Ricerca nel sito: Parola Esatta
Dicembre 1998 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Alternativa ad una domenica in compagnia

Ore 6.00: "Accidenti alla Ferrari e alle gomme bucate", sbadiglio e me ne torno a letto.

Ore 15.45: un profondo sospiro mi avverte che la sopportazione allo studio è al limite e la delusione per il rosso sogno mondiale di Schumacher & Co. sfumato nel botto di un pneumatico, fa già parte di un passato che, se proprio vogliamo, non mi ha che sfiorato, per lo sforzo disumano di svegliarmi la domenica mattina, dopo appena tre ore di "morte apparente". Penso: "Entro questa sera voglio regalarmi una storia. Un nuovo racconto ricamato tra l'inventiva delirante e il ricordo".

Allora esco, block-notes e penna alla mano, chiavi della Clio nell'altra, e via a rapire immagini e appunti, con la più ispirata attenzione ai particolari. Non che io sia un teppista della strada, e tanto meno il classico fanatico della velocità a quattro ruote ma, giusto per scaldarsi un po', qualche curva sulla Panoramica con il motore su di giri rallegra sempre l'andatura e risveglia dallo stato pseudo comatoso della festività. Prima tappa, le "bianche scogliere di Dover", meta nei pressi di Fiorenzuola cui regolarmente s'approda in dolce compagnia per l'elevato contenuto d'intimità romantica. Altrettanto puntuali s'ammassano flotte cumuliformi di nullafacenti. Schiamazzi, commenti a voce alta, risate fuori luogo e vari vandalismi distruttori di quiete e serenità.

Mi soffermo quel tanto che basta per carpire ciò che di bello non si può toccare. Mi sporgo dal precipizio e appoggiato alla balaustra scrivo il primo fraseggio conciso: "Tavola statica di sfumature grigie, riflesse dal cielo nuvoloso": Sua Maestà il mare, 1 novembre 1998. Poi subito via, senza indugi né ripensamenti. Volto le spalle ai rumorosi presenti, saluto lo spettacolo della natura e punto alla città. C'è tanto da fare in questo breve pomeriggio privato dell'ora legale! Mi rispondono dei cani, tre chiari e uno nero, che latrano dal cortile di una villetta; "Stupendi esemplari di Labrador!", mi dico fiatando appena. Qualcuno gli ha insegnato ad abbaiare con cattiveria, anche quando scodinzolano festosi. Salgo in macchina.

Al lato della strada, dove confluiscono la Nazionale con tre diramazioni, una macchina stupidamente parcheggiata ostenta le sue belle quattro frecce lampeggianti. Come a dire: "Sto aspettando degli amici, che altrimenti non mi vedono...". Magari il pilota è anche una di quelle persone che, con aria mista tra commiserazione e severità, sparlano dei giovani che s'ammazzano il sabato sera per andare in discoteca. Ero preso dal quadro di luce che scontornava un nembo a forma di continente, quando: ...ihhhhiii!, una frenata al limite dell'estremo in puro stile Formula Uno, mi salva dall'entrare nel bagagliaio della suddetta utilitaria. Mi sentivo più sicuro sulla microlingua d'asfalto che mi aveva appena fatto scendere dal promontorio panoramico. E sì che, come si suol dire, andavo a "stracannone", strombazzando con il clacson ad ogni strettoia e curva, coperto com'ero da un tunnel buio di rami e frasche intrecciati e pendenti.

Quindi, mi fermo al "Mazzini dal 1886" ad assuefare il fegato ai piaceri della libidine gastronomica, e mi strafogo in ordine: bombolone alla crema, sfogliata alla pasta di nocciole e, dulcis (non si fa per dire) in fundo, cornetto con Nutella. Scusate se ho sapientemente annaffiato il tutto con un ottimo cappuccino! Mi rialzo in piedi, sazio e colmo di zuccheri e grassi, ma visibilmente soddisfatto; pago il conto, mi stiro le braccia dietro la schiena e, del tutto involontariamente, sbadiglio mentre la bella cassiera mi porge lo scontrino. Esco, attraverso la strada insidiata da mezzi motorizzati e cammino baldanzoso in direzione Cattolica Center. Passando davanti ad una pelletteria che espone borse & gadgets, la dolcissima Catherine Deneuve, bellissima di una maturità in fiore, mi sorride smagliante dalla gigantografia esposta in vetrina. Ma è al cospetto del negozio di collant che, in preda ad un raptus di passionale ovazione alla bellezza, appunto: "Le gambe delle donne, quale perfetto supporto a sorreggere ed accompagnare le reali fautrici del mondo".

Poco dopo, varco l'entrata di un "Funky shop", e indosso uno di quei ciccioni piumoni d'oca. "Quanto viene, per cortesia?... Grazie, volevo solo provarlo". Ed esco. E' un vestimento comodissimo per l'inverno...lo comprerò!

Considerazione: due domeniche da solo, e non si somigliano neppure un po'. Non mi sto annoiando affatto! Sul viale del ritorno, non posso fare a meno di notare un manichino di schiena all'esposizione della Max Mara: "Possibile che abbia delle rotondità basso dorsali così provocanti e pseudo siliconate?". Sorrido e torno in macchina.

Ore 17.40: destinazione casa, velocità max 50 Km/h, perché c'è sempre l'autovelox. Stare all'orecchia fino a Colombarone! Via Alberti 10, al primo piano c'è la "palestrina" improvvisata per la muscolazione dell'ultimo momento. Trascorro qualche manciata di minuti a tonificare pettorali e addome, poi salgo al sito abitativo e, seduto alla scrivania, trascrivo il mio recente passato: eccomi qua!

Andrea Paoloni


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Le glorie dei cavalieri italiani
<



TuttoPesaro  
  Natale, festa della solidarietà
<
  C'era una volta 'Villa Marina'
<
  I due volti del San Bartolo
<
  La Croce del Monte Castellaro
<
  La vera storia d'i bsares
<
  Proverbi pesaresi
<



TuttoFano  
  Una statua per Fabio Tombari
<
  'Domani voglio fare il bambino'
<
  TuttaFrusaglia
<
  Le ricette di Valentino Valentini
<
  Un nuovo libro sullo sport fanese
<



Opinioni e Commenti  
  Com'è delizioso andar...
<
  Si fa per dire chorus
<
  Difesa dei consumatori
<
  La stella di Kripton
<



Salute  
  Parto dolce o parto a rischio?
<
  Attenti all'olio
<
  La Croce bianca cerca volontari
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Edith Cigana

<
  Gli allori del ciclismo locale
<
  La fuga dei marziani dell'Astronave
<



Lettere e Arti  
  Alternativa ad una domenica in compagnia
<
  La donna e il gabbiano
<
  Le Favole di Fedro tradotte in dialetto pesarese
<
  Lo Specchio dei piccoli
<
  L'altro figlio di Mozart
<
  Aforismi
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa