Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 2002 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Tutti i cuori di Rossana


Il 5 febbraio ricorre il primo anniversario della morte di Rossana. Mia figlia era affetta da una grave cardiopatia congenita e nonostante il dolore, la fatica di accettare un evento così ostile alla serenità e tranquillità di una madre, sono riuscita a realizzare un desiderio che all'epoca mi aiutò a superare lo shock: costituire un'Associazione di volontariato per sostenere moralmente e psicologicamente i bambini cardiopatici e le loro famiglie.
La vita precaria di questi bambini deve farsi carico di frustrazioni ed umiliazioni, psicologiche e fisiche in attesa di un futuro neanche certo. Ciononostante, grazie allo sforzo di famiglie sole e disperate ma tenaci e audaci, i piccoli riescono anche ad essere felici. Ma questa felicità troppo facilmente si logora nel tempo perché purtroppo le strutture, benché ad alta specializzazione scientifica, non riescono a supportare adeguatamente la psicologia e il morale della famiglia. La disarmonia che si crea intorno ad un mondo meraviglioso come quello del bambino non è assolutamente accettabile perché spesso mette a rischio il buon esito degli interventi e questo è il principale obiettivo che mi sono prefissata. Mi riferisco alle difficoltà bestiali di madri, padri e “minuscoli esseri umani” che nell'abbraccio del mattino a volte non intravedono speranze, rispetto, calore sociale. Dobbiamo partire dall'attenzione ai piccoli gesti perché un bambino vede il mondo dal basso come se stesse dentro ad un bicchiere rovesciato: tutto diventa grande e deforme e quello che noi sottovalutiamo per lui è spesso mostruoso.
Quando Rossana morì mi restarono due possibilità: rischiare di chiudermi nella solitudine dell'angoscia e dell'impotenza e non condividere più la mia storia di vita con nessuno, neanche col mio secondogenito Sebastiano; oppure costruire su di essa un'esperienza che mi permettesse di essere ancora una buona madre, che parlasse dei veri disagi, insegnasse alle strutture il rispetto individuale e spronasse le famiglie a pretendere diritti, senza paura o sottomissione alle istituzioni. Questa mia proposta e promessa si sta avverando. Grazie alla fiducia ed alla volontà di 19 persone (soci fondatori) che ringrazio ancora, siamo arrivati alla costituzione di fatto, che verrà poi giuridicamente ufficializzata entro aprile prossimo, di un gruppo di lavoro volontario dal nome “Tutti i cuori di Rossana” con finalità solidali rivolte alla tutela dei diritti dei bambini cardiopatici e al vero aiuto psicologico, morale ed anche economico, alle famiglie che purtroppo si trovano coinvolte in un percorso di vita massacrante. Per vero intendo “il linguaggio del disagio, il linguaggio del bambino, il modo di una madre in preda al panico, il senso di emarginazione ospedaliera e lavorativa di un padre…”
In questo momento la raccolta fondi si è già concretizzata grazie ad una serie di contributi pubblici e privati versati sul c/c postale n. 28623619 intestato a me, Lucchesi Nicoletta, in qualità di primo presidente dell'Associazione “Tutti i cuori di Rossana”. Sì, questo è e sarà il suo nome perché la forza di mia figlia e la sua luminosità d'animo (Rossana significa “che risplende, splendida”) si inseriscano educatamente e dolcemente negli strati sociali per migliorare la vita dei bambini che lottano ancora e che nasceranno con questo futuro.

Aveva i capelli rosso rame come il sole, occhi verdi consapevoli e il suo abbraccio scaldava la mia mente confusa e consumata. Le sue parole di soli 2 anni e sette mesi erano in grado di dire: “Mamma sono felice”.

Nicoletta Lucchesi Manzari

Il cielo senza di te era disadorno. Gli angeli ti hanno rapita. Il tempo si proietta nel futuro. Dipendesse da me, lo farei tornare indietro. Come mi manchi tesoro. La pace e la tranquillità della mia casa quando c'eri tu è un dolce ricordo. Sulla tua tomba c'è un piccolo giardino che tua mamma cura con tanto amore. E tanti fiori nascondono per un attimo tutto il dolore di chi viene a trovarti sembra quasi che quelle piccole piantine che germogliano sulla tua terra siano un'immagine della tua vita che ritorna. Che cosa c'è di più bello di un fiore.
C'eri tu: adorata Rossana. Quanti ricordi fuggenti e sicuri tormentano la mente di questo povero vecchio uomo. Il mio amore per te non si è spostato di una virgola. Avrei tante cose da raccontarti del tuo fratellino Sebastiano. Sono però sicuro che tu le sai già perché sei il suo angelo custode. E ricordati della tua mamma e del tuo papà. Proteggili (sono sicuro che ti sarà possibile) e aspettami. Appena il mio destino si compirà correrò per raggiungerti. Ti adoro.

Tuo nonno

PS: Tua mamma ha scritto una frase che compendia e sublima il nostro dolore. Eccola: “Un bambino non dovrebbe morire mai!”


 
 
 
 
Fattinostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Giuseppe Valazzi

<



TuttoPesaro  
  La lapide di Piazzale Innocenti
<
  La sera dello scoppio di Montecchio
<
  I sold nov
<
  Lingua e dialetto: La Galaverna
<
  Contropelo: Cacca di cani e facce di bronzo...
<



Opinioni e Commenti  
  Tutti i cuori di Rossana
<
  Il pacifismo di Jovanotti
<
  La Società Schnell aiuta 'Emergency'
<
  Gli schiavi del cacao
<
  Pittori di Marina
<
  Il miracolo della radio
<
  Un ricordo di Giuseppe Filippini a trent'anni dalla scomparsa
<
  Le reazioni al test psicologico con la silhouette della provinca di Pesaro
<
  Hanno detto
<



Speciale  
  Ematologia: il caso Guiducci
<



Salute  
  La paura dello specchio
<
  Viagra: la tipologia dei consumatori
<
  L'amore con il manager
<



Consumatori  
  L'euro e le nostre tasche
<
  Lo champagne di Franciacorta
<
  Il Caso: Il barbiere furbo
<
  Privacy
<
  Condominio
<
  Banche e Assicurazioni
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello: i pattinatori (5)
<
  I protagonisti 'storici' della Vis Pesaro: Belfanti e Sabbatini
<



Lettere e Arti  
  Bruna Della Chiara,
musa della cultura

<
  Moni Ovadia e la cultura yiddish
<
  Buon Compleanno Renata Tebaldi
<
  Il Premio Pasqualon a Gilberto Lisotti
<
  I poeti sospesi tra il tempo e l'eterno
<
  Un nipote insolente
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa