Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2006 / TuttoSport
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Bocce sul Metauro

A destra, il fanese Manuelli (già campione mondiale under 21) prepara una bocciata nella finale vittoriosa del trofeo FPK Arredamenti. A sinistra, l’avversario Paolo Signorini della Società Montegridolfo.

Nel numero di gennaio dello Specchio abbiamo fatto un po' di storia delle bocce e della sua diffusione a Pesaro. Sul versante metaurense la situazione ovviamente è in parallelo a quella fogliense: con crisi generazionale, ma anche con fermento, con alti valori tecnici e con tanto anelito di riconoscimento sportivo.
Il gioco delle bocce è stato da sempre uno dei più economici, per cui è ovvio che le masse meno abbienti molto spontaneamente l'hanno fatto proprio: negli spiazzi cittadini e di paese, di fianco alle aie in campagna e lungo tratti di spiaggia sabbiosa. Il premio in palio? Quello più reperibile, più a buon mercato: il vinello in fiaschi e boccali. Con l'avvento dei campi di gioco l'attività boccistica venne trasformandosi: sempre più regolamentata, sempre più tecnica e sportiva, sempre più ravvivata da gare federali e da personaggi rappresentativi. Emblematica, per quel primo scorcio di boccismo fanese, fu la figura di Arturo Ghiandoni (vanno ricordati anche Bonazzelli, Peconi, Sestili). Così come emblematica e pionieristica fu “La Combattente”: prima Società bocciofila delle Marche, sorta nel 1924 in seno al “Circolo Combattenti” per iniziativa dei reduci della Grande guerra. Questa Società di Via Metauro, con le sue storiche colonne di ingresso addobbate con due elmetti in cemento, continuò poi a sfornare tanti giocatori di valore: dai vari Rondina, Antinori, Perugini, Del Medico, Manna, Cucchi, Secchiaroli, Contarini, Tomassoni, passando dagli Adanti, Mazzanti, Serafini, Giommi, per arrivare ai Pennacchini, Pierleoni, Pozzuoli, Panicali, Filipucci. Oggi risplendono per risultati alcuni giovani di valore: Paolo Giovanelli di Lucrezia (iscritto con Colbordolo) ed i fanesi Dario Bartoli (iscr. Colbordolo), Giovanni Iacucci (iscr. “Ancona 2000”) e Gianluca Manuelli (“Ancona 2000”, già campione mondiale “Under '21”).
A Fano si sono estinte le Società di Ponte Metauro e di Centinarola, ma continuano a “far di boccia” le Società “San Cristoforo” e “Biagiarelli”. Nel comprensorio pullulano poi realtà molto attive: da Marotta a Lucrezia, da Calcinelli a Tavernelle, da Fossombrone ad Acqualagna, da Cagli e Fermignano ad Urbino. Anche il settore femminile annovera le sue praticanti e sono ottime occasioni di proseliti le gare “Lui e Lei”. Voglia di fare e di migliorare non mancano tra i praticanti, ma occorre prendere atto di un'affiorante realtà: quella dello scollamento delle nuove generazioni con conseguente diminuito ricambio. Quali le cause? Sicuramente comuni ad altre realtà, sportive e sociali: moltiplicazione di sempre nuove attrattive, volubilità di interessi ed esperienze, l'opera subdola e sempre più settoriale dei mass-media che “silenziano” colpevolmente tante discipline sportive, l'incapacità e l'ignoranza di tante Società bocciofile di offrire nei loro impianti attrattive variegate per una potenziale utenza giovanile. Di un ricambio generazionale che latita si è da tempo accorto anche il dinamico presidente de “La Combattente” Marino Serafini che ha stimolato una certa collaborazione scolastica riuscendo ad avviare allo sport boccistico 35 alunni delle elementari ed ha organizzato un convegno ad Ancona (marzo 2002) sulla didattica di questo sport. Da allora si svolge annualmente un seminario con gli allievi della Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Urbino (parte teorica presso la sede universitaria, parte pratica presso il bocciodromo comunale di Urbino). In tale seminario si trattano concetti di cibernetica legata alle attività integrative di cervello e sistema nervoso periferico, di elaborazioni e selezioni di impulsi e altri temi scientifici: il tutto applicato in un ambito sportivo (quello boccistico) adattissimo per l'esigenza di un dosaggio neuro-muscolare esasperato (in campo i centimetri fanno la differenza) e di riduzione progressiva dell'emotività.
Come tanti sport, anche quello delle bocce sta conoscendo gli influssi del professionismo. Questo offre spunti per considerazioni opposte: l'aspetto positivo va riconosciuto per quei giocatori di élite che dalla possibilità di guadagno trovano mezzi e stimoli per continuare a giocare ad alto livello; purtroppo è una negatività la perdurante mancanza di regolamentazione nei passaggi dei giocatori da una Società all'altra senza un diritto o riconoscimento di preparazione per la Società di provenienza. L'attuale giungla di accordi non fa che aumentare le differenze tra Società di serie “A1” e quelle cosiddette “povere”. Comunque, pur non avendo disponibilità economiche per disputare il campionato italiano per Società di alto livello, la bocciofila “La Combattente” continua a meritarsi riconoscimenti come attestano le due “stelle al merito sportivo” ricevute dal CONI nel 1994 e nel 2005.
Per finire, come stuzzicare i giovani? Magari invitateli a sbirciare ed a scoprire cosa succede in quelle palestre dai fondi di nuova generazione, con sfere da pilotare strategicamente e con possibilità di divertimento sicuramente non inferiori al bowling.

Massimo Ceresani

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Pubblicità elettorale  
  La Tribuna politica dello Specchio della città
<



Storia  
  Una lapide a Buchenwald
<
  10 febbraio, un'occasione per riconciliarsi
<



TuttoPesaro  
  Nel vento del mito
<
  I 'Concerti del Sabato' del Conservatorio Rossini
<
  Uno spazio per lo skateboard
<
  Roberto Troiani, direttore della BPA
<
  Valeriano l'urciaròl
<
  Le Giacche Verdi
<
  Una moda balorda
<
  Controvento
<



TuttoFano  
  Piano spiagge sotto osservazione
<
  Valeria Marini, una bomba sexy
tra i divi di cartapesta

<
  Passato e presente di Porta Cavour
<
  La Madonna di San Costanzo
<



Speciale  
  Gli anni della goliardia
<



Opinioni e Commenti  
  OGM o non OGM, questo è il dilemma
<
  Il Generale e Amnesty:
un dibattito mancato

<
  L'articolo 18 protegge il lavoro
<
  La centrale a biomasse di Schieppe di Orciano
<
  E' sempre colpa dei Vandali
<
  I frati e il freddo
<
  Clemente VIII e Giordano Bruno
<



Società  
  La meditazione: ginnastica della mente
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: una squadra vera
<
  Volley: Colibrì o aquile?
<
  Bocce sul Metauro
<



Lettere e Arti  
  I maestri del tango argentino
<
  Le pomone di Marisa Lambertini
<
  Visti da vicino: Monica Vitti
<
  A Pesaro un grande “Tram”
<
  Frammenti di memoria
<
  Scintille di Sole
<
  Questioni di lingua: I falsi amici
<
  E' gradito lo smoking
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa