Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 1998 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La vera storia d'i bsares

di G.G. Luciano Ridolfi

Se d'i bsares capi' t'vo' la natura,
d'co' i'ha in tel cor e in tun cla testa dura,
en t'ha da gi' par mont o tla pianura,
la storia de sta gent la i'e' pio' oscura.
D'infatti ne' vicen e ne' distant,
en't'trov un'antra qualità de gent
cumpagna ma i bsares, chius e scostant.
Da do' i'è scaped fora sti cristien
sarà sempre un mister, ne' ogg' ne' dmen
se scuprira' l'origin da do' i ven,
d'sigur i'n ven da Rimin ne' da Fen.
Sa vle' save' cum a la so me,
a ve'l racontarò, sa'm promete'
de tena ste segret ben chius, acse'
un dupion de bsares a'n s'possa arfe'.
C'era una volta un'isola in tel mer,
da cle part, tra la Grecia e la Turchia,
era tutt sass, poc bosch', e un po' de terr,
qualca capana, e l'aqua, da'n'butela via.
Male' viveva, senza padron ne' chep,
d'i tracagnott, de carnagion pio' scura,
i'n'era cum i turch, ne' cum i grech,
ma boni d'cor, fort de muscoladura.
I lavreva dur tutti e i steva in pec',
sa la pesca, la cacia, e un po' de gren,
l'magnè c'era par tutti, se t'giv pien.
Finche', un brutt giorne, i sent un gran bachen
t'la spiagia, do' ch'i tneva i su barchett.
Sbarchedi da d'le nev, ch's'era mei vist,
vestidi d'pell, e sa i'elme t'le test,
i grech i cumbateva sa i troien,
par fes padron de isola e isolen.
E' fnid che i grech, mazed ma ch'i troien,
i'e' gid in t'le capann de sti isolen,
par magne', beva e cum d'i prepotent,
i vleva metta tutti da servent.
Quand i'ha capid ch'tireva st'ventulon,
sta bona gent, chi n'era di minchion,
i'ha chiaped subit sta granda decision:
machè l'è mei levesse di quaion,
e i'ha troved na bona soluzion.
Senza parle', zitt zitt, ne' proteste',
ma chi solded, e d'pio' ma'i comandant,
i'ha dati del gran beva e da magnè bondant,
fintant ch'i'ha fatt ma tutti imbriaghe',
ch'i'era già stracch, i'ha fatt indormente'.
Quand è nud nott i'e' gid su sti barcon
lighedi e ripulidi, guardien e imbriagon,
s'le nev i'ha carighed nonn, moi e fioi,
sa'l pegre, i chen, le sment, gren e fagioi.
I'ha alzed le vel quand che spunteva el sol,
e i grech, ch'i se svigghieva, ancora i strid,
par la gran rabia, d'essa arvanzed a pid.
(Me sa ch'pensand ma st'ori, che Ulisse el s'è infurbid!)
Nov o dic giorne dop i'ha vist un mont
in lontananza, ch'el buteva gio' el fogh,
gired subit el cul i'ha gambied rotta,
dop n'atra stmena i'ha traversed na stretta,
da na part c'era i mont, da cl'atra terra secca,
acse' i'e' gid so, so, par la costa d'ponent
cercand un post ch'el fussa cum i piec'
senza rottur, e da podè ste' in pec'.
Po' i s'è fermed, ch'era casched el vent.
Malè i'ha vist un fiumm, do' monticei, un pien,
quand po' i'ha vist le palud e le zanzen,
i'ha capid subit ch'el post el giva ben.
Acse' i'ha sentenzied i'anzien:
maqua' e' sigur che ch'i pataca in ven.
I'ha pres tera tra i tuf, pased d'la Crista,
a Foss Seior, e dop ch'i'ha scarighed cla mercanzia
i'ha spached i barcon par gi' for d'vista,
che da male' in saria più gidi via.
I'e' gid gio' par l'Ardizi, in tel pulid,
mala', tra Novilera e Trebiantic.
Acse' e' cminced la storia d'i bsares,
d'almanc tremilasetcent'ann e un mes
d'na raza sena, ironica e gentil, ma sa'l mus dur
ch'i'ha fatt tutt par lori, senza dmande' mei gnent,
tenend sempre alla larga, furbastre e prepotent,
datosi che, d'tutt'i'atre, i'n'è freghed mei gnent!
Perciò nt'fe' meraveiia, forestir
se sti bsares i'è chius e diffident,
d'gambiè sta situazion en't'de' pensir,
en'è sted bon i'Etruschi, i Piceni e po' i Romen
a scartozze' sta gent, ne' i pret sa'l bindizion.
Re, duch, politicant, i'n'ha arcapzed mei gnent
parche' neatre an simm na raza de rufien!
I'ha voia i'orador d'cantecc' le su lezion,
è mei ch'i venga lori, s'i vo' impare' qualco'
mache' en c'è pio' nisciun ch'ha bud l'aqua d'bado'
parche' i bsares par premi, la i'ha capida ben
sol in pec sa'l lavor, che se guadagna el pen.
Questa è la nostra storia,
e de sta tera tranquilla, cla per santa,
na storia che, s'n'è vera, poch c'amanca,
m'la i'ha arconteda el non,
na sera,
su na panca.


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Le glorie dei cavalieri italiani
<



TuttoPesaro  
  Natale, festa della solidarietà
<
  C'era una volta 'Villa Marina'
<
  I due volti del San Bartolo
<
  La Croce del Monte Castellaro
<
  La vera storia d'i bsares
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  'Domani voglio fare il bambino'
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<
  Un nuovo libro sullo sport fanese
<



Opinioni e Commenti  
  Com'è delizioso andar...
<
  Si fa per dire chorus
<
  Difesa dei consumatori
<
  La stella di Kripton
<



Salute  
  Parto dolce o parto a rischio?
<
  Attenti all'olio
<
  La Croce bianca cerca volontari
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Edith Cigana

<
  Gli allori del ciclismo locale
<
  La fuga dei marziani dell'Astronave
<



Lettere e Arti  
  Alternativa ad una domenica in compagnia
<
  La donna e il gabbiano
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  L'altro figlio di Mozart
<
  Aforismi
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa