Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 1999 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Proverbi pesaresi

Estratto dalla raccolta di Gabriele Falciasecca

Teja sprangheda la tén pió che ne 'na sèna.
Teglia accomodata tiene più di una sana.

E' méj a consumè le scarp che i lenzoj.
E' meglio consumare le scarpe che le lenzuola.

Par ste bèn, tocca gì pièn.
Per stare bene bisogna andare piano.

Chi fa bona vita fa bona mort.
Chi vive bene muore bene.

El giovne el pó guarì, mo el vecch l'ha da murì.
Il giovane può guarire, ma il vecchio deve morire.

La febra del continue la schianta le gamb.
La febbre continua indebolisce le gambe.

L'òm sèn el piscia spess com i chèn.
L'uomo sano orina spesso come i cani.

Un'arieténa de fogh e de canténa la fa bèn la sera e la maténa.
Un atmosfera di fuoco e di cantina fa bene di sera e di mattina.

El mèl l'ariva a caval el va via a pid.
La malattia arriva rapidamente e va via con lentezza.

El mèl del déd chi 'nn'el prova en el créd.
Chi non prova il male del dito non ci crede.

La gioventù en c'è òr ch'i la pèga.
La gioventù non ha prezzo.

Chi enn'ha bona testa l'ha bon gamb.
Chi non ha buona testa ha buone gambe.

Chi bév sopra la mnestra, el véd el dotor da la fnestra.
Chi beve con la minestra non ha bisogno del medico.

Per guarì le buganz c'vò el sol de magg.
Per guarire i geloni ci vuole il sole di maggio.

Se s'porta al merched i guèj, ognun archiapa i sua.
Se si portano al mercato i guai, ognuno riprende i suoi.

Chi mòr mòr e chi campa campa.
Chi muore muore e chi campa campa.

El pégg è par chi va.
Il peggio è per chi muore.

La mort l'an guarda in facia ma nisciun.
La morte non ha riguardi per nessuno.

L'òm l'è com el porch: l'è bon sol dop mort.
L'uomo è come il maiale di lui si parla bene solo dopo morto.

Mort brameda, vita slongheda.
Morte desiderata, vita allungata.

Cova fatta, gagia morta.
Nido fatto, gazza morta.

CONSIGLI VARI

Chi s'la chiapa mòr.
Chi se la prende muore.

Guardte da quéj de pél rosc.
Guardati da quelli rossi di pelo.

Guardte dai sgnèd mia.
Guardati da quelli segnati da me.

La rabbia dla sera tocca lascela par la maténa, quella dla matèna par la sera.
La rabbia della sera bisogna lasciarla per la mattina e quella della mattina per la sera.

Aqua e fogh, el Signor i daga logh.
Dall'acqua e dal fuoco iddio ci scampi.

En bsogna metta troppa carna in tel fogh.
Non bisogna mettere troppa carne al fuoco.

Chi ha i dent en ha 'l pèn e chi ha 'l pèn en ha i dent.
Chi ha i denti non ha il pane e chi ha il pane non ha i denti.

Chi ha 'l grèn en ha 'l sach e chi ha 'l sach en ha 'l grèn.
Chi ha il grano non ha il sacco, chi ha il sacco non ha il grano.

Chi mena préma mena dò volt.
Chi mena prima mena due volte.

Chi rid de venerdé, piagn de dmèniga.
Chi ride di venerdì, piange di domenica.

Gnent fa bon par i'occh.
Niente fa bene per gli occhi.

L'è fadiga rubè tla chesa di ledre.
E' fatica rubare nella casa dei ladri.

El bon giorne el s'véd da la maténa.
Il buon giorno si vede dalla mattina.

I sass j'arcasca adoss ma chi i tira.
I sassi ricadono addosso a chi li tira.

In t'un ora nasc un fungh.
In un'ora nasce un fungo.

I véd méj quattr'occh che dò.
Vedono meglio quattro occhi che due.

'Na noc in t'un sac la fa poch chiass.
Una noce sola in un sacco fa poco chiasso.

Enn'è méj ch't'va a sculaciè i baghén a marena.
Non è meglio che vai a sculacciare i maiali al mare.

La stecca la vèn dal zoch.
La stecca viene dallo zocco.

Ogni calc manda avanti un pass.
Ogni spinta manda avanti un po'.

Par forza en s'fa manca l'acét.
Per forza non si fa neanche l'aceto.

Più a sim e più a comparém.
Più siamo e più figuriamo.

Quand s'bala, tocca balè.
Quando si balla bisogna continuare.

L'occh el roba.
L'occhio ruba il mestiere.

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Ferdinando Lungarotti

<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  Fano tra poesia e storia: Messaggi carnevaleschi
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le pietre di Natalia Gasperucci
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<



Opinioni e Commenti  
  L'aborto visto da una donna
<
  Come evitare le liti coi vicini
<
  Lettera aperta ai commercianti: Cercasi personale
<
  Pagate il passo carraio (ma solo se è carraio)
<
  Le norme di sicurezza per gli impianti domestici
<
  Multiproprietà sicura
<
  Un videogame sanguinario
<
  El platano del Trebbie
<
  Proverbi pesaresi
<



Salute  
  L'importanza della dieta
<
  Giovani a settant'anni
<



Lettere e Arti  
  Amilcare Zanella:
una vita per il Conservatorio

<
  Pasqualon, poeta di Pesaro
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  Un baritono marchigiano alla Scala di Milano
<
  Aforismi
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa