Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2006 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

I maestri del tango argentino


Mi chiamo Hugo Aisemberg, sono nato a Buenos Aires da una famiglia di ebrei russi provenienti da Odessa, arrivati in Argentina all'inizio del secolo scorso. Sono in Italia dal 1971. Ho sempre studiato il pianoforte ma, nonostante i miei desideri, la mia collocazione nell'ambito della musica classica mi vietava lo studio del tango (contrariamente a quanto si crede, in Argentina il tango non ha facile accesso nel mondo della musica “colta”). Le emozioni che sentivo quando ascoltavo i grandi maestri del tango, come Osvaldo Pugliese, Anibal Troilo, Horacio Salgán, Carlos Di Sarli, Astor Piazzolla ed altri, non erano minori di quelle che provavo con l'ascolto e l'esecuzione della “grande musica”. Per questo nel 1965, sfidando i “diktat” dell'ambiente, cominciai a suonare in pubblico tanghi di Astor Piazzolla insieme ad opere classiche (sono stato il primo musicista argentino a farlo). Piazzolla lo seppe e mi volle incontrare a casa sua. Pensavo di dover suonare i suoi tanghi; grande è stata la mia sorpresa quando mi ha chiesto di eseguire la “Ballata in sol minore” di Chopin. Era il 1968.
Non ho mai smesso di dedicarmi al tango e la mia ricerca si è sviluppata fino a creare nella città di Pesaro, dove vivo dal 1977, il Centro “Astor Piazzolla” (presidentessa onoraria Laura Escalada Piazzolla, vedova del compositore),  primo al mondo dedicato al musicista. Il Centro si occupa di tango e cultura argentina organizzando eventi, conferenze, concerti, incontri e viaggi in Argentina, oltre che mettere a disposizione dei numerosi soci (musicisti, studenti universitari e studiosi) materiale esclusivo. Grande soddisfazione ho avuto nel 1994, quando a Buenos Aires il presidente della Repubblica mi ha reso omaggio con un concerto alla Casa Rosada (nel quale hanno partecipato numerosi giovani studenti del Conservatorio di Pesaro venuti con me in delegazione) per la mia opera di diffusione della cultura argentina in Europa.
Ho suonato il tango in tutto il mondo ricevendo riconoscimenti ovunque, facendolo apprezzare a tantissima gente, specialmente a giovani musicisti che ora lo suonano appassionatamente. Il Conservatorio “Rossini” di Pesaro (nel quale ho insegnato per 30 anni) mi ha permesso di introdurre questo linguaggio nel proprio ambito. I miei allievi hanno assimilato subito la nuova musica e molti colleghi - perplessi all'inizio - hanno finito per aderire alla causa del tango. La vedova di Astor Piazzolla è venuta a Pesaro invitata dal mio Centro ed è stata ricevuta dal presidente del Conservatorio, Giorgio Girelli, dall'allora sindaco Oriano Giovanelli e da altre personalità della cultura pesarese. Inoltre sono state realizzate conferenze (da ricordare quella di Ivana Baldassarri), presentazione di libri e concerti. Il teatro Rossini si è vestito a festa ad ogni presentazione del Novitango che più volte ha devoluto l'incasso in beneficenza. Seminari, corsi estivi, “master classes” in numerosi centri didattici, produzione discografica completano l'opera. Il Gruppo Novitango (che tra poco compie 20 anni), attualmente formato dai maestri Francesco Manna al flauto, Juan Lucas Aisemberg alla viola, Bruno Tommaso al contrabbasso e da me al pianoforte, ha avuto nella sua storia tra i suoi componenti: il flautista Andrea Bartelucci, il clarinettista Marco Gerboni, il saxofonista Mario Marzi, la violinista Isabella Piccioni ed il violoncellista Roberto Cima. Inoltre il Novitango è stato inviato dal governo, quale rappresentante della cultura italiana, due volte in Sud America (Cile, Argentina ed Uruguay) dentro il progetto “Latina 1999” e “Latina 2000”; partecipavano anche il violinista Salvatore Accardo, il violoncellista Mario Brunello, la Sinfonica della RAI e tanti altri importanti artisti. Abbiamo portato il nome di Pesaro in tutto il mondo e abbiamo anche partecipato ai festeggiamenti del 40° anniversario del gemellaggio con la città di Lubiana. Abbiamo collaborato con grandi artisti: Richard Galliano, Pablo Mainetti, Luciano Jungman, Lina Sastri, Alessandro Haber, Maximiliano Guerra, Claudia Zaccari.
Adesso che, per motivi anagrafici, posso già fare qualche riflessione, vedo che il cammino è stato grande… Ho sempre cercato di trasmettere la mia esperienza. Molti ragazzi hanno ricevuto il mio amore e il mio rispetto per il linguaggio del tango, universo infinito. Questo universo mi ha consentito di vivere consciamente lontano dalla mia terra, ma vicino alle mie radici culturali. L'Italia, principalmente Pesaro, hanno accolto con entusiasmo il mio tango, ho potuto con gioia aprire il mio baule di emozione e musica: la stessa che nel mio sangue scorre da tanto tempo. Sentire i miei amici, i miei allievi e i miei sei figli suonare il tango ancora meglio di me, mi dà una soddisfazione profonda. Qualche lacrima mi dice: vedi Hugo, loro seguiranno il cammino iniziato… E mi sento sereno.

Hugo Aisemberg


L'Associazione Culturale "Astor Piazzolla" di Pesaro, organizza dal 17 al 31 agosto un viaggio emozionante nella cultura, nei colori, nei suoni, nei sapori, nell'atmosfera di Buenos Aires. Il programma permetterà la partecipazione a varie manifestazioni artistiche, collegate in particolare al tango e alla sua storia, così fortemente radicata nello spirito della città.
L'itinerario prevede incontri con esponenti della vita artistica argentina, visite a musei, concerti, spettacoli, tour della città, esperienze eno-gastronomiche. Sarà proposto anche un seminario musicale con il bandoneonista Luciano Jungman.
Il viaggio prevede un numero massimo di 40 partecipanti. Le prenotazioni devono pervenire entro il 10 marzo all'Associazione culturale “Astor Piazzolla”, tel. 0721 482098, 347 9393325, e-mail: segreteria@centroastorpiazzolla.org, sito Internet: www.centroastorpiazzolla.org.

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Pubblicità elettorale  
  La Tribuna politica dello Specchio della città
<



Storia  
  Una lapide a Buchenwald
<
  10 febbraio, un'occasione per riconciliarsi
<



TuttoPesaro  
  Nel vento del mito
<
  I 'Concerti del Sabato' del Conservatorio Rossini
<
  Uno spazio per lo skateboard
<
  Roberto Troiani, direttore della BPA
<
  Valeriano l'urciaròl
<
  Le Giacche Verdi
<
  Una moda balorda
<
  Controvento
<



TuttoFano  
  Piano spiagge sotto osservazione
<
  Valeria Marini, una bomba sexy
tra i divi di cartapesta

<
  Passato e presente di Porta Cavour
<
  La Madonna di San Costanzo
<



Speciale  
  Gli anni della goliardia
<



Opinioni e Commenti  
  OGM o non OGM, questo è il dilemma
<
  Il Generale e Amnesty:
un dibattito mancato

<
  L'articolo 18 protegge il lavoro
<
  La centrale a biomasse di Schieppe di Orciano
<
  E' sempre colpa dei Vandali
<
  I frati e il freddo
<
  Clemente VIII e Giordano Bruno
<



Società  
  La meditazione: ginnastica della mente
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: una squadra vera
<
  Volley: Colibrì o aquile?
<
  Bocce sul Metauro
<



Lettere e Arti  
  I maestri del tango argentino
<
  Le pomone di Marisa Lambertini
<
  Visti da vicino: Monica Vitti
<
  A Pesaro un grande “Tram”
<
  Frammenti di memoria
<
  Scintille di Sole
<
  Questioni di lingua: I falsi amici
<
  E' gradito lo smoking
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa