Ricerca nel sito: Parola Esatta
Aprile 2002 / Opinioni e Commenti
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Per una pace giusta in Palestina

“Il sangue di mio figlio si è mischiato col sangue di un kamikaze”. Con queste parole piene di dolore – ma senza odio – parla una madre israeliana all'indomani della morte di suo figlio, una delle ennesime vittime della violenza in Medioriente. Da cosa nasce tutta questa violenza? Nasce dalla mancata applicazione delle risoluzioni dell'ONU e degli accordi di Oslo del 1992. Nasce dall'occupazione militare dei territori palestinesi che, con il governo Sharon, ha raggiunto apici di oppressione e crudeltà che vengono oramai denunciati anche dagli esponenti più sensibili della stessa società israeliana, che non accetta più di vivere questa condizione. Nasce dalla volontà di usare la guerra come strumento politico.
Domenica 17 marzo, oltre ottanta associazioni, i Comuni di Fano, Pesaro e Gradara, la Provincia di Pesaro-Urbino e gli oltre millecinquecento partecipanti (tra cui numerose autorità della regione intera), tutti noi abbiamo marciato insieme contro questo stato di cose, che dura dal 1967, e che può arrestarsi solo con la pace, e non con una pace qualsiasi, ma con una pace giusta. Una pace, cioè, che assicuri le giuste condizioni affinché il popolo palestinese abbia la sua libertà e la sua indipendenza e il popolo israeliano viva nuovamente in sicurezza. Chiediamo, dunque, al governo Sharon e alla comunità internazionale, che siano applicate le risoluzioni 338 e 242 dell'ONU, che prevedono il ritiro delle forze armate israeliane dai territori occupati; la fine di tutte le situazioni di belligeranza; il rispetto e il riconoscimento dell'integrità territoriale e dell'indipendenza politica di tutti gli stati della regione, del loro diritto a vivere in pace entro confini riconosciuti e al riparo da atti di forza; infine, il rientro dei profughi.
Insomma, noi tutti abbiamo marciato per opporci alla guerra come strumento politico e per chiedere che venga riconosciuta la legalità internazionale, in senso antimilitarista e in senso antinazionalista. Abbiamo marciato per riaffermare l'importanza della cooperazione tra donne e uomini di popoli diversi, per testimoniare solidarietà alle vittime innocenti di entrambe le parti; per testimoniare solidarietà alle forze pacifiste israeliane; per ottenere l'invio d'osservatori internazionali a protezione della popolazione civile e palestinese; abbiamo marciato per sollecitare l'impegno concreto degli enti locali.
Nostri ospiti sono state Rania Hammad, figlia dell'ambasciatore palestinese in Italia, e Stefania Sinigaglia, una donna ebrea delle “Donne in Nero” di Ancona, oltreché un'esperta nella cooperazione internazionale. Rania Hammad ha sottolineato la forza della nostra marcia, genuina espressione di una diplomazia dal basso caratterizzata da un forte sentimento di solidarietà. Stefania Sinigaglia, invece, ha precisato la sua netta contrarietà alla politica aggressiva e omicida del premier israeliano.
Riportiamo, poi, alcune proposte emerse dai partecipanti alla marcia, e che ci auguriamo di discutere insieme in un prossimo futuro. Ai cittadini, alle associazioni e alle istituzioni, si vorrebbe chiedere di contribuire alla raccolta fondi per l'invio di aiuti umanitari in Palestina e per il finanziamento del viaggio di uno di noi nelle prossime missioni di pace a difesa del popolo palestinese (missioni civili organizzate, per esempio, da “Action for Peace” e dalle “Donne in nero”); di boicottare prodotti e merci provenienti da insediamenti israeliani illegali (su terra espropriata ai palestinesi) nei territori occupati di Cisgiordania e del Golan conteso dalla Siria (eventualmente richiedere al forum l'elenco completo). La campagna è proposta da “Gush Shalom”, un'associazione pacifista israeliana, il cui motto è “ogni centesimo a questi prodotti è un centesimo contro la pace”. Infine, alcuni hanno espresso l'esigenza di costituire un Forum locale per la questione israeliano-palestinese oppure per la pace e di istituire un Assessorato per la pace.
Per concludere, le istituzioni che hanno aderito alla marcia potrebbero da subito produrre documentazione istituzionale a favore della pace in Palestina e premere sulle istituzioni israeliane; sostenere iniziative di gemellaggio, di scambi culturali, di borse di studio e di campi di pace dove convivano israeliani, palestinesi e italiani; sostenere economicamente queste iniziative e le ONG (Organizzazioni Non Governative) che garantiscono il diritto all'esistenza e alla salute nei territori occupati in Palestina.

Il Comitato Promotore
Donne in Nero-Fano,
Pesaro Social Forum,
Comunità Islamica Pesaro e Urbino


 
 
 
 
Fattinostri  
  Lotto
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Redazione
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio: Cesare Rimini
<



TuttoPesaro  
  APT: la riforma sbagliata
<
  Dimenticare Pasqualon?
<
  Pesaro nel cuore
<
  Lingua o dialetto: La rèsta
<



TuttoFano  
  Luciano Anselmi, uno scrittore poliedrico
<
  Bruno Barilli, straniero in Patria
<
  Personaggi fanesi visti da Marius: Ateno Spezi
<



Opinioni e Commenti  
  Hanno detto
<
  Il bombardamento inglese
<
  Piazzale Innocenti, come neve al sole
<
  Due brevi repliche
<
  La vera storia della Festa della Donna
<
  Per una pace giusta in Palestina
<
  Odio gli Stati Uniti
<
  T'à ragion, Nanni Moretti
<
  Due domande molto difficili
<



Speciale  
  Un ricordo di Aldo Moro
<
  La foglia di fico
<



Salute  
  Pugni contro lo stress
<



Società  
  Rapporti sessuali? Meglio plurimi
<
  Zelig
<
  Carabinieri
<



Consumatori  
  Le talpe impazzite
<
  Il Caso: Il canone TV
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Il profumo dei tarfufi
<
  I piccoli consumatori
<
  E' bene ricordare che...
<



TuttoSport  
  Sportivi all'occhiello:
Agostino Ercolessi

<
  Livio Berruti: la gazzella bianca
<
  La 18ª Pesaro-Rovigno
<



Lettere e Arti  
  I ritratti seducenti
di Renato Bertini

<
  L'orologio a cipolla
<
  Errori di stampa
<
  La bambola di Adelina Patti
<
  Male di vivere e speranza
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa