Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2008 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Mario Melani ambasciatore del belcanto


Per arrivare all'Accademia di Canto “Città di Pesaro” Tebaldi-Del Monaco è necessario salire tre piani di scale. Sessantadue gradini. E non c'è ancora l'ascensore. Arrivo in cima con un po' di fiatone; il Maestro Melani, classe 1917, mi accoglie con un sorriso e un abbraccio vigoroso.

Maestro, lei ogni mattina sale fin quassù?
“Perbacco, anche due volte al giorno. Entro gennaio avremo l'ascensore, ma, le dico la verità, se le mie gambe lo permetteranno, non lo userò!
Mario Melani, pesarese, 91 anni straordinariamente ben portati, è stato ed è un grande ambasciatore del canto; prima come baritono, poi come docente, ne ha favorito la diffusione in tutto il mondo.
“Esordii come cantante a 23 anni, a Taranto, nell'ambito delle celebrazioni del bicentenario di Giovanni Paisiello, dirette da Amilcare Zanella; quel giorno, con me, debuttò anche il grande Mario Del Monaco. Mario ed io eravamo come fratelli, studiavamo ed abitavamo assieme. Ricordo con nostalgia quando, a piedi, di buon mattino, andavamo a prendere Arturo Melocchi, nostro insegnante, nella sua casa di via Passeri, per poi proseguire, tutti insieme, verso il Conservatorio; ogni giorno lungo la strada ci offriva un cappuccino. Egli fu per noi un grande maestro di canto e di vita”.

Le critiche sulle sue performance artistiche erano più che lusinghiere, c'era quindi la prospettiva di una carriera di cantante. Poi arrivò la guerra…
“Poco dopo aver conseguito il diploma al Conservatorio, dovetti andare anch'io sotto le armi. Mi mandarono in Jugoslavia e, dopo l'8 settembre, a Dubrovnik, divenni prigioniero dei tedeschi; insieme a tanti altri venni sbattuto su un treno con destinazione il lager di Tangermunde, in Germania. Non vi restai per molto: non volevo assolutamente essere chiamato per numero, fu per questo che riempii di botte una guardia, rischiando la fucilazione. Mi spedirono a Colonia, in una miniera di carbone, 600 metri sottoterra. E lì cantavo per darmi forza, energia, per continuare a sentirmi vivo. Un giovane soldato tedesco, studente del Conservatorio, mi sentì e convinse il suo superiore a darmi l'incarico di formare una piccola compagnia musicale, con la quale portavamo qualche momento di svago negli altri lager. Venivamo ricompensati con delle pagnotte che dividevamo con i nostri compagni di prigionia. Una sera, di ritorno da uno di questi piccoli concerti, ci trovammo di fronte un'immagine infernale: un bombardamento aveva distrutto il nostro lager. Il canto mi aveva salvato la vita! Scappai per i campi sotto l'infuriare dei bombardamenti americani e raggiunsi la libertà grazie anche ad una famiglia tedesca (ma le famiglie non hanno nazionalità) che mi tenne nascosto per molti giorni. Da tempo ero solo un numero, in quella casa mi trattarono con affetto, consentendomi, poco a poco, di ritornare alla vita”.
Il dopoguerra fu, per tutti, un periodo di improvvisazione; riprendere da dove si era interrotto non era possibile. Melani fu invitato in Argentina, dove per un anno cantò alla radio “L.U. 9”  di Mar del Plata. Fu là che cominciò l'attività di didatta presso il prestigioso Teatro “Colon”: tutti i più grandi nomi dell'arte canora argentina furono suoi allievi. Ritornato in Italia, nel 1970, invitato da Marcello Abbado, con al seguito 12 allievi argentini, Melani continuò ad insegnare presso il Conservatorio “Rossini” di Pesaro e in vari teatri e università nel mondo, fra cui il Teatro “alla Scala” di Milano. Ha inoltre costituito tre accademie di canto, trasferendovi la sua competenza e la sua fama: a Osimo, a Cagli e a Pesaro, nella sua città natale.
Conversare con questo ragazzo di quasi 92 anni dà sensazioni speciali. Nel raccontarmi la sua giornata, rivela che “a volte di notte non dormo, allora penso, progetto e magari si accende qualche lampadina”. I suoi occhi, lucidi quando racconta gli amici perduti, la guerra, il passato, si illuminano parlando di musica.

Qual è il compositore che la emoziona di più?
“Amo Puccini, Beethoven, classicista meraviglioso, il nostro Rossini, travolgente dal punto di vista tecnico. Ma Mozart…ah Mozart, a mio avviso è il più grande, un genio; la sua musica mi dà ogni volta sensazioni straordinarie!”.

L'Accademia è intitolata a Mario Del Monaco e a Renata Tebaldi…
“Stiamo parlando della più grande cantante d'opera. Se facciamo un confronto con Maria Callas, possiamo dire che quest'ultima, ammaliante e carismatica, era anche una grande attrice e conferiva un'enfasi straordinaria ai suoi personaggi; ma la voce con cui la Tebaldi interpretava le eroine del pentagramma era di una bellezza inarrivabile”.

Un'ultima domanda: nei suoi sogni giovanili lei ambiva a diventare un grande cantante. Rimpianti?
“Subito dopo la guerra potevo averne; poi il contatto con gli allievi, l'assimilazione dei loro sogni, vederli diventare cantanti… sono gioie immense, che non hanno prezzo. Ancora oggi quando vedo un allievo riuscire a fondere l'anima con il corpo dando, così, bellezza al canto e alla sua interpretazione, provo una forte emozione. Rimpianti oggi non ne ho!”.
Scendendo le scale dell'Accademia, ripenso a Mario Melani, alla sua energia, ai suoi occhi, vivaci e curiosi come quelli di un bambino. E ho l'esatta percezione di cosa sia la giovinezza.

Lamberto Bettini

Una scuola internazionale

“La peculiarità della nostra Accademia – ci dice il presidente Massimiliano Dall'Osso – è la sua dimensione internazionale: il 99% degli studenti, infatti, è di origine straniera. Tant'è vero che la nostra associazione è molto più conosciuta all'estero che in Italia. Da cinque anni l'Accademia è gemellata con la fondazione umanitaria Degdar di Almaty in Kazakhstan; da allora numerosi studenti kazaki hanno varcato la soglia della nostra scuola. Lo scorso settembre il sindaco Ceriscioli, l'assessore alla Cultura Bartolucci, il maestro Melani e il sottoscritto sono stati ospiti di Almaty, città kazaka. Abbiamo ricevuto un'accoglienza straordinaria e fra le due città è nata grande voglia di collaborare, tanto che è già stato deliberato un futuro gemellaggio che avrà come sottofondo musicale un trittico pucciniano.
Infine con il Salotto Culturale che sarà costituito a breve, vorremmo dare dignità a tutte le espressioni artistiche attraverso un luogo d'incontro per le persone che amano la cultura in tutte le sue accezioni”.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Primo Piano  
  La guerra sull'asfalto
<



Speciale Natale  
  Auguri di Buon Natale
<
  Candele a Candelara
<
  Un Manzoni per Natale
<
  Una “Pigotta” per un bambino
<
  Letterina di Natale - Il pagliericcio vuoto
<
  Artruvè el Nadèl
<



TuttoPesaro  
  I 100 anni di Umberto Cardinali
<
  Acacia Scarpetti e il Piano del San Bartolo
<
  Il dono della 'Fattora'
<
  Il falegname artista
<
  Un conto di 230 euro per quattro persone
<
  Per mezzo secolo fedele
<
  Pesaro SU e GIU'
<
  Il centro culturale 'Maria Rossi'
<



TuttoFano  
  I campioni della 'Fortuna d'oro'
<
  A Casanova il Premio Federichino
<
  Piano regolatore e mobilità
<
  Il rifugio per bimbe di Lucia Di Lüttichau
<



Storia  
  Pillole di storia: Il terremoto di Messina
<
  La rivincita di Pearl Harbour
<



Opinioni e Commenti  
  L'elezione di Barack Obama a presidente degli Stati Uniti
<
  Hanno detto
<
  L'Europa schiacciata tra Usa e Urss
<
  Confartigianato: 'bonus sociale' sulle bollette elettriche
<



Società  
  Basta con le auto in centro!
<
  Il forno solare a scatola
<
  I 4000 numeri della Settimana Enigmistica
<
  Voci su Internet: l'uomo tecnologico
<
  Voci su Internet: Immagini dal mondo
<



TuttoSport  
  Scavolini-Spar: La forza del collettivo
<
  Volley rosa: l'invincibile armata
<
  Lo Sport per diventare 'Grandi'
<
  Kung fu: ori e argenti all'Europeo di Lugano
<



Lettere e Arti  
  Mario Melani ambasciatore del belcanto
<
  Marina con porto e navi
<
  Franco Bucci al MIC di Faenza
<
  Il calendario di Bruno Baratti
<
  Visti da vicino: Umberto Piersanti
<
  Grande apertura di stagione al Teatro Rossini
<
  Serata teatrale per i 40 anni dell'Ottica Venturi
<
  Piccoli per teatri
<
  Il restauro della chiesa di S. Francesco
<
  Mario Mariani tra Londra e Tallin
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa