Ricerca nel sito: Parola Esatta
Febbraio 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Verranno i giorni dell'arcobaleno

A volte il mio pensiero evade dalla realtà quotidiana e induce la mia mente a trovare rifugio nel passato; e così mi si scandiscono nitidi i ricordi. Ricordi... che il monotono torpore del tempo riesce a farmi rivivere, attimi di spazi diversi che anche a distanza di tanti anni in me restano sempre vivi, ed è in quei momenti che io ti rivedo... madre mia. Ti rivedo... mentre tornavi a casa dal lavoro, in bicicletta, ad ogni incrocio ti fermavi, e per sentirti più sicura... attraversavi a piedi, spingendo la bicicletta a mano. Ciò che rendeva più difficile il tuo percorso era la grossa borsa della spesa che, rigonfia di alimenti, penzolava maldestra e dondolante dal manubrio, sul quale trattenevi a stento la solita fascina di legna che raccoglievi strada facendo. Legna che ardeva vivace, mamma, e riscaldava i cuori dei tuoi cinque figli.

Noi piccoli... ti attendevamo ansiosi, e appena ti vedevamo arrivare (dalla finestra) ti correvamo incontro, felici e curiosi di vedere che cosa ci avevi portato, e facevamo a gara per riuscire ad aprire per primi la borsa della spesa e guardare che cosa c'era dentro. Tu sorridevi felice, mamma, in quel tuo dolce sorriso c'era la gioia del ritrovarci, gioia... che ti infondeva coraggio e che dissipava all'istante ogni tua fatica, e la felicità che tu leggevi nei nostri occhi che ti guardavano ogni giorno... coma la prima volta, ti donava forza... di continuare... a tirare avanti.

Intanto il tempo... pignolo e meticoloso percorreva il suo inesauribile cammino... lento o veloce, a seconda dei casi. Tu mamma, forse ci volevi grandi in fretta, ma nello stesso tempo ci avresti voluto ancora... tuoi teneri cucciolotti, ma il tempo implacabile, come un ragno tesseva la sua tela, e su quella tela era già tracciato ogni nostro destino. Ricordo... di quante volte ci hai consolato, nelle nostre prime e vere preoccupazioni, nei nostri primi dispiaceri, nelle nostre prime delusioni, e la tua forza d'animo, ci rincuorava sempre. Con fare sereno ti avvicinavi, ci accarezzavi, e ci dicevi: "Non è nulla... vedrai che verranno anche i giorni dell'arcobaleno".

E' trascorso tanto tempo da allora, io ed i miei fratelli stiamo percorrendo ognuno la propria strada anche se forse ci siamo distanziati. Tu mamma... non ci sei più, come non c'è più neppure nostro padre, che si è spento poco dopo di te. Ora che io ho raggiunto l'età in cui tu cominciasti a sentirti stanca, posso riconoscere tutte le tue fatiche, le tue preoccupazioni, le tue modeste gioie e le tue segrete pene, ma tutto questo... lo capiranno i miei figli alla mia età? Sono nel dubbio mamma, perché anche se più sofferti, quei tempi che io ricordo, oltre che migliori erano tempi diversi. Ciò nonostante... io continuo a vivere nella mia realtà quotidiana ogni giorno lotto con la lira e cerco in qualche modo di arrivare dappertutto, ogni sera ringrazio Dio della giornata che mi ha dato, ed ogni tanto, quando ho il morale a terra, o forse per farmi coraggio mi ritornano alla mente le tue parole, quelle parole che tu dicevi con infinita speranza, quella speranza... che fino all'ultimo ti ha aiutato nel dolore e nella sofferenza. "Non è nulla Anna... (mi dicesti prima di morire) passerà... e vedrai... che verranno anche i giorni dell'arcobaleno".

Anna Casi


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Il bombardamento di Urbania
<



TuttoPesaro  
  Il museo in mostra
<
  L'Angolo della piazza
<
  Proverbi pesaresi
<
  Il Carnevale
<



TuttoFano  
  Fano tra poesia e storia : Il Carnevale
<
  ‘I Mesi' di Fabio Tombari: Febbraio
<
  Le 'Nuvole' di John Betti
<
  Extracomunitari a Fano
<
  Pippo Franco, l'oriundo di Fano
<



Opinioni e Commenti  
  Editoriale: Uomini e cani
<
  Progetto Radioterapia
<
  La vipera matricida
<
  Ritratto di Maurizio Costanzo
<
  Difesa dei consumatori
<
  Usque tandem
<



Salute  
  La forte vecchiaia dell'aquila
<
  Come prevenire la scoliosi
<
  Alimentazione: Alcuni utili suggerimenti
<



Amici Nostri  
  'Natale insieme, amico cane'
<



Lettere e Arti  
  Quale poesia vi piace di più?
<
  La Divina Commedia
in dialetto pesarese:
Avari e prodighi

<
  Se questo è un uomo: ritratto di un citrullo
<
  Verranno i giorni dell'arcobaleno
<
  Aforismi
<
  Diario di una ragazza di città
<
  I graffiti della Tartaruga
<
  Recensioni
<
  Le favole di Fedro
in dialetto pesarese:
Il corvo e la volpe

<
  Poesie
<
  Soluzione a 'Quale vi piace di più?'
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa