Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 1998 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Come prevenire la scoliosi
Conoscere e difendere la colonna vertebrale

La Scoliosi è una malattia dell'età evolutiva che deforma la colonna vertebrale, nel periodo della crescita. L'età maggiormente a rischio è tra i 10 e i 14 anni (età scolare: 1^ media - 3^ media; per il sesso maschile anche il primo anno delle scuole superiori). Nelle forme minori colpisce 3-4 ragazzi su cento con una incidenza tendenzialmente pari tra i due sessi; nelle forme più gravi, è necessario un trattamento ortopedico per il 6-7 per mille della popolazione in età scolare, con un'incidenza di otto femmine per un maschio. I casi che richiedono interventi chirurgici sono uno su diecimila. La Scoliosi più subdola è quella idiopatica (di cui non si conosce con certezza la causa); ha caratteristica di evolutività e colpisce soggetti sostanzialmente sani. Insorge in prossimità dello sviluppo puberale e tende ad arrestarsi con la maturazione ossea.

Nella Scoliosi non esiste la "prevenzione primaria". Si può solo attuare una "prevenzione secondaria" che consiste nell'osservazione periodica del soggetto durante l'età a rischio. L'individuazione precoce è la garanzia per un trattamento efficace, che deve mirare al contenimento e all'arresto dell'evolutività della malattia. I vizi di portamento sono i più frequenti, ma sono solo atteggiamenti che curvano la colonna vertebrale a causa di posizioni scorrette mantenute a lungo. Non essendo una malattia, sono facilmente e totalmente correggibili con un breve ciclo di ginnastica posturale e una sana attività sportiva. Dopo quasi vent'anni di esperienza posso tuttavia affermare che la sola attività spesso non è sufficiente. Nei vizi di postura è necessario analizzare tutte le componenti che hanno portato il soggetto ad assumere un atteggiamento viziato e saper consigliare l'attività sportiva, la quale deve essere adeguata alla struttura somatica, alla morfologia della colonna, ma soprattutto al carattere e alla personalità del soggetto portatore del vizio di postura. Il vizio di per sé è correggibile con una sola seduta di ginnastica posturale: non certamente sufficiente a far mantenere la posizione corretta, che si raggiungerà con l'analisi delle componenti sopra citate e con l'acquisizione dei nuovi schemi posturali.

Una deviazione del rachide in Scoliosi può essere causata anche da una "eterometria" degli arti inferiori. In questo caso il medico specialista (e solo lui), dopo attento esame, potrà prescrivere un rialzo che correggerà definitivamente l'inclinazione laterale della colonna.

Come si riconosce

Anche i genitori possono eseguire un semplice controllo. Piegare il bambino in avanti controllando che le gambe siano tese. Se c'è Scoliosi vera, una parte della schiena sarà più alta (anche di pochi millimetri). Questa parte più alta si chiama "Gibbo" e costituisce il segno più evidente della Scoliosi. Se c'è solo un "atteggiamento viziato", nella flessione in avanti non si vedrà alcuna gibbosità, anche se in piedi il soggetto presenta scapole o spalle più basse. Se nella flessione in avanti si evidenzia un "Gibbo", rivolgersi al proprio medico. Lui saprà dare i consigli più opportuni. Potrà consigliare la visita di uno specialista in scoliosi. Importante è seguire i consigli dei sanitari.

Come si cura

Per le Scoliosi da "atteggiamento viziato" il medico potrà prescrivere un ciclo di ginnastica posturale. Le Scoliosi che presentano, invece, un rischio di aggravamento saranno tenute sotto controllo. Se necessario, il medico potrà ricorrere al trattamento ortopedico con corsetto: in questo caso la prescrizione sarà di "ginnastica in corsetto". Il corsetto ha lo scopo di correzione e controllo della curva, mentre la ginnastica costituisce il trattamento fondamentale per utilizzare il corsetto in senso correttivo e per ostacolare gli effetti collaterali del busto, come l'osteoporosi e l'ipotonia muscolare. La ginnastica come pure il nuoto, da soli, non sono una terapia per la Scoliosi idiopatica evolutiva, Il nuoto ha un indubbio valore nel migliorare le capacità cardio-circolatorie, ma nella Scoliosi vera può essere dannoso per la stabilità delle curve, che essendo strutturate su tre piani, vengono sollecitate nel senso della rotazione e della estensione, agevolando l'evolutività della malattia.

Allora quali sport praticare? Sono tutti validi, anche quelli asimmetrici, purché praticati in modo ludico e non agonistico. Oggi si tendono a vietare solo gli sport che iperestendono la colonna, specie in presenza di Scoliosi Lombari. La pratica di una attività motoria è necessaria per migliorare le capacità funzionali e coordinative, carenti in soggetti portatori di gravi deformità scoliotiche. L'importante è non dare allo sport, e al nuoto in particolare, proprietà terapeutiche che non possiede.

Luigi Magarò


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Il bombardamento di Urbania
<



TuttoPesaro  
  Il museo in mostra
<
  L'Angolo della piazza
<
  Proverbi pesaresi
<
  Il Carnevale
<



TuttoFano  
  Fano tra poesia e storia : Il Carnevale
<
  ‘I Mesi' di Fabio Tombari: Febbraio
<
  Le 'Nuvole' di John Betti
<
  Extracomunitari a Fano
<
  Pippo Franco, l'oriundo di Fano
<



Opinioni e Commenti  
  Editoriale: Uomini e cani
<
  Progetto Radioterapia
<
  La vipera matricida
<
  Ritratto di Maurizio Costanzo
<
  Difesa dei consumatori
<
  Usque tandem
<



Salute  
  La forte vecchiaia dell'aquila
<
  Come prevenire la scoliosi
<
  Alimentazione: Alcuni utili suggerimenti
<



Amici Nostri  
  'Natale insieme, amico cane'
<



Lettere e Arti  
  Quale poesia vi piace di più?
<
  La Divina Commedia
in dialetto pesarese:
Avari e prodighi

<
  Se questo è un uomo: ritratto di un citrullo
<
  Verranno i giorni dell'arcobaleno
<
  Aforismi
<
  Diario di una ragazza di città
<
  I graffiti della Tartaruga
<
  Recensioni
<
  Le favole di Fedro
in dialetto pesarese:
Il corvo e la volpe

<
  Poesie
<
  Soluzione a 'Quale vi piace di più?'
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa