Ricerca nel sito: Parola Esatta
Aprile 2000 / Salute
  Se si ricerca un testo con apostrofi non settare 'Parola esatta'  
  Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Pane, frutta e… fantasia
I consigli del dietologo – Le diete strampalate dalla A alla Z (prima parte)

Dieta, dal greco dìaita = regola di vita, nel tempo ha preso prevalentemente il significato di regime alimentare, in particolare allo scopo di dimagrire, ma anche per curare alcune malattie (quando non esistevano o quasi medicine efficaci) o utopisticamente per evitare di ammalarsi. Una dieta dimagrante seria non può, ahimè, prescindere da due semplici regole: occorre mangiare di meno e consumare di più! Tutto questo comporta sacrifici e rinunce, allora, come per la pietra filosofale che prometteva di tramutare il piombo in oro, anche per le diete c'è chi promette di dimagrire mangiando, perché no, anche salsicce e babà alla crema.

Diete, diete e diete. La fantasia di santoni, ballerini, attrici, medici veri e finti, massaggiatori, parrucchieri, allenatori e così via si è sbizzarrita negli ultimi trent'anni, proponendo diete a volte ridicole, a volte dannose se non addirittura pericolose, quasi mai efficaci.

Atkins. Ideata dall'americano Robert C. Atkins, esclude tutti gli zuccheri, compresa la frutta, e ammette un consumo illimitato di grassi e proteine, provoca rapidamente chetosi (acetone) con nausea e perdita di appetito. La chetosi rende acido il sangue ed è pericolosa per reni, cuore e fegato. La perdita di peso è iniziale ed è dovuta principalmente all'acqua che si libera dal glicogeno dei muscoli e del fegato, consumati per sopperire alla mancata introduzione di glucosio e per mantenere la glicemia sui valori di 60-100 mg/dl indispensabili al cervello. In seguito si consumano le proteine dei muscoli, con loro grave indebolimento, per produrre glucosio a partenza dagli aminoacidi. È una dieta pericolosa: sovraccarica i reni e il fegato, provoca stipsi; se associata ad anfetamine e ad altri farmaci, come facevano alcuni medici ciarlatani in Italia e in Francia negli anni ‘80, può portare a morte.

Beverly Hills. Dal nome del quartiere di Hollywood dove vivono divi famosi, in perenne lotta con la "ciccia". Solo frutta per dieci giorni, poi graduale aggiunta di alimenti. Niente latte, zucchero e sale. È squilibrata e può provocare diarrea. Fa dimagrire nei primi giorni. Un giorno di solo frutta alla settimana può essere utile per ritmare la dieta, a scopo psicologico e per chi pranza fuori casa.

Carton. Dieta priva di carboidrati (niente pane, pasta, patate, zuccheri) e di alcol, uso moderato di latte, uova, legumi, olio, burro. Poca carne. È lontana dalla nostre abitudini alimentari e a lungo andare pericolosa perché intacca le proteine dei muscoli.

Combinazioni alimentari. Mai combinare nello stesso pasto carne (acida) con pasta o latticini (alcalini), oppure verdura (alcalina) con frutta o dolci (acidi) e così via. La debole acidità o la debole alcalinità dei cibi non dà luogo a nessuna reazione chimica negativa nel nostro stomaco, che peraltro è a contenuto estremamente acido (pH di circa 1-3) e acidifica qualsiasi boccone, anche il più amaro. È priva di senso logico.

Cronodieta. Ideata dal dottor Mauro Todisco. Sceglie gli orari dei pasti secondo la cronobiologia, cioè il ciclo giornaliero (circadiano) delle ghiandole endocrine e del cervello. Se ne frega delle calorie e consiglia al mattino e a pranzo: zuccheri in abbondanza (pasta, pane, riso, miele) e verdure. A cena: proteine (carne, legumi, pesce, uova, formaggi). Non ha nessun fondamento scientifico. Circola anche una versione astrologica che consiglia gli alimenti secondo il proprio segno astrale e relativo ascendente.

Dissociata. È semplicemente farneticante: un solo gruppo di alimenti al giorno senza limiti di quantità, cioè un giorno solo alimenti zuccherini (pane, pasta, riso, pizza, dolciumi), un giorno solo proteine (uova, carne, pesce), un giorno solo grassi (salumi, formaggi, burro), un altro solo frutta o solo verdure. Si dimagrisce inizialmente perché la monotonia frena l'appetito. Non educa assolutamente ad una alimentazione sana e variata. Una versione attenuata è quella di un solo alimento a sazietà a pasto invece che al giorno. È detta anche dieta di Antoine (chi sarà: il cantante anni ‘70?)

Eubiotica. Letteralmente "buona vita". È una dieta ideologica per chi odia la chimica e gli alimenti preparati industrialmente e vorrebbe tornare ai tempi delle verdure concimate con il letame naturale, alle uova del proprio pollaio o alla pasta ottenuta senza manipolazioni di alcun tipo e da grano coltivato in terreni vergini. La carne e il pesce di solito sono esclusi perché gli esseri viventi uccisi conterrebbero tossine (anche l'insalata è un essere vivente!). La frutta, chissà perché non va consumata mai a fine pasto (rovinerebbe la digestione e ostacolerebbe l'assimilazione degli altri nutrienti). È innocua, ma non fa dimagrire di per sé.

Fantino. Attribuita ai fantini che, come noto, sono leggerissimi (per costituzione ereditaria). A base di carne magra e verdure, è la dieta "bistecca e insalata", efficace per qualche giorno ma pericolosa perché squilibrata e monotona mancando i carboidrati.

Frank e Kuhn. Quasi soltanto pesce e frutti di mare. Il pesce è più magro della carne e contiene grassi insaturi che prevengono l'arteriosclerosi, ben venga quindi più pesce nella dieta degli italiani. Mangiare solo pesce è monotono e costoso, a meno di essere un hawaiano.

Gayelord-Hauser. Una prima settimana di soli frutta e yogurt, una seconda di carne, frutta e verdura. Squilibrata mancando i carboidrati, provoca acetone.

Hollywood. Un'altra dieta partorita dalla fantasia di attori americani. Noci, uova e frutti esotici (ananas, mango, papaia che "neutralizzerebbero" i grassi eventualmente ingeriti), cereali integrali, bevande di frutta, ha poche proteine. Va bene per qualche giorno di vacanza ai tropici.

Irakena. Uova e cetrioli e poche altre verdure, è la dieta prescritta da Saddam Hussein al suo popolo prima della guerra del Golfo, per riportarlo alle antiche virtù guerriere; poi continuata a causa dell'embargo. Fa di necessità virtù, ma è fortemente carente ed è ricca soltanto di troppo colesterolo.

Liquida. Solo bevande non zuccherate, succhi di frutta e di verdura, beveroni di pasti sostitutivi (proteine da latte in polvere, cacao e altri aromi, grassi e lecitine in polvere, dolcificanti). È efficace temporaneamente e può entrare tra le diete a basso contenuto calorico (LCD e VLCD), richiede attento controllo medico e non è adatta al dimagrimento vero che è a lungo termine.

Luciano Baffioni Venturi


 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Riz Ortolani

<



TuttoPesaro  
  Il destino del porto
<
  Luogo di pace, percorso di guerra
<
  Ingegneria gestionale all'Università di Pesaro?
<
  Una grammatica pesarese
<
  Controvento
<
  L'Eremo di San Nicola in Valmanente
<
  La chèsa tel spiazz
<



TuttoFano  
  I fanesi e il Ducato di Urbino
<
  Fanesi alla ribalta: Paolo Del Bianco
<
  Degrado di un antico Liceo
<
  TuttaFrusaglia
<



Opinioni e Commenti  
  Le colpe dei Savoia
<
  La preghiera per la pioggia: un intervento di Mons. Angelo Bagnasco
<
  Che ne pensi
dell'utero in affitto?

<
  Un convegno all'Università di Urbino: Telefonini, pro e contro
<
  Hanno detto
<



Salute  
  Pane, frutta e… fantasia
<
  Mobbing:
La persecuzione sul posto di lavoro

<
  Gli effetti dei neurolettici
<



Società  
  Contropelo: La pubblicità spazzatura
<
  Non fate figli, adottateli
<
  La lunga marcia dei 'Vu cumprà'
<



TuttoSport  
  Memorie di pugili pesaresi
<
  La regata Pesaro-Rovigno
<



Consumatori  
  La vita digitale
<
  Ma quanto costano questi telefonini!
<
  Il Caso: Una pittrice di buon cuore
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Brevi
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa