l'Italiano una lingua da salvare?
<
  Fra teatro e cinema
<
  Seta
<
  Piccola Ribalta: al via la campagna soci
<
  Mostra di Sergio Pari
<
  “Leda”: un laboratorio dell'arte contemporanea
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa