Ricerca nel sito: Parola Esatta
Aprile 2000 / TuttoPesaro
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'Eremo di San Nicola in Valmanente
Un’oasi di pace e di tranquillità

Non lontano dalla nostra città, in un luogo appartato c'è un piccolo eremo risalente al tredicesimo secolo. Si può ritenere con certezza che la presenza di quest'antico e silenzioso luogo di preghiera, pieno di storia, d'arte e di una certa atmosfera mistica, è sconosciuta a molte persone.

E' un piccolo conventino con l'annessa chiesetta di proprietà della Provincia Italiana dell'Ordine di Sant'Agostino e quindi appartenente ai Padri Agostiniani. Il luogo è dedicato oggi a San Nicola da Tolentino ed è chiamato con un nome strano e misterioso: "Valmanente". Ma perché questo strano nome? Il Padre Nicola Concetti, sulla scorta di una cronaca manoscritta dello storico pesarese Tommaso Diplovatazio, riferisce che gli Heremitae vale a dire alcuni eremiti che professavano la Regola di Sant'Agostino, edificarono il convento e la chiesetta, ora di San Nicola, nel 1238 in loco "Santa Maria in Sajano" posto apud Valmanentem, quindi vicino Valmanente e distante dalla città di Pesaro circiter mille passus (circa mille passi). Da qui appunto Valmanentem, oggi Valmanente. Il Concetti riferisce ancora che in antico, intorno al 1200, una palude tendeva ai passanti agguati mortali; in quel luogo vi erano vaste distese di sabbie mobili dove più volte qualcuno periva. Nei libri dei morti, presso l'antica parrocchia, l'amanuense trascriveva le circostanze dei decessi che avvenivano in palude, in fogli con il titolo: Manentes in vagis arenis, (rimasto, deceduto, nelle sabbie mobili) donde "Val-manente" (la valle dei morti).

Come si può evincere da una relazione capitolare redatta dal Padre Agostiniano Ludovico Zacconi relativa al convento agostiniano di Pesaro, nel 1650 già il luogo era chiamato "San Nicola" (in onore dello straordinario taumaturgo San Nicola da Tolentino che vi soggiornò dal 1257 al 1267 quando Vescovo diocesano era "Uguccione o Ugo); antecedentemente era chiamato "Santa Maria di Sajano" per la piccola chiesetta esistente dedicata alla Vergine. Nella chiesetta si conservano ancora il corpo incorrotto e le reliquie del Beato Pietro Giacomo da Pesaro morto in odore di santità nel 1496.

Per arrivarci, percorrendo la strada provinciale che unisce la città con il borgo di Novilara, poco dopo il rione abitato di Muraglia al bivio di Ca' Tamburini, occorre svoltare sulla destra ed inerpicarsi per pochi metri sulla collina. Dista dalla città circa tre chilometri. San Nicola si trova quindi sulle prime pendici poste a ridosso del centro abitato, proprio in posizione favorevole per poter piacevolmente spaziare di lassù nella sottostante vallata dove la città è vista da Sud-Est. A Sud gli fa da cortina la bella e omonima selva dalla quale emergono antichi complessi edilizi di pregio come "Villa Pinto" e "Villa Brilli" con le loro eleganti strutture architettoniche ed i loro preziosi giardini detti "all'italiana". Da San Nicola si possono intravedere ancora più a Sud, tra fitta boscaglia e sinuose collinette, gli abitati di Trebbiantico ed il castello di Novilara; più ad Est, al di là del fosso e del passo, detti appunto di Trebbiantico, il nuovo complesso residenziale del "Ledimar" che si estende sulla collina fino a lambire il territorio delle "Fonti di Sajano". A Nord, nella sottostante vallata la bella città di Pesaro, poi il colle San Bartolo con la miliare lanterna e sulla estrema sinistra le ville "Imperiale" e "Caprile".

Oggi la Valmanente è individuata territorialmente nel triangolo compreso tra la via Flaminia, la selva detta di San Nicola e l'omonima stradina. In tempi remoti, questa stradina era sicuramente di una certa importanza perché accorciava il cammino, attraverso un'amena strettoia e la ripida ombrosa discesa tuttora esistente, ai viandanti che da Novilara si recavano in città. Immerso nel verde della collina, lontano dai rumori della città, è oasi di pace e tranquillità, posto delizioso, ideale per momenti di relax o per chi desideri auscultarsi, passeggiando tra il verde dei prati o riposando all'ombra nel vicino bosco.

Giuseppe Frulli

 

 

 

 


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Riz Ortolani

<



TuttoPesaro  
  Il destino del porto
<
  Luogo di pace, percorso di guerra
<
  Ingegneria gestionale all'Università di Pesaro?
<
  Una grammatica pesarese
<
  Controvento
<
  L'Eremo di San Nicola in Valmanente
<
  La chèsa tel spiazz
<



TuttoFano  
  I fanesi e il Ducato di Urbino
<
  Fanesi alla ribalta: Paolo Del Bianco
<
  Degrado di un antico Liceo
<
  TuttaFrusaglia
<



Opinioni e Commenti  
  Le colpe dei Savoia
<
  La preghiera per la pioggia: un intervento di Mons. Angelo Bagnasco
<
  Che ne pensi
dell'utero in affitto?

<
  Un convegno all'Università di Urbino: Telefonini, pro e contro
<
  Hanno detto
<



Salute  
  Pane, frutta e… fantasia
<
  Mobbing:
La persecuzione sul posto di lavoro

<
  Gli effetti dei neurolettici
<



Società  
  Contropelo: La pubblicità spazzatura
<
  Non fate figli, adottateli
<
  La lunga marcia dei 'Vu cumprà'
<



TuttoSport  
  Memorie di pugili pesaresi
<
  La regata Pesaro-Rovigno
<



Consumatori  
  La vita digitale
<
  Ma quanto costano questi telefonini!
<
  Il Caso: Una pittrice di buon cuore
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa