Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2001 / Speciale
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Sì globalizzazione, no colonizzazione

Mentre l'esercito talebano cede in pochi giorni metà Afghanistan ai mujahiddin e sembra liquefarsi, anche se sul suo arsenale chimico e forse atomico permangono molte preoccupazioni, gli americani iniziano a pensare che la cattura di Bin Laden sia possibile e forse vicina. Ipotizzando che ciò accada veramente ed immaginando che di conseguenza la rete terroristica Al Qaeda venga alla fine eliminata o comunque molto ridimensionata, qualcuno penserà che l'incubo sia finito, l'ordine mondiale ristabilito e che il capitalismo selvaggio e la globalizzazione incontrollata e senza regole abbiano trionfato, ristabilendo una pace duratura e definitiva sul pianeta.
Questo è un errore che dimostra una visione storica approssimativa e superficiale; se si vuole capire la storia, bisogna scavare a fondo per individuare il nocciolo dei problemi. E' vero che questa guerra è stata dichiarata “santa” da un criminale ed in modo unilaterale, ma le cause profonde del problema non derivano solo dal conflitto tra ebrei e palestinesi, che hanno tranquillamente continuato ad ammazzarsi prima durante e dopo, né da uno scontro con la civiltà e la religione islamiche in gran parte moderate. Se non iniziamo subito a fare qualcosa di concreto, il futuro potrebbe sorprenderci di nuovo, consegnandoci altri atti di terrore, altre guerre ed altri personaggi simili a Bin Laden.
Io non sono un militante anti-global, ma penso che uno degli errori nel filo conduttore della storia contemporanea, si annidi proprio in un nostro concetto sbagliato della globalizzazione. Non è una banalità pensare che fame e miseria provochino perdita della stima personale, disinteresse alla vita, disperazione, ribellione, fanatismo e che di conseguenza alimentino il terrorismo. Quest'ultimo, come ho già detto altre volte, è un fenomeno universale, non legato al solo mondo islamico ed è generato in teoria da fanatismi religiosi o idealistici; ma, guarda caso, esiste soprattutto nei Paesi più poveri. L'essenza stessa dell'uomo che possiede un'anima, una ragione, una moralità e perciò un'idea della giustizia, è poco propensa a farsi sopraffare, affamare e sottomettere senza prima o poi reagire.
Per quanto riguarda il progresso, per fortuna l'umanità si è sempre evoluta, anche quando la globalizzazione non esisteva e non era lontanamente immaginata neppure dai veggenti o dagli stregoni: si tratta di un fenomeno del nostro tempo. Essa è insita nella nostra civiltà, nel progresso tecnologico, ma forse è una tappa che in ogni caso sarebbe stata raggiunta; non è negativa in se stessa, apre scenari di progressi e miglioramenti, ma contiene come tutte le cose aspetti positivi e negativi, con possibilità di sviluppo augurabili o nefaste. Sviluppi nefasti quando vogliamo esportare i nostri valori e la nostra civiltà, proponendo un processo che punta alla costruzione di sistemi sociali e tecnologici giganteschi, estesi ad ogni angolo del globo e con le stesse identiche caratteristiche del nostro modello di vita, magari annientando minoranze isolate o culture fragili. Nefasti anche, quando la globalizzazione è presentata come una nuova forma di colonizzazione, volta ad instaurare dovunque lo stesso rapporto con la storia, gli uomini, gli dei. Nefasti ancora, quando le statistiche, quelle serie, ci indicano come nel mondo il rapporto tra il 20% più ricco ed il 20% più povero è passato in trent'anni da 30 a 1, a 60 a 1; o come l'86% dei decessi mondiali per AIDS avviene in Africa, ma il 95% delle spese mediche per combattere il virus riguarda il 5% della popolazione occidentale.
Sviluppi che diventano invece augurabili e positivi, quando ciò che viene messo in comune è l'informazione, la conoscenza, il progresso, la comprensione degli altri, la condivisione dei valori e delle ricchezze. Ormai lo hanno capito in molti; intellettuali, sociologi, scienziati, religiosi come il Papa e politici come Prodi, Kofi Annan, Chirac, Bush.
Torniamo alla storia e rendiamoci conto che da quando George Washington dichiarava che “è follia per una nazione aspettarsi aiuto disinteressato da un'altra” e John Foster Dulles sosteneva che ”Gli Stati Uniti non hanno amici, ma solo interessi”, è passato molto tempo: siamo nel ventunesimo secolo e andiamo verso la globalizzazione dell'intero pianeta, cioè una grande possibilità, che va però utilizzata con estrema saggezza ed attenzione.

Marco Ceccolini


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio: Arnaldo Pomodoro
<



TuttoPesaro  
  Elvidia Ferracuti:
una voce, poco fa...

<
  Aiutiamo la speranza
<
  Pesaro in fiore
<
  Il 'fregio' della Provincia
<
  Vogliamo un docente di ruolo!
<



TuttoFano  
  I cinesi sott'olio
<
  Gli incontri culturali del Circolo 'Bianchini'
<
  Sapori e aromi d'autunno
<
  La Bottega di Mastro Archilei
<



Opinioni e Commenti  
  Il quadrilatero fantasma
<
  Attualità di don Sturzo a 130 anni dalla nascita
<
  Drogarsi per non soffrire?
<
  Preghiera di un donatore d'organi
<
  Professioni allo Specchio - Il Panettiere
<



Speciale  
  Chi è Bastian Contrario?
<
  Libertà per ogni cultura
<
  Sì globalizzazione, no colonizzazione
<
  La moltiplicazione dei pani e dei pesci
<
  La giustizia di Bin Laden
<
  Il sondaggio
<
  Lo scambio di culture
<
  I Templari alle Crociate
<



Salute  
  La bellezza femminile attraverso i secoli
<
  Ci sono anche gli estetisti seri
<
  Bellezza e fragilità delle over 50
<
  L'amore sul luogo di lavoro
<



Società  
  Scoperta la vera formula per calcolare il valore di un augurio
<
  Lo sfruttamento dei bambini
<
  Non mi piace correre inseguito dai cani
<
  Gatta ci cova!
<
  “Chi ha paura del lupo cattivo?"
<
  Lasciateci vivere il nostro consumismo
<
  Una vacanza in ospedale
<
  Contropelo: L'inglese maccheronico dell'interprete TV
<
  Voci su Internet
<



Consumatori  
  Chi c'è dietro Bin Laden?
<
  Elogio dell'olio d'oliva
<
  Il Caso: Un menù troppo magro
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Le risposte dell'ACU
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello: i pattinatori (3)
<
  I protagonisti 'storici' della Vis Pesaro: Stabellini
<



Lettere e Arti  
  Lo scultore Pedini e la Scuola d'Arte
<
  Sipario d'Inverno: i 'musici in scena'
<
  Benelli: la 'rossa' di Pesaro
<
  L'arte dello spettatore
<
  Il presepe nel buio
<
  'Appunti' Dolcini per Logli
<
  Artisti in mostra
<
  Fioriscono i poeti
<
  Vivere per scrivere
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa