Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese

Traduzione di Marcello Martinelli

El lup e 'l chen

Quant sia dolc la libert
tun sta favla se dir.
Un bel giorne s' incuntred
un lupacc megre e splachied
sa 'n chen gross e ben pasciud,
avend fort magned e bud.
Dp ch'i s' ben saluted
par d chiacre i s' fermed:
"Da do' vn ste tu pl bianch?
- fa chel lup gusi 'n po' stanch -
C i te d, fjl, da magn
par arduc'te gross acs?
M ch'a so' de te pi fort
par la fm a veggh la mort!".
Francament j'arspond el chen:
"Par te pur c'sar 'n pezz d'pn.
C' la sola condizion
de rendse til mal padron!".
"Cum sara a d?", fa 'l lup,
asumnd un tn pi cup.
"T t'pudress guard 'l purton
spaventand d'nott ma i ladron".
"S' par quest, fjl, a so' pront:
la nott senpre in mezz ai mont
fredd e piova m a suport,
spess in cima ma la mort;
quant saria mj par me
sotta 'n tett pruv a canp
e rnp senpre 'l budell
senza fuggia tel pi bell".
"Donca, alora, vn sa m!".
Dvnt amigh tuti d acs
i fa streda vers cla chsa
camnand svlt a ganba tsa,
quand el lup el te vd ben
sra 'l pl del coll del chen
el brutt segn d'una cadna
ch'el te fva gusi pna.
Sciubte el dic: "E quest c l'?
Da do' vn ste segn mach?".
"Gnent, amigh, ann'j f chs".
"Dmm el vera, an torcia 'l ns".
Quand i m'vd un po' nervos
i me lga sa chel cs
parch i vo'che d'giorne a drma
in md d'ssa d'nott pi in frma
tel crepuscol pr a pss fn
do' ch'me pr, do' ch'a vj g.
I m'd 'l pn senza dmandl,
el padron in sl pi bl
d'una cena m'butta chj oss
sotta 'l tavle do' ch'a poss
sgranuchii in santa pc.
C' p i serve ch'i capc
de dmm gi, dicemm, par giunta,
chi cuncn de carna vunta
ch'i scarted i comensel.
Canp acs, fjl mia, l' bel,
avnd spess la panza pna:
nun pens ma la cadena!".
"Mo pr, dmm la verit,
se t t'vlss n via da l,
te l'p f? S'vn via bn?".
"Ah, n d'cert!", rispond el chen.
"Tnte alora sta guduria
ch't te ld sa tanta furia,
gnent de mj mi an c'sar
ch'viva d'stnt mo in libert.

Il lupo e il cane

Quanto sia dolce la libert
si dir in questa favola.
Un bel giorno si sono incontrati
un lupaccio magro e spelacchiato
ed un cane grosso e ben pasciuto,
avendo mangiato e bevuto forte.
Dopo che si sono salutati per bene,
si sono fermati a fare due chiacchiere:
"Da dove proviene questo pelo bianco?
- fa quel lupo stancamente -
Che cosa ti danno, figliolo, da mangiare
per farti diventare cos grosso?
Io che son molto pi forte di te
vedo spesso la morte per la fame!".
Gli risponde il cane con franchezza:
"Ci sar un pezzo di pane anche per te.
La condizione una sola,
rendersi utili al padrone".
"Che cosa intendi?", fa il lupo
assumendo un tono pi serio.
"Tu potresti guardare il portone
spaventando di notte i ladroni".
"Se per cos poco, figliolo, io sono pronto:
di notte in mezzo ai monti sempre
io sopporto freddo e pioggia,
spesso in pericolo di morte;
quanto meglio sarebbe per me
provare a vivere sotto un tetto
ed avere sempre la pancia piena
senza fuggire sul pi bello".
"E allora? Vieni con me!".
Diventati amici, tutti e due
si avviano verso quella casa
marciando svelti a gambe tese,
quando ad un certo momento il lupo vede
sul pelo del collo del cane
il brutto segno lasciato da una catena
che faceva quasi pena.
Subito dice: "E questo cos'?
Da dove proviene questo segno qui?".
"Non niente, amico, non ci far caso".
"Dimmi la verit, non storcere il naso".
"Quando mi vedono un po' nervoso
mi legano con quello strumento
perch vogliono che di giorno io dorma
in modo da essere pi in forma di notte;
al crepuscolo per posso finire
dove mi pare, dove voglio andare.
Mi danno il pane senza domandarlo,
il padrone sul pi bello
d'una cena, mi butta gli ossi
sotto il tavolo dove posso
sgranocchiarli in santa pace.
Ci sono poi i servi, capaci
di darmi gi in aggiunta, diciamo,
quei pezzetti di carne unta
che hanno scartato i commensali.
Campare cos, figlio mio, bello,
avendo spesso la pancia piena:
non pensare alla catena".
"Ma per, dimmi la verit,
se tu volessi venirtene via,
puoi farlo? E' facile venir via?"
"Ah! No certo!", risponde il cane.
"Tienti allora questa vita beata
che tu lodi con tanto calore;
non ci sar mai niente di meglio
che vivere, anche se di stenti, in libert.







 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Le glorie dei cavalieri italiani
<



TuttoPesaro  
  Natale, festa della solidariet
<
  C'era una volta 'Villa Marina'
<
  I due volti del San Bartolo
<
  La Croce del Monte Castellaro
<
  La vera storia d'i bsares
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  'Domani voglio fare il bambino'
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<
  Un nuovo libro sullo sport fanese
<



Opinioni e Commenti  
  Com' delizioso andar...
<
  Si fa per dire chorus
<
  Difesa dei consumatori
<
  La stella di Kripton
<



Salute  
  Parto dolce o parto a rischio?
<
  Attenti all'olio
<
  La Croce bianca cerca volontari
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Edith Cigana

<
  Gli allori del ciclismo locale
<
  La fuga dei marziani dell'Astronave
<



Lettere e Arti  
  Alternativa ad una domenica in compagnia
<
  La donna e il gabbiano
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  L'altro figlio di Mozart
<
  Aforismi
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa