Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2005 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La scoliosi

La colonna vertebrale è situata nella regione mediana del dorso e ha il compito di sostegno per il peso della testa del collo e del tronco e attraverso questa tale peso viene trasmesso agli arti inferiori. La colonna vertebrale, o rachide, è costituita dalla sovrapposizione di segmenti ossei denominati vertebre che si articolano tra loro. Le vertebre proteggono il midollo spinale ed aiutano a mantenere una corretta posizione del corpo, sia in posizione seduta che eretta. La colonna vertebrale può essere divisa in 5 regioni: la regione cervicale (sette vertebre), la toracica (dodici), la lombare (cinque), la sacrale (cinque), la coccigea (quattro-cinque). Le vertebre sacrali sono fuse insieme e danno luogo ad un osso, il sacro, il quale si articola con le ossa dell'anca formando così il bacino. La parte coccigea è formata solamente da abbozzi ossei e viene detta anche coda ossea. La lunghezza totale della colonna vertebrale in un adulto è di circa 71 centimetri. Le vertebre non formano una struttura rettilinea e rigida. Infatti, osservata lateralmente, la colonna vertebrale di un adulto mostra delle curve fisiologiche denominate lordosi cervicale, cifosi toracica, lordosi lombare e cifosi sacrale. Il nome di cifosi viene attribuito alle curve a concavità anteriore; quello di lordosi alle curve a convessità anteriore.
La flessibilità della colonna vertebrale è data soprattutto dai muscoli che vanno ad inserirsi sulla ossa che la compongono. I muscoli propri della colonna si trovano al di sotto dei muscoli più superficiali del dorso e che vengono denominati estensori della colonna vertebrale. Tali muscoli vengono anche denominati erettori della colonna e si dividono in spinali, lunghissimi e ileo-costali. La contrazione contemporanea di tali muscoli determina l'estensione della colonna, mentre la contrazione unilaterale di questi determina la flessione laterale della colonna.

La scoliosi

Le scoliosi sono deviazioni laterali della colonna vertebrale, mentre le curve che la colonna presenta in visione anteroposteriore sono normali: pertanto una curva laterale può essere considerata patologica. Le cause della scoliosi sono molteplici. Esse possono essere congenite ed acquisite. Alcune delle cause comportano cambiamenti della struttura ossea come ad esempio di un corpo vertebrale; altre sono legate a problemi neuro-muscolari che si ripercuotono direttamente sulla muscolatura del tronco; ed altre ancora sono legate ad asimmetria degli arti, a problemi legati alla visione o all'udito ecc. Vi sono però anche molti casi di scoliosi le cui cause sono sconosciute e vengono definite idiopatiche: un'alta percentuale di casi rientra in questa categoria. Lo squilibrio muscolare provocato da una malattia come la poliomielite è immediatamente riconoscibile come causa di scoliosi quando colpisce la muscolatura del tronco. Uno squilibrio muscolare può comunque essere presente anche in soggetti non affetti da particolari patologie, e passare per questo inosservato, a meno che non si svolgano indagini sulla muscolatura qualora ci si trovi ad esaminare casi di postura viziata.
Oltre alle scoliosi, dismorfismi della colonna vertebrale si possono osservare a livello delle curve cifotiche e lordotiche. Infatti possiamo riconoscere a questi livelli aumenti o diminuzioni di tali curvature a cui diamo il nome nel primo caso di ipercifosi od iperlordosi, nel secondo di ipocifosi od ipolordosi. Molti di tali dismorfismi, come già abbiamo accennato, sono dovuti ad un'errata postura. Inoltre il più delle volte una postura errata provoca contratture e accorciamento di gruppi muscolari da un lato del corpo; mentre dall'altro provoca un allungamento dei muscoli.
Le indagini diagnostiche che si possono effettuare per una osservazione quali-quantitativa della colonna possono essere diverse e cioè invasive e non. Dopo una visita globale del soggetto in varie posizioni, è possibile far effettuare al paziente indagini diagnostiche come: esami radiografici sotto carico e tomografia assiale computerizzata (TAC), che sono però invasivi e quindi pericolosi nel caso in cui vengano somministrati più volte. Le indagini non invasive, e pertanto non pericolose, sono: la risonanza magnetica o strumentazioni particolari come ISIS – Formetric, Spinal-mouse, che ci permettono di valutare la colonna e monitorare il paziente più volte senza avere alcuna controindicazione.
Come trattare questi pazienti? Dopo un'analisi attenta dei dati relativi alle condizioni globali del soggetto, bisognerà agire con varie metodologie sulle strutture muscolari, decontraendo le zone che si presentano contratte e contraendo le regioni muscolari controlaterali. Inoltre, dopo aver effettuato una serie di sedute per migliorare le qualità funzionali dei vari gruppi muscolari, si dovranno assegnare al paziente esercizi fisici dai più semplici ai più complessi che ci aiuteranno a raggiungere risultati soddisfacenti sia per quanto riguarda i dismorfismi della colonna che per ottenere un'ottima funzionalità della colonna stessa. Tali risultati dovranno poi essere mantenuti con un esercizio fisico costante e duraturo. 

Maurizio Ripani

Per saperne di più:
Tel. 071 201866, 071 204866
348 1406951/2
e.mail:
ripani@iusm.it
Corso Garibaldi 101, Ancona

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  27 gennaio: il giorno della vergogna
<



Speciale  
  Girolamo Sirchia:
I roghi dei fumatori

<



TuttoPesaro  
  Ricordo
di Romolo Pagnini:
il “Sindaco del Porto”

<
  Il parcheggio (?)
del Miralfiore

<
  Offerta di posti auto notturni in Via Marsala
<



TuttoFano  
  Non solo parcheggi al posto dei capannoni
<
  Il Planisfero di Vesconte Maggiolo
<
  “Ventaglio da forca!”
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  Pubblicità elettorale
sullo ‘Specchio'

<
  La memoria della Shoah
<
  Dottori e onorevoli
<
  La criminalità minorile
<
  Le opere pubbliche della Provincia di Pesaro e Urbino
<
  Gli interventi del Vaticano
<
  Marchigiani fuori regione: un viaggio lungo la via Flaminia
<



Ambiente  
  Il ritorno dell'aquila al tetto coniugale
<
  La caccia non è contro la natura
<



Salute  
  La scoliosi
<
  La scelta degli alimenti (2)
<



TuttoSport  
  Scavolini: Intervista al coach Marco Crespi
<
  Pugilato:
il momento magico
di Ottavio Di Leo

<



Consumatori  
  Razionali ma indifferenti
<
  ACU - Informazione fiscale
<
  Il Caso: L'auto a gas
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  Roberto Pantanelli:
l'imprenditore giornalista

<
  Labbra di mandarino
<
  Il restauro
della Pieve di Candelara

<
  Questioni di lingua:
Che c'azzecca?

<
  La nuova scuola
<
  Nori De' Nobili in mostra
a Bruxelles

<
  I sogni dipinti
di Cesare Monnati

<
  Novecento, il secolo dei giovani
<
  Lo scopone scientifico
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa