Ricerca nel sito: Parola Esatta
Aprile 2008 / Salute e Benessere
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Il sesso tra i banchi
Internet, droga, videofonini: adolescenti in crisi e ipocrisia degli adulti

Restare incinta a 14 anni quando si è ancora tra i banchi di scuola? Succede sempre agli altri o, magari, lo vediamo solo nei film. Invece, purtroppo, è successo e succede anche nelle scuole della nostra provincia. Gli addetti ai lavori, quali insegnanti, psicologi, medici, operatori dei consultori, sanno bene che aborti volontari o gravidanze precoci non desiderate non sono eventi eccezionali e troppo poco si fa per ovviare.
A Pesaro, per il secondo anno di seguito, grazie all'intraprendenza dell'insegnante di Religione Silvana Giacchè e alla sensibilità del preside dell'Istituto Alberghiero Santa Marta, Gabriele Paci, è stato possibile portare a termine un progetto di informazione sanitaria su “Sessualità e Affettività”, condotto dal sottoscritto, in qualità di sessuologo medico e psicoterapeuta. Sono state coinvolte le seconde classi di detto istituto. I ragazzi e le ragazze hanno potuto chiedere informazioni a tutto tondo sull'eros e sull'affettività, mediante domande anonime o sollecitate da appositi questionari. La mia impressione conferma i dati che di continuo vengono pubblicati in proposito: gli adolescenti sono lasciati troppo spesso a loro stessi, i luoghi comuni e i pregiudizi sono quelli di sempre, i timori e le incertezze pure. Anche i nostri adolescenti sanno poco di come orientarsi nell'universo dei contraccettivi, continuano a nutrire timori sulle proprie capacità di innamorarsi, sono incerti sulle loro capacità di saper fare l'amore in armonia con il/la propria partner, hanno troppa fretta di fare ciò che gli adulti fanno, anziché imparare ad essere se stessi. Invece, cosa pensano gli adulti? Continuano a meravigliarsi ed impaurirsi di ciò che si legge sui giornali come ad esempio di ragazzini e ragazzine che giocano con video porno, droga a scuola, bullismo e superficialità emotiva. E' la solita ipocrisia di chi vorrebbe i propri figli pronti a competere con tutto il mondo e primeggiare negli studi, negli sport, in bellezza fisica, in ricchezza di cose, ma poi miopi ed incapaci di aiutarli a crescere sul piano dei sentimenti e sul piano delle emozioni. In particolare, tale contraddizione emerge quando si entra nella sfera dell'eros. Infatti, da una parte ci accorgiamo che i nostri ragazzi crescono rapidamente dal punto di vista biologico (già tra gli 11 e i 14 anni solitamente vi è la maturazione puberale), dall'altra, si fa molto poco o, addirittura, si cerca di soffocare o ritardare i cambiamenti emotivi, specie se legati alla sessualità, che pure sono vorticosi. Si preferisce pensare che corpo e psiche viaggino a velocità differenti. E' un po' come sperare che i fiori sboccino in primavera, ma pretendere che non emanino i loro profumi. La colpa di tutto? Internet, le cattive compagnie, i videofonini, la stampa, le nuove tecnologie. Troppo facile. E' innegabile che su Internet, e sugli altri media, viaggi e si propaghi tanta spazzatura, ma il problema vero è che molti ragazzi non hanno punti di riferimento certi, non sono stati istruiti a distinguere la spazzatura da ciò che, invece, serve loro per crescere bene, anche dal punto di vista sessuale. Soprattutto, gli adulti continuano a non ascoltare i loro veri bisogni, dubbi, incertezze.
Ma chi deve educare alla sessualità, al sentimento, ad imparare a gestire senza paura le emozioni? La risposta è facile: Famiglia e Scuola. Spesso, però, le famiglie sono impreparate e la scuola pubblica ha le mani legate dai veti incrociati di questa o quella impostazione educativa basata su presupposti culturali, religiosi ed etici differenti. Gli adolescenti, invece, hanno “semplicemente” bisogno di sapere cose elementari che hanno a che fare con il loro corpo che cambia, sapere se i propri genitali siano sviluppati adeguatamente, cosa si proverà la “prima volta”, se saranno in grado di innamorarsi, cosa succeda se si venisse abbandonati, se la masturbazione comporti o meno dei problemi, ecc. Le stesse domande, poi, che ci siamo posti noi adulti e le stesse che troppi adulti continuano a fare negli studi dei sessuologi. Altro allarmante motivo per parlare seriamente di sesso ai ragazzi? Il fatto che, da una recente indagine tra adolescenti di sesso maschile tossicodipendenti, ben il 35% di loro ha cominciato a drogarsi “solo” per migliorare le proprie “performances” sessuali o per combattere disturbi, quali l'eiaculazione precoce o il deficit di erezione. Le droghe, di qualsiasi specie, sono assolutamente nocive al sesso (e non solo!) e non risolvono alcun problema sessuale. Ma il dato deve farci riflettere. Significa che se i ragazzi avessero corrette informazioni mediche sul sesso e su come intervenire per risolvere eventuali problemi, avremmo 35% di ragazzi in meno nel baratro delle droghe. Un motivo in più per non lasciare soli i nostri adolescenti nell'oceano dell'ignoranza.

Fedele Lazzari


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



Speciale  
  Gli anagrammi della Casta
<



Storia  
  18 aprile 1948
<



Il dibattito  
  Il prete innamorato
<



TuttoPesaro  
  Periti a Pesaro?
<
  Parcheggi e multe all'ospedale
<
  Napolitano al Conservatorio
<
  Pertini a Montecchio: la pipa di Mastro de Paja
<
  Una firma per le pensioni
<
  S'magna poch mo S'rid na mucchia
<



TuttoFano  
  Sacrifichiamo alle auto la qualità della vita
<
  Judo club Fano: un poker di giovanissimi
<



Salute e Benessere  
  Il sesso tra i banchi
<
  I gesti della seduzione nel linguaggio non verbale
<
  Curarsi col tarassaco
<



Opinioni e Commenti  
  Il piacere della carne
<
  Pillole di storia: Il massacro di Katyn
<
  Il 40° anniversario del “Sessantotto”: Il liceo di Urbino
<
  Il nuovo Governo ascolti la piccola impresa
<
  I “migliori anni” di Bebo
<
  Voci su Internet: Donne arabe
<



TuttoSport  
  Volley: Le Regine di Coppe a un soffio dall'Olimpo
<
  Scavolini-Spar: Tre metri sopra (o sotto?) il cielo
<
  Pesaro-Rovigno e veleggiata extra
<



Lettere e Arti  
  Visti da vicino: Evgenij Evtushenko
<
  L'Italiano in svendita
<
  Questioni di lingua: La forza dell'inciucio
<
  Sant'ippolito: scolpire in piazza
<
  Gli impressionisti
<
  A Gradara Picasso al cubo
<
  I “Fragili” di Papagni
<
  Achille Caverni
<
  Susanna Strapazzini
<
  Oltre la muraglia
<
  “Novecento” alla Piccola Ribalta
<
  Tangucci direttore della Fondazione Pergolesi
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa