Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2008 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Segnalazioni editoriali

Fabio Caffarena, docente di Storia contemporanea all'Università di Genova, ha presentato il volume di Mario TintiIn faccia alla morte. Diario di un fante 1915-1918”, a cura di Luca Gorgolini. La Grande Guerra – al di là delle sconvolgenti tecnologie distruttive, della morte di massa, dell'effetto dirompente sui legami sociali e affettivi di milioni di uomini – si rivelò anche un grande “laboratorio di scrittura”: moltissimi fanti impararono a scrivere nel corso del conflitto e molti, in quelle circostanze drammatiche, sentirono per la prima volta il bisogno di scrivere con assiduità finendo per familiarizzarsi, nelle forme della diaristica ma anche dell'epistolario, con una pratica non del tutto sconosciuta ma certo molto meno frequente prima di allora. Mario Tinti (1894-1965), calzolaio di San Lorenzo in Campo, prese parte al conflitto mondiale dai giorni della mobilitazione fino a Caporetto, quando fu fatto prigioniero. Le pagine scritte nel diario sono “per se stesso”, non destinate alla pubblicazione; e quindi riflettono senza reticenza – proprio perché non temevano la censura militare – i giorni in trincea sul Carso “orribile”, i combattimenti, le pause nelle retrovie, la rotta di Caporetto con la fuga di migliaia di civili, infine l'angustia della vita in un campo di prigionia.

Alexis de Tocqueville, un ateo liberale”, cura e saggio introduttivo di Paolo Ercolani, studioso dell'Università di Urbino (Dedalo editore), è un libro che ripercorre la straordinaria vicenda umana, storica e filosofica del grande pensatore e uomo politico francese che, nell'Ottocento, seppe come nessun altro ricostruire e disegnare l'identità dell'Occidente cristiano, fra Europa e Stati Uniti: Paese ove compì un viaggio che lo condusse alla scrittura della celebre Democrazia in America. Dal libro emerge un Tocqueville ateo (quando la vulgata italiana lo vorrebbe cattolico liberale), precursore dello scontro fra le civiltà (le sue pagine violente e sprezzanti sull'Islam ricordano quelle della Fallaci), ma soprattutto tutt'altro che appiattito sulle spinte reazionarie che caratterizzavano il clero romano nella metà dell'Ottocento. “Tocqueville era ministro degli Esteri quando la Francia inviò le sue truppe per reprimere la straordinaria avventura della Repubblica Romana, condotta da Mazzini e Garibaldi – spiega Ercolani – e ciò ha condotto gli interpreti a vedere un Tocqueville fiero difensore del potere temporale della Chiesa e di Pio IX. In realtà, ricostruendo la vicenda, si vede che Tocqueville si insediò come ministro il giorno stesso della partenza dell'esercito francese, trovandosi quindi a gestire decisioni prese dai predecessori; mentre dalla sua corrispondenza privata e dai discorsi parlamentari emerge una fortissima critica della politica oscurantista di Pio IX e della Chiesa di Roma in genere, contraria fino all'ultimo al percorso che stava conducendo all'unificazione dell'Italia”.

Cosa è successo alla Befana? Perché non vuole più portare le calze ai bambini? Stanca di girare con vestiti logori, scarpe tutte rotte e capelli in disordine, un freddo pomeriggio d'inverno Bef decide di cambiare vita: getta nel fuoco la sua scopa Brum Brum, spende tutti i risparmi per comprare borse, scarpe e abiti alla moda, poi consulta gli esperti per ringiovanire. Ma non tutto va come vorrebbe.... E' la fiaba “La Befana... senza calze” di Giovanna Renzini, con illustrazioni di Alessandra Bagnoli, edita da Neftasia editore in collaborazione con l'associazione Casa della Befana di Urbania. Il libro verrà presentato domenica 14 dicembre, alle ore 17.30, alla Biblioteca San Giovanni di Pesaro, nell'ambito della rassegna “Palinsesto cultura” della Provincia. Un omaggio “goloso” è previsto per tutti i bambini presenti.

Esce a dicembre nelle librerie di Pesaro “Piccolo piccolo…Anzi grandissimissimo”, a cura di Simona Vezzuto Alfeo, edito da Melchiorri Arti grafiche. Si tratta di una raccolta di fiabe e poesie per bambini di tutte le età, ispirate alla valorizzazione dei diritti dei più piccoli, capaci di scoprire il grande segreto della vita. I testi sono “interattivi”, invitano cioè il lettore a intervenire con commenti o disegni, partecipando attivamente alle vicende degli eroi. Il libro include la testimonianza del pediatra Roberto Corbo, impegnato in questi giorni in una missione in India, mirata prevalentemente alla cura della malaria e della meningite. Le illustrazioni sono curate dal ceramista pesarese Franco Battisodo, le musiche incise nel CD accluso al libro sono opera di Cristiano Filippini, giovane promessa nell'ambito della composizione.

Ghego Bianchini, numanese d'origine ma pesarese d'adozione, ha presentato nella sala del Consiglio comunale il suo secondo libro, dal titolo: “Tra il fico e il giuggiolo”, Walter Stafoggia Editore. Il primo libro ("Il direttore con la pistola") aveva riscosso un ottimo successo di pubblico e di critica, tanto che l'autore era stato chiamato, in più occasioni, come ospite al “Maurizio Costanzo Show”. Anche questo libro è un compendio di brevi racconti, incentrati su "persone comuni", ma dalle quali Ghego ha saputo trarre insegnamenti importanti per la propria vita, memore appunto dell'insegnamento dello scrittore brasiliano Paulo Coelho che dice: "lo straordinario risiede nel cammino delle persone comuni". Il ricavato della vendita del libro verrà devoluto in beneficenza alla Lega del Filo d'Oro di Osimo, che cura i bambini sordo-ciechi.

Ha per titolo “La visita” il nuovo libro di Anna Matteucci (Neftasia editore), presentato in Provincia nell'ambito della rassegna “Palinsesto cultura”. Il libro ci porta ad Urbino, dove il 29 giugno 1623 il diciottenne duca Federico Ubaldo, ultimo rampollo dell'illustre dinastia Roveresca, viene trovato morto nel suo letto. Si tratta di un delitto, o del tragico scambio di pietanze avvelenate destinate alla sua amante, l'attrice Argentina, oppure di una morte naturale? Pochi mesi dopo, il Capitano Guido da Sanvitale indaga su due feroci delitti che forse sono legati a quella morte misteriosa. Dalle prime nebbie autunnali emergono personaggi inattesi e inquietanti: lupi, frati briganti, angeli e cantastorie. Ma l'atmosfera visionaria e magica nasconde una logica complessa e spietata... Anna Matteucci, urbinate, appassionata d'arte e di storia della città ducale, alterna il lavoro di pittrice con la scrittura. Ha già pubblicato con la casa editrice Neftasia il romanzo “Rosso cupo”. Da alcuni anni vive e lavora a Fossombrone.

E' stato presentato a Pesaro alla biblioteca San Giovanni il libro “Demonio”, opera prima di Graziano Diana, noto regista e sceneggiatore, con un curriculum di tutto rispetto nella cinematografia italiana (“Canone inverso”, “La scorta”, “Ultimo”). “Il Demonio” parte da un tragico fatto di cronaca, una strage della follia che avviene tra le mura domestiche dove il protagonista, al quale è stata sterminata la famiglia, comincia una sua personale indagine per nulla convinto dalla verità degli inquirenti. Inizia così un viaggio che lo porterà a scontrarsi con figure diaboliche e a combattere per la propria salvezza, dal male e da un destino peggiore della morte. Un perfetto romanzo dell'orrore, ma anche un libro che parla di pietà e dolore, di rabbia, passione e dell'abisso che c'è in ogni uomo.

Alessandro Forlani è l'autore del romanzo “Tristano” (Editore Joker). “Nella cupa immobilità di un paese senza tempo, in cui ognuno è costretto a svolgere un proprio ruolo senza possibilità di affrancarsi dalla classe sociale d'appartenenza, il benessere equivale ad un crimine e la speranza è bestemmia”. E' questo il contesto ambientale di un romanzo allegorico, corrosivo, bizzarro, nichilista, che si scosta dal classico fantasy di spada e magia, e scorre tuttavia come una fiaba con tanto di eroi, battaglie, mostri e aiutanti stregati. I protagonisti, Tristano, Otre e Agnes, sembrano rappresentare i tre stati dell'Ancien Regime: la nobiltà, una sorta di clero uso alla violenza piuttosto che alla preghiera e il “terzo stato”, in cui ognuno agisce all'interno di una logica del “Tutto cambia, niente cambia”.

Fabio Aviano è l'autore del romanzo-diario “Tra gola e cuore” (editrice Nuovi autori). E' il diario esistenziale di un giovane pesarese che ha attraversato la bulimia e l'anoressia. Dalla guarigione ad oggi, Aviano ha già allestito due mostre di quadri e scritto molte poesie. Bulimia e anoressia possono considerarsi due facce della stessa medaglia; le cause scatenanti di questo disturbo possono essere di natura sociale (come appartenere a una famiglia in cui esiste un'oggettiva difficoltà a comunicare) e si manifestano prevalentemente con una prova di forza: il controllo sul cibo, che accresce l'autostima, per cercare di realizzare l'identità. E' quello che è successo a Fabio Aviano, che ha tentato per ben dieci anni di mantenere sotto controllo la propria vita, le proprie sofferenze e il proprio mondo.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  La guerra sull'asfalto
<



Speciale Natale  
  Auguri di Buon Natale
<
  Candele a Candelara
<
  Un Manzoni per Natale
<
  Una “Pigotta” per un bambino
<
  Letterina di Natale - Il pagliericcio vuoto
<
  Artruvè el Nadèl
<



TuttoPesaro  
  I 100 anni di Umberto Cardinali
<
  Acacia Scarpetti e il Piano del San Bartolo
<
  Il dono della 'Fattora'
<
  Il falegname artista
<
  Un conto di 230 euro per quattro persone
<
  Per mezzo secolo fedele
<
  Pesaro SU e GIU'
<
  Il centro culturale 'Maria Rossi'
<



TuttoFano  
  I campioni della 'Fortuna d'oro'
<
  A Casanova il Premio Federichino
<
  Piano regolatore e mobilità
<
  Il rifugio per bimbe di Lucia Di Lüttichau
<



Storia  
  Pillole di storia: Il terremoto di Messina
<
  La rivincita di Pearl Harbour
<



Opinioni e Commenti  
  L'elezione di Barack Obama a presidente degli Stati Uniti
<
  Hanno detto
<
  L'Europa schiacciata tra Usa e Urss
<
  Confartigianato: 'bonus sociale' sulle bollette elettriche
<



Società  
  Basta con le auto in centro!
<
  Il forno solare a scatola
<
  I 4000 numeri della Settimana Enigmistica
<
  Voci su Internet: l'uomo tecnologico
<
  Voci su Internet: Immagini dal mondo
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: La forza del collettivo
<
  Volley rosa: l'invincibile armata
<
  Lo Sport per diventare 'Grandi'
<
  Kung fu: ori e argenti all'Europeo di Lugano
<



Lettere e Arti  
  Mario Melani ambasciatore del belcanto
<
  Marina con porto e navi
<
  Franco Bucci al MIC di Faenza
<
  Il calendario di Bruno Baratti
<
  Visti da vicino: Umberto Piersanti
<
  Grande apertura di stagione al Teatro Rossini
<
  Serata teatrale per i 40 anni dell'Ottica Venturi
<
  Piccoli per teatri
<
  Il restauro della chiesa di S. Francesco
<
  Mario Mariani tra Londra e Tallin
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa