Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2008 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Divagando in città: le maliarde alla messa

A proposito di Via Milite Ignoto, ho scritto una volta della campana funebre della chiesa di Loreto che non era certo un motivo di allegria per la gente, anziani in particolare. Sarà un caso ma da un po' di tempo non si sentono più battiti lenti e monotòni ma una successione di quattro toni a tempo, non dico vivace, ma andante. E' già un miglioramento, anche se personalmente eliminerei del tutto la campana funebre: insomma, se ci si crede, ognuno almeno una volta al giorno un pensiero ai defunti lo rivolge. Dice, ma perché, ti fa impressione, hai paura? Sì, e mica c'è da vergognarsi, almeno credo. Comunque grazie al parroco, don Giuseppe.
Certo che il richiamo alla nostra caducità è ben presente nella nostra città dove nei punti strategici, dove c'è il passaggio della gente, anche dei turisti, la pubblicità delle imprese di “Funeral services” sono ben visibili. La stessa AMI non ha avuto problemi ad inserire nei suoi autobus, sotto una scritta che inneggia alla vita tranquilla, riposante che si può godere a Pesaro, anche la pubblicità delle imprese di cui sopra. Come per dire: “vivi pure sereno in questa città, che poi quando sarà ora c'è chi penserà a te…”. Mah!.

***

Tornando al buon don Giuseppe bisogna dire che questo parroco è molto amato e stimato dai suoi parrocchiani e uno dei principali motivi è il suo modo di dire messa, veloce ma preciso, come le sue prediche apprezzate per il contenuto e la brevità. Io non sono in grado di dare giudizi, non vado alla messa “grande” delle 11,30; non amo le messe affollate, troppa gente appiccicata, rumore di fondo, bambini a non finire irrequieti e chiassosi. Vado un po' di volte al Duomo, a mezzogiorno, c'è l'omelia di don Gino, niente male, qualche volta un po' lunga, ma d'altra parte se in una settimana stai in chiesa un quarto in più... (penso che sarebbe questa la sua giustificazione). C'è della buona musica, un ottimo organista, un coro veramente affiatato e pregevole, con gradevoli sonorità. Avevo smesso di andarci quando imperavano le insopportabili chitarre con le parole delle preghiere ridotte a testi di canzoni country-western, ancora più insopportabili!
Mi piace andare nella Cappella di San Terenzio a fare due chiacchiere col nostro Patrono quando non è invasa da bambini parcheggiati per consentire a turno ad uno dei due genitori di ascoltare la messa. Si sta in pace, silenzio, poche distrazioni, mi colpiscono quelle persone che lì a volte vedo pregare con grande intensità e devozione.
Meno distrazioni, dicevo, perché a volte, in fondo alla chiesa, a parte i soliti bambini frignanti e urlanti, mi viene da scommettere su quante persone rispettano l'invito a non passare sopra i cristalli posti qua e là nel pavimento. Non è che io sia misogino, non ce l'ho col gentil sesso, ma sono loro in maggioranza, tacchi a spillo o stivali, a ignorare tranquillamente il divieto. E sempre a proposito dell'altra metà del cielo, sarò da psichiatra, ma il fatto è che molte donne vanno alla messa abbigliate per poter poi andare in giro, vedersi con gli amici, sfoggiando toilettes certamente intriganti e qualche volta anche eleganti, ma poco adatte al luogo e a quanto vi si celebra. C'è una giovane signora che entra di solito a messa iniziata, un paio di pantaloni dove probabilmente è nata e da cui non è più uscita, un…. fondo schiena cui manca solo la parola! Entra e percorre gran parte della navata, rumore di tacchi che richiamano l'attenzione dei presenti, poi la stessa attenzione viene vieppiù stimolata da quanto sopra. Allora vedi gli sguardi delle donne e degli uomini che la seguono nel suo incedere, mentre ella “sen va, sentendosi laudare”, certo dai signori ma non dalle signore. Gente, non fraintendete, se la vedi per le vie della città ti viene voglia di andarle dietro, qui è un'altra cosa.
Mi ricordo che un secolo fa il buon parroco Mosca si metteva alla porta d'ingresso e non si faceva scrupolo di richiamare all'ordine signore e signorine che a suo parere non erano vestite decorosamente. Certo, un secolo fa, un certo Scalfaro che poi è diventato anche presidente della Repubblica, schiaffeggiò una signora che in pubblico sfoggiava un audace decolleté. Dice, se applichi questo metodo, alla messa ti ritrovi con le anziane e il gregge si sfoltisce alla grande. Certo, ma io, sempre per quella storia dello psichiatra (che non mi posso permettere), vorrei che all'ingresso fossero distribuite tonache, magari di colori anche vivaci per le signore e un saio francescano per gli uomini, tanto per la parità dei sessi.

Angiò


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  I Carabinieri: la gazzella col computer
<



Speciale  
  Il 40° anniversario del “Sessantotto”
<



TuttoPesaro  
  Propongo un “Forum Pisauri”
<
  L'influenza e i pediatri
<
  Pesaro Su e Giù
<
  Il bagno di capodanno del prof. Spinaci
<
  Divagando in città: le maliarde alla messa
<
  Storie locali di 2000 anni fa
<
  Quel treno per Pesaro
<
  A proposito del porto
<



TuttoFano  
  Fano nella letteratura: “I coniugi Allori”
<
  Cianfrusaglia al Politeama
<



Opinioni e Commenti  
  Tre ragazze pesaresi in Medio-Oriente: giovani costruttori di pace
<
  La visita di Papa Benedetto XVI alla Sapienza
<
  Chiesa, Marx e Costituzione italiana
<
  L'opera sociale della Chiesa
<
  Meglio San Francesco
<
  Pillole di storia: Rommel e Messe in Tunisia
<
  A Serrungarina una scuola degli anni ‘30
<
  Occhiali usati: una luce nell'ombra
<
  Confartigianato:
i giovani imprenditori

<



TuttoSport  
  Gli arcieri di Pesaro
<
  L'enigma della Scavolini-Spar
<
  Volley: colibrì, avanti tutta!
<
  Sportivi all'occhiello: Enrico Paolini: passista eclettico
<
  Una pesarese nella nazionale di rugby
<
  Milan alla riscossa !!!
<



Lettere e Arti  
  L'amante di Carolina di Brunswick
<
  Visti da vicino: Giuliano Vangi
<
  Questioni di lingua: le poltrone d'orate
<
  Un convegno a Pesaro: l'Italiano una lingua da salvare?
<
  Fra teatro e cinema
<
  Seta
<
  Piccola Ribalta: al via la campagna soci
<
  Mostra di Sergio Pari
<
  “Leda”: un laboratorio dell'arte contemporanea
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa