Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 1999 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Pagate il passo carraio (ma solo se è carraio)
Che ne pensa il Difensore civico?

La serie infinita di balzelli che rende difficile la vita dei cittadini, annovera, fra i tanti, anche la tassa sui passi carrai: la famosa TOSAP. Migliaia di residenti hanno infatti ricevuto intimazioni di pagamento per tasse relative all'anno in corso e agli anni precedenti: sia da parte dei Comuni di residenza, sia da parte della stessa Amministrazione provinciale, quando si tratta di immobili che si affacciano su strade extra-urbane.

Questo prelievo è dovuto ai Comuni e alle Provincie nel caso in cui si occupino aree pubbliche con modifiche strutturali che permettano l'accesso alle proprietà private. Pertanto sono considerati passi carrabili, soggetti a tassazione, tutte quelle opere murarie o di altro materiale che consentono all'utenza di conseguire un vantaggio per accedere al proprio immobile. Tanto dice la legge 507/93 in merito. Succede, però, che alcuni cittadini con abitazioni a filo con il manto stradale comunale o provinciale, ricevono ugualmente richieste di pagamento della tassa, sebbene oggettivamente non sia presente alcun passo carrabile, senza precise spiegazioni dell'ente impositore.

Sulla questione l'Associazione Consumatori Utenti fa presente che esiste una legge statale che disciplina dettagliatamente condizioni e limiti per l'applicazione della tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche dei Comuni e delle Provincie e fornisce una definizione ben precisa di passi carrai soggetti a tassazione. La normativa, dopo aver disciplinato all'art. 38 l'oggetto della tassa (occupazioni di qualsiasi natura effettuate nelle strade, nei corsi, nelle piazze e, comunque, sui beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile dei Comuni e delle Provincie), all'art. 44 dà una definizione chiara di passo carraio soggetto alla tassa. Precisamente sono considerati passi carrabili quei manufatti costituiti generalmente da listoni di pietra o altro materiale o da appositi intervalli lasciati nei marciapiedi o comunque da una modifica del piano stradale intesa a facilitare l'accesso dei veicoli alla proprietà privata. Inoltre, è espressamente previsto che il tributo non è dovuto per i semplici accessi, carrabili o pedonali, quando siano posti a filo con il manto stradale e in ogni caso quando manchi un'opera visibile che renda concreta l'occupazione e certa la superficie sottratta all'uso pubblico.

Pertanto, i cittadini proprietari di accessi a filo con la strada comunale o provinciale, che non hanno apportato alcuna modifica al suolo pubblico, non devono pagare nulla. Infatti, in questo caso, la tassa configurerebbe un illecito arricchimento senza causa, dato che il tributo ha la sua ragion d'essere solo se presente un passo carrabile, inesistente naturalmente negli immobili posti a filo di strada. Anche nel caso di errore della pubblica amministrazione, resta il fatto che il cittadino per non pagare la tassa, non ha altra via d'uscita che intraprendere lunghi e costosi ricorsi, oppure rassegnarsi a pagare ingiustamente, visto il modesto ammontare degli importi da versare (in genere, fra le 100 e le 200 mila lire all'anno).

Tanto considerato, al di là delle scelte individuali degli utenti, resta l'esigenza di fare chiarezza su questo punto per fornire un'adeguata informazione al cittadino. Poiché il problema rientra nel quadro generale del difficile rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione, riteniamo opportuno investire del problema il Difensore Civico perché approfondisca la questione facendo luce sulla vicenda. E' necessario infatti individuare singolarmente le aree private sottoposte alla tassazione e fornire una chiara spiegazione della norma impositiva. Questo gli utenti si aspettano da quest'organo di controllo, pur nel rispetto dei diritti e interessi contrapposti.

Stefano De Bellis
Presidente
Associazione Consumatori Utenti - Pesaro
Via XI Febbraio 63 - Tel. 0721/33104


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Ferdinando Lungarotti

<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  Fano tra poesia e storia: Messaggi carnevaleschi
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le pietre di Natalia Gasperucci
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<



Opinioni e Commenti  
  L'aborto visto da una donna
<
  Come evitare le liti coi vicini
<
  Lettera aperta ai commercianti: Cercasi personale
<
  Pagate il passo carraio (ma solo se è carraio)
<
  Le norme di sicurezza per gli impianti domestici
<
  Multiproprietà sicura
<
  Un videogame sanguinario
<
  El platano del Trebbie
<
  Proverbi pesaresi
<



Salute  
  L'importanza della dieta
<
  Giovani a settant'anni
<



Lettere e Arti  
  Amilcare Zanella:
una vita per il Conservatorio

<
  Pasqualon, poeta di Pesaro
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  Un baritono marchigiano alla Scala di Milano
<
  Aforismi
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa