Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 1998 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Attenti all'olio

Sono tornati i corrieri dell'olio. Attenzione a coloro che si presentano nelle case per vendere lattine di olio con la sola dicitura: olio extra-vergine di oliva. E' una frode che si perpetua da anni, poiché questo olio viene offerto ad un prezzo decisamente basso: sulle 3-4 mila lire al litro. In genere si tratta di olio di soia o di semi diversi, colorato con clorofilla e a volte con un po' di verdone, olio di oliva denso. Perché esiste e si rinnova questa frode è semplice: un olio di frantoio costa dalle 10 alle 12 mila lire al litro, decisamente un costo alto.

In Italia esisteva una legge (la 1047 del 1960) che disciplinava il commercio dell'olio creando una grande confusione con ben otto classificazioni e qualità per l'olio di oliva; poi dal 1 novembre 1987, con il recepimento del Regolamento CEE n. 1915, le qualità dell'olio di oliva si sono ristrette a quattro tipi:

1) olio extra-vergine di oliva , di gusto assolutamente perfetto e con acidità non superiore all'1%;

2) olio vergine di oliva, di gusto perfetto con acidità non superiore al 2%;

3) olio di oliva, ottenuto dalla miscelazione di olio di oliva raffinato con olio vergine di oliva, e con acidità non superiore all'1,5%;

4) olio di sansa di oliva, ottenuto dalla miscelazione di olio di sansa raffinato con olio di oliva vergine, acidità non superiore all'1,5%.

In commercio sono sempre reperibili ed offerti tre tipi: olio di oliva extra-vergine, olio di oliva, olio di sansa.

Da quanto si può capire, la qualità di un olio dipende dalla sua acidità: con olive sane e raccolte al momento giusto, l'olio presenta una acidità bassa, inferiore all'1% (olio di frantoio). Se invece le olive sono state raccolte per terra o sono state molto tempo immagazzinate, si ottiene un olio "lampante" (una volta usato per accendere le lampade): un olio troppo acido che quindi viene rettificato, ossia si neutralizza chimicamente la sua acidità. Questo tipo di olio non poteva essere sprecato ed allora miscelandolo con olio vergine, che ha un'acidità accettabile, si ottiene il cosiddetto olio vergine di oliva. Infine dalla spremitura delle olive rimangono i pannelli della sansa (che una volta si bruciava per scaldarsi); oggi si può recuperare con dei solventi una parte di olio ancora trattenuta dalla sansa, ed è questo l'olio d'oliva, certamente il più scadente e a basso costo.

Infine sostanze oleose possono essere prodotte chimicamente dal petrolio e dalla glicerina; ossia gli idrocarburi del petrolio possono essere ossidati e trasformati in acidi grassi ed aggiunti alla glicerina, formare i trigliceridi, sostanze oleose, con la possibilità di camuffarli in olio d'oliva; in Germania il processo chimico viene eseguito, ma la vendita del prodotto è indicata come "olio di sintesi".

Lasciando stare le frodi e le sofisticazioni, rimane la certezza che la maggior parte degli olii extra vergine di oliva vengono importati dalla Spagna, Grecia, Tunisia, Portogallo, per i loro prezzi più bassi, in relazione ai costi minori della raccolta. A tale riguardo sembra che il Parlamento abbia proposto una legge per far indicare in etichetta anche il Paese di produzione: solo così si protegge chi desidera avere solo un olio extra vergine di oliva italiano.

Michele Scrima


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Le glorie dei cavalieri italiani
<



TuttoPesaro  
  Natale, festa della solidarietà
<
  C'era una volta 'Villa Marina'
<
  I due volti del San Bartolo
<
  La Croce del Monte Castellaro
<
  La vera storia d'i bsares
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  'Domani voglio fare il bambino'
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<
  Un nuovo libro sullo sport fanese
<



Opinioni e Commenti  
  Com'è delizioso andar...
<
  Si fa per dire chorus
<
  Difesa dei consumatori
<
  La stella di Kripton
<



Salute  
  Parto dolce o parto a rischio?
<
  Attenti all'olio
<
  La Croce bianca cerca volontari
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Edith Cigana

<
  Gli allori del ciclismo locale
<
  La fuga dei marziani dell'Astronave
<



Lettere e Arti  
  Alternativa ad una domenica in compagnia
<
  La donna e il gabbiano
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  L'altro figlio di Mozart
<
  Aforismi
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa