Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 2000 / Speciale Immigrati
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Il Centro di Solidarietà

Il Centro di accoglienza gestito dal Centro Italiano di Solidarietà, in convenzione con il Comune di Pesaro, accoglie fino a 60 persone ed è il primo e il più grande della regione. Fondato quasi dieci anni fa, può contare su operatori presenti 24 ore su 24, che cercano di instaurare un rapporto umano con gli ospiti e non solo di controllare. Esiste un regolamento interno che va rispettato, ma che si limita a suggerire quelle che sono le minime regole di convivenza tra un numero così alto di persone, che inoltre provengono da paesi con abitudini e culture differenti. Il Centro offre la possibilità di una grande cucina, di un servizio di lavanderia, di una sala per incontri e svaghi, una sala per la televisione, un campo per giocare a calcio ed un locale dove i musulmani possano pregare.

Strettamente legato al Centro, per le persone ospitate, ma anche per tutte le persone residenti nella zona, esiste da molti anni un Centro Servizi per Immigrati. Il Centro è formato da due uffici che sono diventati un punto di riferimento per gli stranieri che vivono nella zona e per i nuovi arrivati. Segue un'utenza di oltre duemila casi all'anno e coordina tutti gli interventi a favore degli immigrati. In un ufficio opera l'assistente sociale con funzioni di presa a carico di persone minori ed adulte con problemi particolari; con attività di prima accoglienza (come la distribuzione di buoni pasto e gli aiuti economici); con la programmazione degli inserimenti al Centro d'accoglienza; inoltre mantiene i contatti con l'Ufficio Stranieri della Questura. L'altro ufficio, gestito da me e un collega, si occupa di inserimento lavorativo, di progettazione e coordinamento di corsi di formazione professionale, di sostegno per l'insegnamento della lingua italiana e, attraverso avvocati e medici volontari, di aiuto medico e legale gratuito per gli immigrati in difficoltà. Per quanto riguarda l'inserimento lavorativo, il nostro lavoro consiste nel preparare schede dove vengono valutati tutti gli aspetti della persona in cerca di lavoro e cioè dall'età al luogo dove vive, dalle esperienze lavorative agli studi effettuati; e una serie di altri dati che ci permettono di valutare, in base alle offerte di lavoro della nostra banca dati formata da circa 500 aziende contattate nel corso degli anni, l'inserimento lavorativo più adatto per l'interessato. L'ufficio si preoccupa anche di seguire costantemente il personale avviato al lavoro e di mantenere stretti contatti con le ditte al fine di risolvere problemi di tipo burocratico, legale o lavorativo che si possono presentare, risultando così uno strumento efficace sia per i datori di lavoro sia per gli stranieri che lo cercano.

Gli immigrati non hanno alle spalle decenni di rivoluzione industriale, ma hanno una mentalità molto diversa dalla nostra, soprattutto quelli provenienti dalle zone rurali. Non comprendono puntualità, precisione, produttività, sono permalosi e a volte si licenziano, anche se nelle fabbriche esistono, come abbiamo rilevato personalmente, episodi di intolleranza e razzismo. Tornano spesso tardi dalle ferie, cosa comprensibile vista la distanza dai loro paesi d'origine, con il risultato di riempire il nostro ufficio ogni anno a settembre di persone in cerca di lavoro magari per la terza o la quarta volta. Il problema sta nel fatto che non si mettono d'accordo con l'azienda dove lavorano (che di solito è disposta a trovare una soluzione) e comunque non comunicano l'eventuale ritardo. Alcuni pensano che lo stipendio, come al mercato, vada contrattato con il datore di lavoro, essendo fuori dalla loro mentalità il contratto collettivo di categoria. Si ammalano spesso, anche se capita che in realtà stiano benissimo, né si preoccupano di fare o recapitare i documenti medici necessari. D'altra parte esistono datori di lavoro che sfruttano la non conoscenza delle leggi da parte degli immigrati, facendoli lavorare di più, non mettendoli in regola, magari non pagandoli neppure, insomma sfruttandoli (ciò vale soprattutto per i clandestini).

Naturalmente non si può generalizzare, perché i più motivati (soprattutto persone con alta scolarizzazione o persone che hanno bisogno di lavorare per riunirsi alla famiglia) si inseriscono più facilmente e rapidamente. Ma vanno evidenziati anche i molti aspetti positivi che fanno pensare all'immigrazione, se numericamente controllata, come ad un fenomeno globalmente positivo. Alcuni esempi: Malika, ragazza marocchina, molto religiosa, esperta in informatica, è stata inserita nel settore amministrazione di un'azienda di Pesaro, diventando capo-settore insostituibile secondo il titolare della ditta; continua ad andare al lavoro con il chador al quale non rinuncerà mai. Adel, giovane ragazzo egiziano, con il nostro aiuto, ha costituito un'agenzia di traduzioni e di import-export con il suo paese. Carlos, sudamericano, muratore specializzato, ha costituito un'azienda edile che ora sta assumendo anche personale italiano. Martina, medico chirurgo proveniente dai paesi dell'Est ed altamente specializzata, verrà assunta presso un Istituto medico della provincia. Gorny e Dimitri, ingegneri specializzati rispettivamente in aeronautica e meccanica, li abbiamo inseriti già da tempo in aziende metalmeccaniche della provincia. Mohamed è un lavoratore autonomo, fa l'idraulico nella nostra città da tanti anni; è molto ricercato per la sua abilità e i suoi compensi non eccessivi. Queste persone provenienti da diversi Stati sono solo alcuni esempi, che aumenteranno con il passare del tempo, dell'aspetto positivo insito nel processo migratorio che interessa il nostro paese.

Se l'immigrazione all'inizio riguardava essenzialmente gli uomini, ci troviamo oggi di fronte ad un aumento notevole delle donne (che secondo i nostri dati si aggirano ormai intorno al 40% della popolazione immigrata). Ciò è dovuto al grande numero dei ricongiungimenti familiari e all'enorme richiesta di collaboratrici familiari, assistenti per anziani a tempo pieno, settore in cui raramente si trovano italiane disponibili. Va detto che alla lunga, questo tipo di lavoro diventa una sofferenza soprattutto per le ragazze, magari giovani, che hanno orari di lavoro pesanti e che non possono avere momenti di libertà e relazioni sociali ed umane (da qui la ricerca del lavoro nelle fabbriche, che però è difficilmente risolvibile nella nostra zona). Nel settore dei lavori domestici o di assistenza, troviamo soprattutto filippine e peruviane che spesso arrivano in Italia prima della famiglia. Ciò è spiegabile col fatto che per esempio in una società come quella peruviana, la donna non solo gode di grande autonomia sociale e operativa, ma addirittura da secoli svolge un ruolo predominante all'interno della famiglia; situazione agli antipodi rispetto al ruolo svolto dalle donne islamiche, legate ai tradizionali vincoli di sottomissione rispetto agli uomini, padri o mariti che siano. Comunque alla fine un posto di lavoro si trova a tutti, anche se oggettivamente per alcune categorie di persone come gli anziani, le donne e gli operai generici l'obiettivo non è facile.

E' pericoloso e ingiusto fare scelte che selezionano le etnie in base alla loro cultura, ai luoghi comuni o alla religione professata. Parlo di luoghi comuni di chi crede che gli immigrati ci rubino il lavoro o che non potranno integrarsi mai perché sono poligami, mangiano in modo differente, perché le donne portano il velo anche a scuola o al lavoro o perché professano una religione potenzialmente pericolosa. A proposito di religione mi sembra che la nostra Costituzione dichiari la libertà di culto e francamente in tanti anni di lavoro non ho mai visto un arabo venuto qui per islamizzare l'Italia, oltre al fatto che le statistiche indicano che gli immigrati professanti la religione islamica sono solo il 36%.

Ora stiamo attenti, perché se ci basiamo su questo tipo di concetti e di luoghi comuni, un domani non accetteremo più i nigeriani perché troppo neri, cacceremo tutti i marocchini perché non hanno voglia di lavorare e chiuderemo le entrate a tutti gli algerini perché pericolosi terroristi e così via all'infinito. L'immigrazione non si può fermare del tutto chiudendo le frontiere, né selezionare: è un processo inevitabile che va gestito con giustizia, umanità e tolleranza. Inoltre se esistono problemi, del resto inevitabili quando culture diverse devono convivere, vi sono anche dei vantaggi: gli immigrati sono ormai indispensabili per la nostra economia, sono utili per ripopolare un paese sempre più vecchio e poi, dato che non li possiamo considerare solo delle braccia per lavorare o delle macchine per fare figli, ricordiamoci che sono persone come lo siamo noi e che il venire a contatto con popoli, usanze e religioni diverse è una grande possibilità di arricchimento interiore a disposizione di ogni uomo.

Marco Ceccolini


 
 
 
 
FattiNostri  
  Massime
<
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Giuliano Vangi

<



Speciale Immigrati  
  Speciale immigrati
<
  Verso una società multiculturale
<
  Il Centro di Solidarietà
<
  I limiti del buonismo
<
  Storia di Bujar, albanese
<
  Voglio vendere anch'io
i ciondoli e gli accendini

<



TuttoPesaro  
  Il dissesto idrogeologico: Venti aree a rischio in provincia di Pesaro
<
  Alla riscoperta delle parole dialettali: L'aquaról
<
  Il Castello di Montelabbate
<
  Ciclisti felici senza le auto
<
  Controvento
<



TuttoFano  
  Ricordo di Nino Ferri
<
  I primi settantacinque anni
dell'ITC "Cesare Battisti"

<
  Fano tra storia e leggenda
<
  L'altra metà del mondo a Natale regala "dignità"
<
  Chiappori vincitore del "Premio Giorgio Cavallo 2000"
<



Opinioni e Commenti  
  Clarissa Vichi: Sanremo famosi
<
  The winner and the loser
<
  Hanno detto
<
  Il quadro prezioso
<
  Contropelo
<
  Euro o Euri?
<
  La mucca pazza
<
  Una piccola storia vera: il gatto fantasma
<
  31 dicembre: non solo baci e risate
<



TuttoScienza  
  Il motore a idrogeno
contro l'inquinamento

<
  Osservatorio Valerio:
incontri con le scuole

<



Salute  
  Il dibattito sulle vaccinazioni
<
  La cura dell'impotenza
<



Società  
  Il sesso in ascensore
<



Consumatori  
  Il Caso: Care, fresche e dolci acque
<
  Le regole delle vendite a distanza
<
  Trappola per topi
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  E' il giovane Raffaello?
<
  Mostre a Pesaro
<
  Immagini e Sensazioni:
le foto di Adriano Gamberini

<
  Una storia d'amore
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa