Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 1999 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'aborto visto da una donna

Egregio signor Alberto Berardi, leggendo su Lo Specchio n. 17 di gennaio il suo articolo, intitolato "Il dramma dell'aborto", vorrei significarle perché ritengo il suo pezzo ingiusto, manipolatorio e offensivo nei confronti delle donne. Ingiusto, perché lei cita dati, quali i "tre milioni e mezzo di bambini mai nati" senza specificare di che tipo di aborti si tratta e da dove trae questa informazione: omettendo inoltre di specificare dati importantissimi per capire l'evolversi del fenomeno, quale ad esempio il diminuire degli aborti man mano che la contraccezione viene applicata in Italia, e i dati sugli aborti terapeutici (per salvare cioè la vita delle madri o evitare nascite non tanto di bambini ‘diversamente abili' ma di bambini senza speranza di vita). Lei insomma mira a far scandalo senza alcun rispetto per le scelte delle donne.

Manipolatorio, perché lei evita di parlare del fatto che la Legge 194 viene applicata dando ogni possibilità alla donna incinta di scegliere se far avanzare la gravidanza (possibilità che le donne che sostengono la legge hanno sempre difeso), potendo anche poi affidare ad altri genitori il figlio; e soprattutto manipolatorio perché lei chiama "bambini non nati" dei feti non ancora formati e che ogni dato scientifico, sin dagli anni di discussione della legge, ha confermato come ancora parte del corpo della madre (anche i "padri della chiesa", si ricordi, citando Aristotele, avevano ammesso che il feto non possedeva anima sino al periodo della formazione definitiva!); nonostante tutte le pressioni e le retoriche pseudo scientifiche della chiesa cattolica e del Movimento della vita questo rimane un fatto certo e assodato.

Lei afferma che ‘una società malata spinge all'aborto', evidentemente senza alcuna conoscenza dell'elaborazione morale che compie una donna incinta quando decide di abortire: lei offende tutte le donne presentandole come stupide irresponsabili, e tacendo la responsabilità dei maschi nel rifiuto della contraccezione, nella violenza, nella cultura maschilista che vuole una donna obbligatoriamente madre. Lei, infine, dimentica come fa la chiesa cattolica, la storia di morte e sopraffazione che le donne hanno subito nei secoli, anche in Italia, prima della Legge 194, ed usa la retorica moralista cinguettando che questa società, se difende il passero e l'albero, deve difendere anche un feto. Tipica morale di gente che spesso non difende né i passeri, né gli alberi, né tantomeno le donne. Per una donna a volte è necessario scegliere, anche se non è facile, e l'interruzione volontaria della gravidanza spesso evita traumi ben maggiori e difende la libertà delle donne di decidere del proprio corpo e di un embrione che ne fa parte integrante. Certo, i maschi come lei hanno voluto sempre limitare la libertà femminile (emblematica la sua frase ‘questa non è libertà, torniamo alla speranza'): beh, per certi cattolici integralisti l'unica libertà ed umanità è la loro. Lei chiama l'aborto la vergogna del ‘900; io direi che di vergogne ce ne sono altre: lo sapeva che in Italia, sino al '74, grazie alla morale cattolica, chi parlava di contraccezione in pubblico finiva in galera?

Cordialmente sua

Francesca Palazzi Arduini


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Ferdinando Lungarotti

<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  Fano tra poesia e storia: Messaggi carnevaleschi
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le pietre di Natalia Gasperucci
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<



Opinioni e Commenti  
  L'aborto visto da una donna
<
  Come evitare le liti coi vicini
<
  Lettera aperta ai commercianti: Cercasi personale
<
  Pagate il passo carraio (ma solo se è carraio)
<
  Le norme di sicurezza per gli impianti domestici
<
  Multiproprietà sicura
<
  Un videogame sanguinario
<
  El platano del Trebbie
<
  Proverbi pesaresi
<



Salute  
  L'importanza della dieta
<
  Giovani a settant'anni
<



Lettere e Arti  
  Amilcare Zanella:
una vita per il Conservatorio

<
  Pasqualon, poeta di Pesaro
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  Un baritono marchigiano alla Scala di Milano
<
  Aforismi
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa