Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2005 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Ricordo
di Romolo Pagnini:
il “Sindaco del Porto”

Sulla figura di Romolo Pagnini (scomparso tragicamente a soli 66 anni) abbiamo chiesto una testimonianza a un compagno di partito che gli era particolarmente vicino: l'ex sindaco di Pesaro Aldo Amati.

Romolo Pagnini, un personaggio non di primissimo rilievo nella storia di Pesaro: eppure la sua improvvisa e drammatica scomparsa ha scosso la città come in pochi altri casi. La notizia della sua morte, quando venerdì 21 gennaio è giunta in città, si è diffusa in un baleno in tutti gli ambienti, in ogni angolo di Pesaro; e la reazione è stata ovunque di incredulità e di dolore. In tanti sono scoppiati a piangere. I giornali hanno riempito pagine di ricordi commossi di Romolo. Alla cerimonia funebre, in Piazza del Popolo, la gente era tantissima e molti altri avrebbero voluto esserci, ma non hanno potuto. Era conosciuto da tantissima gente che gli era amica e gli voleva bene.
Romolo aveva caratteristiche che si ritrovano nella sua vita personale e familiare come nell'impegno politico ed in quello di amministratore pubblico. Un operaio, un uomo del popolo, che viveva ispirato dai più genuini valori popolari: la famiglia, le cose buone, l'amicizia sincera, l'onestà, la giovialità, le cose concrete ed essenziali, il senso della giustizia. E in politica era quel Romolo lì. Comunista da giovanissimo per combattere e impegnarsi per un mondo più giusto, che vedesse al primo posto i lavoratori, la gente più bisognosa. Ammirava i Paesi socialisti, ma quando fu chiaro che lì il popolo non era padrone, ma vittima di regimi illiberali, non ebbe tentennamenti a condividere il ripudio di quelle esperienze. E si occupava concretamente delle cose, dei problemi delle persone che conosceva, o del quartiere in cui viveva, il Porto. E' stato per tanti anni, in qualche modo, il “Sindaco del Porto”.
Amava il mare e, con qualche sacrificio, si era comprato una barchetta con la quale andava a pescare, soprattutto a prendere le cozze da cucinare poi in una cena con gli amici. Organizzava viaggi e gite turistiche, con le quali ha portato in giro per l'Italia e per l'Europa migliaia di persone che sono diventate una comunità di amici. Anche la morte lo ha sorpreso durante una di queste gite. Nella politica era come nella vita: la semplicità, la passione e la tenacia, l'onestà degli intenti, il darsi da fare concretamente, l'organizzare, la serietà nel perseguire gli obiettivi, la durezza delle critiche a ciò che anche nel partito non gli sembrava giusto, la veemenza nello scontro politico con certi avversari: a cui faceva sempre seguito la stretta di mano e l'amicizia. Erano questi i suoi tratti caratteristici.
E' stato per quasi 50 anni un attivista, un dirigente con molteplici incarichi, un animatore instancabile della Sezione Centro del Pci e poi dei Ds. E' stato membro degli organismi dirigenti comunali e provinciali del Partito. Consigliere comunale per 23 anni, Assessore per quasi dieci anni. Dunque un politico a tutto tondo, ma senza mai perdere quelle doti umane, quella umiltà, quella genuinità che ne hanno fatto una figura unica; era chiamato affettuosamente Romoletto. Qualunque cosa facesse, costruiva legami personali di rispetto e di amicizia. E i tanti che erano al suo funerale, prima che compagni, colleghi di lavoro, politici della stessa parte o avversari, concittadini o vicini di casa, parenti o conoscenti, erano soprattutto amici di Romolo. Lascia un grande vuoto, ma soprattutto un bellissimo ricordo di sé.

Aldo Amati

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  27 gennaio: il giorno della vergogna
<



Speciale  
  Girolamo Sirchia:
I roghi dei fumatori

<



TuttoPesaro  
  Ricordo
di Romolo Pagnini:
il “Sindaco del Porto”

<
  Il parcheggio (?)
del Miralfiore

<
  Offerta di posti auto notturni in Via Marsala
<



TuttoFano  
  Non solo parcheggi al posto dei capannoni
<
  Il Planisfero di Vesconte Maggiolo
<
  “Ventaglio da forca!”
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  Pubblicità elettorale
sullo ‘Specchio'

<
  La memoria della Shoah
<
  Dottori e onorevoli
<
  La criminalità minorile
<
  Le opere pubbliche della Provincia di Pesaro e Urbino
<
  Gli interventi del Vaticano
<
  Marchigiani fuori regione: un viaggio lungo la via Flaminia
<



Ambiente  
  Il ritorno dell'aquila al tetto coniugale
<
  La caccia non è contro la natura
<



Salute  
  La scoliosi
<
  La scelta degli alimenti (2)
<



TuttoSport  
  Scavolini: Intervista al coach Marco Crespi
<
  Pugilato:
il momento magico
di Ottavio Di Leo

<



Consumatori  
  Razionali ma indifferenti
<
  ACU - Informazione fiscale
<
  Il Caso: L'auto a gas
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  Roberto Pantanelli:
l'imprenditore giornalista

<
  Labbra di mandarino
<
  Il restauro
della Pieve di Candelara

<
  Questioni di lingua:
Che c'azzecca?

<
  La nuova scuola
<
  Nori De' Nobili in mostra
a Bruxelles

<
  I sogni dipinti
di Cesare Monnati

<
  Novecento, il secolo dei giovani
<
  Lo scopone scientifico
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa