Ricerca nel sito: Parola Esatta
Aprile 2005 / Lettere e Arti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Segnalazioni editoriali

a cura di Paolo Montanari

E' stato presentato da Nando Cecini a Palazzo Montani Antaldi il quinto volume della collana di monografie promosse dall'Archivio Storico Diocesano, dal titolo “San Terenzio Patrono di Pesaro. Il culto patronale a Pesaro dalle origini al Settecento”. La ponderosa ricerca è stata condotta da Sara Benvenuti, già autrice di diversi interventi sull'argomento. Il volume è stato pubblicato da Walter Stafoggia Editore con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro. La misteriosa figura di San Terenzio è stata da sempre al centro degli studi locali: in particolare dopo le accese polemiche di fine Settecento concernenti le origini del santo patrono, l'interesse non solo storico ma anche devozionale si è accentuato nel corso degli ultimi anni, grazie ad una serie di contributi che hanno affrontato vari aspetti del personaggio. Il lavoro di Sara Benvenuti amplia ulteriormente il campo d'indagine, affrontando per la prima volta in modo sistematico la storia della devozione patronale in città dall'epoca medievale al XVIII secolo.

L'Università dei Saperi di Fano ha organizzato un incontro con Gastone Mosci, presso la chiesa di San Pietro in Valle, per presentare il libro postumo di Valerio Volpini dal titolo “La terra innocente. Racconti marchigiani”(Il lavoro editoriale). Questo volume presenta vari testi editi dal 1942 al 1992, che Volpini scrisse o modificò nel corso degli anni. Il primo testo si intitola “Le querce e le streghe”, edito da Salvatore Sciascia nel 1956. E' un racconto sull'infanzia di Volpini a Rosciano, dove domina la figura del nonno. Un secondo testo dal titolo “Fotoricordo e pagine marchigiane” (Ed. L'Astrogallo), lo si può definire il libro autobiografico di Volpini, riccamente illustrato da Arnoldo Ciarrocchi. Una terza sezione dal titolo “Due cronache”, evidenzia alcuni momenti di storia locale fanese, in particolare sull'inizio della Resistenza. Infine viene presentato un ultimo racconto del 1992 dal titolo “Mira il tuo popolo'', una narrazione legata alla Madonna di Loreto, alla vita di campagna, all'infanzia dell'autore.

Nate dal mare. Le donne di Garibaldi: Anita, Costanza e Speranza”, è il titolo del volume di Anita Garibaldi presentato nella Sala “Adele Bei” della Provincia di Pesaro e Urbino dallo Iopra, alla presenza dell'autrice, del presidente Palmiro Ucchielli e dell'Assessore alla cultura Simonetta Romagna. C'è un filo rosso al femminile nella storia d'Italia, ed è rappresentato da tre donne che hanno vissuto in prima persona la straordinaria epopea della famiglia Garibaldi: la brasiliana Anita, moglie dell'Eroe dei due mondi, l'inglese Costanza, moglie del figlio Ricciotti e l'americana Speranza, moglie di Ezio, nipote di Giuseppe Garibaldi. Tre storie che si snodano attraverso 150 anni, dal 1820 al 1970, dal Risorgimento al periodo postunitario, dalla Prima guerra mondiale al fascismo e al dopoguerra.

Simone Mattioli, presidente di Legacoop Marche, ha presentato, nella Libreria del Teatro di Fano, il suo nuovo libro “La rivolta dei pinguini”, edito da Magma Edizioni per la collana “Altre Terre”. “E' un reportage di questo viaggio fatto nel maggio 2003 – ha spiegato Mattioli – che mi ha permesso di osservare un Paese in cambiamento. Era, infatti, il periodo della campagna elettorale delle elezioni presidenziali, che ha visto la vittoria di Nestor Kirchner, sul “vecchio” rappresentato da Carlos Menem. Ed è per questo che il sottotitolo del libro è “reportage dalla primavera argentina, da Alcorta a Kirchner”. Alcorta è un luogo simbolo della pampa Argentina perché, negli anni '30, una rivolta contadina fu repressa nel sangue. L'elezione di Kirchner rappresenta una svolta in uno Stato che cercava di uscire dalla crisi economica, che ha coinvolto anche risparmiatori italiani che hanno investito nei famosi “bond” argentini, e che ha cominciato ad elaborare strategie concrete. L'esempio sono le “empresas recuperadas”, le imprese risorte grazie alla nascita di cooperative, e le “asembleas de Barrio”, ossia le forme di autogestione e di organizzazione dal basso, con cui gli argentini sono riusciti a ricreare un tessuto produttivo, a tenere in vita alcuni servizi essenziali, a non perdere la fiducia in un futuro diverso”.

Per ricordare don Vittorio Pastori, in occasione del 10° anniversario della sua morte avvenuta il 13 settembre 1994 nell'ospedale di Piacenza, la presidenza del Gruppo Missionario Pesarese “Don Vittorione” ha raccolto tutti gli scritti riguardanti la vita e le opere compiute dal Gruppo stesso dalla nascita (18 luglio 1981) ad oggi. Ne è risultato un libro di 231 pagine e 132 fotografie dal titolo “Un pozzo d'acqua di nome Pesaro”; per ricordare il sostegno che il sodalizio di Pesaro ha offerto e continua ad offrire per combattere la fame, la sete e il sottosviluppo del Terzo Mondo africano.
Coloro che fossero interessati all'acquisto o che volessero fare un offerta all'Opera Missionaria “Don Vittorione” possono rivolgersi ad Antonio Lazzarini (tel. 0721 67320, ore pasti) oppure alla libreria “Buona Stampa”, Via Rossini 68, Pesaro.

Dal “Palinsesto cultura” della Provincia ecco spuntare una nuova pubblicazione di casa nostra. S'intitola “Storie di provincia e di un provinciale” (352 pagine, Ernesto Paleani Editore) il volume del pergolese Vittorio Caprini, presentato il 17 marzo nella sala “Adele Bei” della Provincia alla presenza del presidente Palmiro Ucchielli, dell'assessore alle attività culturali-editoria Simonetta Romagna e del vicesindaco di Pergola Maria Pia Fratini. “La rivisitazione che ho tentato di fare – annota l'autore nell'introduzione – è più che altro, un affastellamento di immagini, di flash-back mnemonici riguardanti il tempo della mia prima vita passata a Pergola, la mia città natale, il mio “natio borgo selvaggio” che, a differenza di quello del grande corregionale Leopardi, è per me il natio borgo gentile, ove tale appellativo significa non solo dolce e cortese, ma anche proprio della gens… la mia gens”.

E' uscito in questi giorni il volume “Chiese di Sant'Angelo in Vado” (Ed. Grafica Vadese). Si tratta di una guida storico-artistica, sugli edifici religiosi, parrocchie, oratori di confraternite, di tutto il territorio legato alla comunità montana del Catria e Nerone.  Lo studio è stato realizzato dalla Diocesi di Urbino-Sant'Angelo in Vado-Urbania per poter meglio catalogare il patrimonio religioso ed artistico del territorio.

 

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



TuttoPesaro  
  San Benedetto, varato il recupero
<
  I primi 123 anni del Conservatorio
<
  Giulio Coli: quel sindaco senza nome
<
  La targa PS –50000
<
  Ivo Scherpiani: Un ann dop
<
  La webcam di Piazza del Popolo
<



TuttoFano  
  Racconto: Quello che conta
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  Giustizia e “realpolitik”
<
  Dalmazia: A casa della regina Elena
<
  Le vacanze a Fiume
<
  La cucina in Istria
<
  Pesaro e Urbino: Guida ospitalità 2005
<



Speciale  
  Tartanon pesarese:
un veliero adriatico

<



Scienza  
  Perché non si cade andando in bicicletta?
<



Società  
  Casa per anziani
<
  Il linguaggio dei messaggini
<
  Mali incurabili e fumo passivo
<
  Fumo e paradossi
<



TuttoSport  
  Basket: Questa piccola, grande Scavolini
<
  ColleMar-athon 2005
<
  Vela: La 21^ Pesaro-Rovigno
<
  Colori e simboli delle vele pesaresi
<
  Ciclisti fanesi
<



Consumatori  
  Le due follie
<
  Acu - Informazione fiscale
<
  Il Caso: Il regalo “peloso”
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



Lettere e Arti  
  Sul corpo della Musa
<
  Filippo Terzi, grande architetto del 1500
<
  Le radici di Pesaro sulla viva pietra
<
  Le “nozze d'oro” di Elvidia Ferracuti
<
  Un corso di arte contemporanea
<
  Gradara, capitale del medioevo
<
  Questioni di lingua:
Il balletto degli accenti (2)

<
  Filmetauro: cinema per i giovani
<
  Cinema: Le metamorfosi dello sguardo
<
  Segnalazioni editoriali
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa