Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 1998 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La forte vecchiaia dell'aquila

Questo articolo, scritto all'inizio del 1998 (1426 secondo l'Islam, 2554 secondo il Buddismo, 5758 secondo l'Ebraismo) può essere utile a diffondere la pratica dell'attività sportiva in ogni fascia di età. E' vero infatti che ci sono molti sportivi dilettanti di età matura (noi li chiamiamo old boys); ma tutti potrebbero, e dovrebbero fare uno sport, ognuno secondo le proprie capacità. Il tempo si trova sempre.

E' sempre più evidente come il benessere con l'aumento delle comodità, della meccanizzazione del lavoro, dei mezzi di trasporto abbia portato patologie di vario tipo legate alla sedentarietà: ad esempio cardiovascolari, nervose, metaboliche, scheletriche ecc. Ecco quindi la necessità di sviluppare delle conoscenze, delle motivazioni per formare una cultura sportiva.

Volontà

Prima di tutto ci vuole la volontà, che va allenata con un certo stile di vita fatto di precisione, di qualche rinuncia, di studio: si ottiene così la capacità di concentrazione negli sport estremi. E' stato detto che bisogna stare in pace, con se stessi, con Dio e con gli uomini; perché Dio perdona sempre, gli uomini a volte sì a volte no, ma la natura non perdona mai.

Preciso che con l'età aumentano la cultura, le motivazioni, le convinzioni e la volontà di allenarsi per cui si acquisisce una resistenza sempre maggiore. Alla Marathon des Sables, su 360 partecipanti, ci sono stati solo 20 ritirati, e l'età media dei partecipanti era dai 30 ai 40 anni. Come dire che più si invecchia e più si diventa forti come le aquile.

Sportivi "full-time"

Anche durante i lavori domestici, la casalinga può fare dei movimenti ripetitivi, quindi sportivi. Se si deve flettere per raccogliere un oggetto, può ripetere il movimento 15-20 volte; se deve fare le scale, può ripeterle in su e giù per 10-15 minuti; alla sera tardi, se non si ha tempo prima, o durante la notte se si soffre di insonnia, si può fare mezz'ora di corsa attorno al tavolo (magari con la TV accesa) bevendo un po' di latte tiepido come sonnifero. Durante il lavoro si possono fare esercizi respiratori, movimenti con i piedi, anche stando seduti dietro una scrivania. Lavorerete senza fatica e sarete più riposati sia alla sera che al mattino.

Come si pratica lo sport

L'attività fisica deve essere continua perché si vivacizzino i "circoli capillari collaterali", per cui si crea una circolazione sanguigna sussidiaria che mantiene efficiente l'ossigenazione e quindi la funzionalità dei vari organi come cuore, polmoni, sistema nervoso. Ciò permette di opporsi o perlomeno di rallentare i fenomeni degenerativi, le alterazioni delle cellule dei tessuti e quindi i sintomi degli anni che passano. Però questi "circoli capillari collaterali" nel tempo hanno la memoria sempre più corta; quindi bisogna muoversi tutti i giorni, bastano anche 10-15 minuti di ginnastica.

L'attività fisica deve essere moderata, aerobica, senza affanno, perché ossigenante; come nella corsa a piedi, nel nuoto, nello sci di fondo.

Vantaggi dello sport

E' pur vero che statisticamente viviamo molto, ma bisogna anche migliorare la qualità della vita. A volte, praticando l'esercizio fisico evitiamo o riduciamo la medicalizzazione, le diete e tante altre limitazioni, restando più a lungo autosufficienti e efficienti in ogni emergenza. Se è vero che l'atto sportivo, come ad esempio la corsa, provoca una reazione da stress, allora possiamo dire che questa ci protegge dagli stress della vita quotidiana come un vaccino. Infatti una serie di esercizi fisici equivalgono a tanti piccoli stress: come i virus dei vaccini, ad esempio antinfluenzali, che opportunamente attenuati nella loro virulenza, ci proteggono dalla vera influenza.

Infine c'è anche un buon motivo di filosofia economica, perché costa meno prevenire una malattia che curarla. Prevenzione in medicina significa curarsi quando si sta bene! Cosa c'è allora di meglio che essere o diventare degli old boys?

Carlo A.  Angelucci


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Il bombardamento di Urbania
<



TuttoPesaro  
  Il museo in mostra
<
  L'Angolo della piazza
<
  Proverbi pesaresi
<
  Il Carnevale
<



TuttoFano  
  Fano tra poesia e storia : Il Carnevale
<
  ‘I Mesi' di Fabio Tombari: Febbraio
<
  Le 'Nuvole' di John Betti
<
  Extracomunitari a Fano
<
  Pippo Franco, l'oriundo di Fano
<



Opinioni e Commenti  
  Editoriale: Uomini e cani
<
  Progetto Radioterapia
<
  La vipera matricida
<
  Ritratto di Maurizio Costanzo
<
  Difesa dei consumatori
<
  Usque tandem
<



Salute  
  La forte vecchiaia dell'aquila
<
  Come prevenire la scoliosi
<
  Alimentazione: Alcuni utili suggerimenti
<



Amici Nostri  
  'Natale insieme, amico cane'
<



Lettere e Arti  
  Quale poesia vi piace di più?
<
  La Divina Commedia
in dialetto pesarese:
Avari e prodighi

<
  Se questo è un uomo: ritratto di un citrullo
<
  Verranno i giorni dell'arcobaleno
<
  Aforismi
<
  Diario di una ragazza di città
<
  I graffiti della Tartaruga
<
  Recensioni
<
  Le favole di Fedro
in dialetto pesarese:
Il corvo e la volpe

<
  Poesie
<
  Soluzione a 'Quale vi piace di più?'
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa